Clicky

Paolo Ferrero*   Nei giorni scorsi, il premier ucraino Zelensky, commentando l’andamento della lungamente annunciata controffensiva, ha annunciato: “Stiamo avanzando”. Si tratta di una bugia, l’ennesima di una guerra che è combattuta nei media, per orientare le opinioni pubbliche, quando nei campi di battaglia. In realtà l’esercito ucraino, dopo oltre due settimane...
Pubblichiamo l'intervista a Vincenzo Riccio (Presidente dell'Associazione delle vittime di uranio impoverito) e all'avvocato Angelo Fiore Tartaglia, di Gregorio Piccin. L’uranio impoverito è uno scarto delle centrali nucleari trasferito anche all’uso militare. È un grande business: le multinazionali dell’energia nucleare risparmiano milioni di dollari per lo stoccaggio sicuro passandolo...
La  decisione del governo britannico di fornire munizioni all'uranio impoverito alle forze armate ucraine è l'ennesima prova del fatto che a Stati Uniti, Nato e cancellerie europee della sorte degli ucraini non importa nulla. L'uso del metallo pesante da parte di Stati Uniti, Regno Unito e Nato in trent'anni di...
Frei Betto* Gli Stati Uniti, l’impero più potente della storia, sono come il dio azteco Tezcatlipoca: si nutrono di vittime umane. Uno dei principali motori della loro economia in espansione è l’industria bellica. Le guerre sono necessarie a Wall Street per raccogliere enormi dividendi. Per tutto il XX secolo, il nemico...
di Luciano Ardesi - Il XVI° Congresso del Fronte Polisario, il movimento di liberazione del Sahara Occidentale, si è svolto dal 13 al 20 gennaio a Dakhla, uno dei campi profughi che accolgono i rifugiati sahrawi nel deserto algerino a sud della città di Tindouf. Si è trattato di un...
Gregorio Piccin* Mentre è in corso il dibattito nazionale ed europeo sul nuovo invio di armi all'Ucraina escono i dati del rapporto Sipri sulla produzione mondiale di armamenti e servizi militari: il 78,2% è controllato da multinazionali dei Paesi Nato e dei loro alleati Secondo lo Stockholm international peace research institute...
di Collettivo Autonomo Lavoratori Portuali Appello per un’assemblea pubblica e una mobilitazione contro la guerra e il traffico d’armi. Negli anni scorsi, nel porto di Genova, una mobilitazione partita dai lavoratori del porto ha impedito l’imbarco di materiale bellico diretto in Arabia Saudita e destinato alla guerra in Yemen. Analoghe manifestazioni a...
Mr. Fish Il lato oscuro dei Democratici I Democratici si posizionano come il partito della virtù, ammantando il loro sostegno all’industria bellica con un linguaggio morale che risale alla Corea e al Vietnam, quando il presidente Ngo Dinh Diem era osannato come il presidente ucraino Volodymyr Zelensky. Tutte le guerre che...
Il Partito della Sinistra europea porterà all'attenzione del Parlamento Ue la questione delle morti di militari e civili causate dagli armamenti contenenti il metallo pesante e usati nei teatri di guerra e nei poligoni di tiro dalla Nato. Una strage silenziosa al centro di una battaglia giudiziaria in Italia La...
di Gregorio Piccin - La guerra in Ucraina è la fiera degli errori e degli orrori ed è pagata, come tutte le guerre, dalle persone comuni in termini di vite umane e sofferenze per la crisi sociale che l’accompagna. Iniziata nel 2014 come guerra civile etnico-nazionalista sobillata dalla intelligence anglo-statunitense...