Brasile: 31 marzo 1964 – 31 marzo 2016

Brasile: 31 marzo 1964 – 31 marzo 2016

di Teresa Isenburg

 1° aprile 1964: “o dia da mentira” (il giorno della menzogna),  come si dice in portoghese per indicare quello che per noi è il giorno del pesce d’aprile. Giorno della menzogna che nel 1964 fece calare la notte della dittatura militare illegale per vent’anni sul Brasile utilizzando sistematicamente  la tortura, comprimendo la retribuzione salariale e deformando l’impalcatura dello stato e il sistema di pesi e contrappesi che deve coordinare la divisione dei tre poteri. A distanza da 52 anni da quel giorno, il Brasile vive un periodo di forte instabilità politica in cui il rispetto della legalità è minacciato da manovre giuridico-mediatiche anticostituzionali e da lentezza omissiva di segmenti delle istituzioni ancora parzialmente intrappolate in sistemi politico-amministrativi-procedurali  figli dello stato dittatoriale. Il cammino per materializzare  la Costituzione del 1988 nel corpo vivo dello Stato e del paese è lungo e pieno di inciampi ( e l’Italia ben sa di ciò per la sua storia degli ultimi decenni).

In coincidenza con questa data simbolica giovedì 31 marzo 2016 le due strutture di coordinamento di movimenti sociali e politici  diversi  Frente Brasil Popular e Frente Povo sem medo (Brasile senza paura) hanno indetto manifestazioni decentrate, ma a scala  nazionale,  per scendere in piazza in difesa della democrazia, della legalità, contro l’utilizzo senza basi legali dell’istituto dell’impeachment, per i diritti sociali conquistati e da rafforzare. 

Secondo il presidente della CTB (Centrale dei Lavoratori e delle Lavoratrici del Brasile) Adilson Araújo (Portal Vermelho), le manifestazioni hanno superato le aspettative degli organizzatori e riflettono l’impegno della popolazione nella lotta contro il golpe. “Le informazioni che giungono sono al di sopra delle aspettative.   … Di fronte al golpe in corso, (si nota che) le persone si mobilitano, cresce la giusta percezione che è necessario combattere questa aggressione alla democrazia.” Pur nella eterna disputa sui numeri, si può valutare che una massa di circa 800.000 persone ha invaso 80 municipi di tutti gli stati brasiliani e almeno 25 città all’estero. Da quello che si vede dalle immagini, la partecipazione è socialmente molto differenziata, con cittadini e cittadine di tutti gli strati sociali, partecipazione di neri molto significativa, intellettuali e artisti di varia espressione. Alle spalle delle persone presenti quasi sempre ci sono organizzazioni attive da tempo e nel tempo: comitati territoriali, associazioni culturali, gruppi di appassionati di sport: non sono presenze estemporanee, mosse da momentanea emozione.

Attingendo un po’ casualmente da molte dichiarazioni e commenti che si susseguono, si può citare la politologa della UFSCas Università Federale di San Carlos (SP) Maria do Socorro Sousa Braga (Carta Capital):  le manifestazioni  mettono in luce il consolidamento della democrazia brasiliana, indipendentemente dalla posizione di coloro che ad esse prendono parte: “Fa parte della dinamica democratica avere una maggiore espressione di  differenti domande e differenti punti di vista. Non si può essere intolleranti al riguardo di questo diritto.” E ancora: le manifestazioni contro l’impeachment della Presidente Dilma Rousseff  del 31 marzo in diverse città sono “una dimostrazione che non si concorda con questa forma assurda di volere deporre una persona eletta democraticamente nelle urne, mentre  non vi è nessuna prova né di corruzione né di altri aspetti per deporre la Presidente.”

Anche nella città di San Paolo, dove più forte è la presenza di una destra molto radicalizzata su posizioni violente e spesso razziste e discriminanti,  la piazza della Cattedrale era gremita.

brasile 31

 

 

 

 

 

 

 

 

 

ALTRI ARTICOLI SU SITUAZIONE BRASILE:

10 cose che il Brasile intero deve sapere

Impeachment contro Dilma è incostituzionale

Precisazioni sui fatti che riguardano il presidente Lula

Brasile: metalmeccanici dicono no al golpe

- Frente Amplio (Uruguay): Dichiarazione sulla situazione in Brasile

- Mujica: “a mio parere è cosa molto buona avere Lula nel governo”

Movimento Sem Terra: vogliono travolgere Dilma per tornare al neoliberismo

La democrazia brasiliana minacciata. Intellettuali si mobilitano

- Brasile: da Lava-Jato all’illegalità

Luciana Santos (PCdoB): Il giudice Moro e settori mediatici tramano un golpe

-  Brasile: Manifesto in difesa dell’ordine costituzionale e delle istituzioni democratiche

Teresa Isenburg: Cosa sta succedendo in Brasile?

-  Il PRC condanna la grave provocazione contro Lula Da Silva

 





 

Sostieni il Partito con una




 
Appuntamenti

PRIVACY

Installa l'App Rifondazione


Sostieni
Rifondazione Comunista
con una
donazione





o tramite bonifico sul cc intestato al PRC-SE al seguente IBAN: IT74E0501803200000011715208 presso Banca Etica.