Montly Review sulla guerra in Ucraina

Montly Review sulla guerra in Ucraina

Pubblichiamo l’editoriale di apertura del prossimo numero di aprile di Montly Review, la storica rivista marxista statunitense fondata nel 1949 da Paul Sweezy e Leo Huberman e oggi diretta dall’ecomarxista Jeremy Bellamy Foster. (M.A.)

Mentre scriviamo queste note all’inizio di marzo 2022, la guerra civile limitata che dura da otto anni in Ucraina si è trasformata in una guerra su vasta scala. Questa rappresenta un punto di svolta nella Nuova Guerra Fredda e una grande tragedia umana. Minacciando l’olocausto nucleare globale, questi eventi stanno mettendo in pericolo anche il mondo intero. Per comprendere le origini della Nuova Guerra Fredda e l’inizio dell’attuale ingresso russo nella guerra civile ucraina, è necessario risalire alle decisioni legate alla creazione del Nuovo Ordine Mondiale prese a Washington quando la precedente Guerra Fredda si concluse nel 1991. In pochi mesi, Paul Wolfowitz, allora sottosegretario alla Difesa per la politica nell’amministrazione di George HW Bush, pubblicò una Guida alla politica di difesa affermando: “La nostra politica [dopo la caduta dell'Unione Sovietica] deve ora concentrarsi nuovamente sull’impedire l’emergere di qualsiasi potenziale futuro concorrente globale”. Wolfowitz sottolineò che “la Russia rimarrà la potenza militare più forte in Eurasia”. Sono stati quindi necessari sforzi straordinari per indebolire la posizione geopolitica della Russia in modo permanente e irrevocabile, prima che fosse in grado di riprendersi, portando nell’orbita strategica occidentale tutti quegli stati che ora la circondano che in precedenza erano stati parti dell’Unione Sovietica o che rientravano nella sua sfera di influenza (“Excerpts from Pentagon’s Plan: ‘Preventing the Re-Emergence of a New Rival‘, New York Times , 8 marzo 1992).

La Defense Policy Guidance di Wolfowitz fu adottata da Washington e da tutti i principali pianificatori strategici statunitensi, le cui opinioni a quel punto tornavano sempre più indietro alle classiche dottrine geopolitiche introdotte da Halford Mackinder nella Gran Bretagna imperiale prima della prima guerra mondiale, e che furono ulteriormente sviluppate da Karl Haushofer nella Germania nazista e Nicholas John Spykman negli Stati Uniti negli anni ’30 e ’40. Fu Mackinder che nel 1904 introdusse l’idea che il controllo geopolitico del mondo dipendesse dal dominio dell’Eurasia (la principale massa continentale dei continenti europeo e asiatico), che chiamò Heartland. Il resto dell’Asia e dell’Africa insieme all’Heartland formavano l’Isola Mondo. Così è nato il suo detto spesso citato:

«Chi controlla l’Est Europa comanda l’Heartland: chi controlla l’Heartland comanda l’Isola-Mondo: chi controlla l’Isola-Mondo comanda il mondo»

Questa dottrina geopolitica era, fin dall’inizio, mirata al dominio del mondo e da allora ha governato la strategia imperiale delle principali nazioni capitaliste, nella forma di quella che viene comunemente definita “grande strategia”. Ma mentre ha dettato il pensiero di figure della sicurezza nazionale degli Stati Uniti come Henry Kissinger e Zbigniew Brzezinski, la geopolitica è stata per molto tempo sottovalutata nella sfera pubblica a causa dell’identificazione popolare di essa con le dottrine della Germania nazista. Tuttavia, con la fine dell’Unione Sovietica e la crescita degli Stati Uniti come potenza unipolare, la geopolitica e la dottrina di Heartland furono ancora una volta apertamente dichiarate dai pianificatori strategici statunitensi, generando una nuova grande strategia imperiale post-Guerra Fredda (John Bellamy Foster , “The New Geopolitics of Empire,” Monthly Review 57, no. 8 [January 2006]).

L’architetto più importante di questa nuova strategia imperiale fu Brzezinski, che in precedenza, in qualità di consigliere per la sicurezza nazionale di Jimmy Carter, aveva teso la trappola ai sovietici in Afghanistan. Fu sotto la direzione di Brzezinski, a seguito di una direttiva segreta firmata da Carter nel luglio 1979, che la CIA, collaborando con l’arco dell’Islam politico che si estende dal Pakistan di Muhammad Zia-ul Haq ai reali sauditi, reclutò, armò e addestrò i Mujaheddin in Afghanistan. La formazione da parte della CIA dei Mujaheddin e di vari gruppi terroristici in Afghanistan accelerò l’intervento sovietico, portando a una guerra senza fine che ha contribuito alla destabilizzazione della stessa Unione Sovietica. Alla domanda se si sia pentito di aver stabilito l’arco del terrorismo che avrebbe portato all’11 settembre e oltre, Brzezinski (che ha posato in foto con i combattenti mujaheddin) rispose semplicemente dicendo che ne era valsa la pena vista la distruzione dell’Unione Sovietica (Natylie Baldwin, “Brzezinski’s Mad Imperial Strategy,” Natylie’s Place, August 13, 2014; Ted Snider, “Living with Brzezinski’s Mess,” Antiwar.com, August 26, 2021, “Brzezinski’s Prophecy About Ukraine,” Teller Report, February 15, 2022).

Brzezinski rimase un consigliere chiave per le successive amministrazioni statunitensi, ma non ebbe un ruolo ufficiale di primo piano, data la sua reputazione da falco e la visione estremamente negativa di lui in una Russia, che, all’inizio degli anni ’90 sotto Boris Eltsin, aveva uno stretto legame simile a quello di un burattino con Washington. Tuttavia, più di ogni altro pensatore strategico statunitense, è stato Brzezinski ad articolare la grande strategia statunitense sulla Russia che è stata portata avanti in tre decenni dalle successive amministrazioni statunitensi. Le guerre della NATO che hanno smembrato la Jugoslavia negli anni ’90 si sono sovrapposte all’inizio dell’espansione della NATO verso est. Washington aveva promesso al Cremlino sotto Mikhail Gorbaciov, al momento della riunificazione tedesca, che la NATO non si sarebbe allargata “nemmeno di un pollice” a est nei paesi dell’ex Patto di Varsavia. Tuttavia, nell’ottobre 1996, Bill Clinton, durante la campagna per la rielezione, dichiarò di essere favorevole all’espansione della NATO nell’ex sfera sovietica e l’anno successivo fu avviata la politica seguita da tutte le successive amministrazioni statunitensi. Poco dopo, nel 1997, Brzezinski pubblicò il suo libro, The Grand Chessboard: American Primacy and Its Geostrategic Imperatives, in cui dichiarava che gli Stati Uniti stavano “per la prima volta in assoluto [per] una potenza non eurasiatica” per diventare “l’arbitro chiave delle relazioni di potere eurasiatiche”, mentre costituivano anche “la potenza suprema del mondo”. In questo modo, gli Stati Uniti sarebbero diventati il “primo” e l’”ultimo” impero globale (Brzezinski, Grand Chessboard [Basic Books, 1997], xiii, 209; Diana Johnstone,  Fool’s Crusade [Monthly Review Press, 2002]; “NATO Expansion: What Gorbachev Heard,” National Security Archive, George Washington University; “President W. J. Clinton to the People of Detroit,” United States Information Agency, October 22, 1996).

Affinché l’Alleanza Atlantica sotto la guida degli Stati Uniti dominasse l’Eurasia, era prima necessario che ottenesse il primato su quello che Brzezinski chiamava “il buco nero” lasciato dall’uscita dell’Unione Sovietica dalla scena mondiale. Questo significava cercare di indebolire la Russia al punto che non potesse più rivendicare lo status di grande potenza. Il “perno geopolitico” chiave su cui fare leva, insisteva Brzezinski, era l’Ucraina. Persa l’Ucraina, la Russia sarebbe stata irrevocabilmente indebolita, mentre un’Ucraina incorporata come parte della NATO sarebbe stata un pugnale nel cuore di Mosca. Tuttavia, qualsiasi tentativo di rivoltare l’Ucraina contro la Russia, avvertiva, sarebbe visto come una grave minaccia alla sicurezza, una linea rossa, dalla Russia stessa. Questo poi richiedeva “l’allargamento della NATO”, estendendola fino all’Ucraina, spostando le armi strategiche a est, con l’obiettivo di ottenere infine il controllo dell’Ucraina stessa. L’attuazione di questa grande strategia avrebbe reso anche l’Europa, in particolare la Germania, più dipendente dagli Stati Uniti, minando l’indipendenza dell’Unione Europea (Brzezinski, Grand Chessboard, 41, 87–92, 113, 121–22, 200).

C’erano, ovviamente, dei rischi per il grande gioco. Sebbene gli Stati Uniti, affermava Brzezinski, dovrebbero sostenere l’espansione della NATO fino in fondo nell’ex Unione Sovietica, penetrando in Ucraina, con la quale la Russia condivide un confine di 1.200 miglia, osservava che, se questa iniziativa avesse successo, inevitabilmente costringerebbe la Russia tra le braccia della Cina. Cina e Russia potrebbero formare un “blocco antiegemonico” opposto agli Stati Uniti, forse includendo anche l’Iran. Il risultato sarebbe una situazione geopolitica simile all’inizio della Guerra Fredda ai tempi del blocco sino-sovietico, anche se questa volta con una Russia molto più debole e una Cina molto più forte. La risposta a questo, nella mente di Brzezinski, era fare pressione sulla Cina attraverso Taiwan e Hong Kong, e anche nella penisola coreana, e attraverso la promozione di un’alleanza allargata incentrata su Giappone e Australia.

Tuttavia, in tutto questo, secondo la dottrina di Brzezinski, la chiave dello scacco matto della Russia, e l’anello debole con cui Washington potrebbe conquistare il dominio sull’Eurasia, resta l’Ucraina. Il completo dominio USA/NATO dell’Ucraina era una minaccia di morte virtuale per la Russia, forse anche puntando, sotto ulteriore pressione, alla sua stessa disgregazione in stati minori. La Cina sarebbe quindi destabilizzata anche dal suo Far West (Brzezinski, Grand Chessboard , 103, 116–17, 164–70, 188–90).

La relazione tra la strategia della “grande scacchiera” di Brzezinski e le azioni effettivamente intraprese da Washington negli ultimi tre decenni dovrebbe essere ovvia. Dalla caduta del muro di Berlino nel 1989, la NATO ha assorbito quindici paesi, tutti a est, che in precedenza facevano parte del Patto di Varsavia o erano regioni all’interno dell’Unione Sovietica. A est, lungo i confini di Russia, Bielorussia e Ucraina, la NATO ha assistito a un importante potenziamento militare. Attualmente ha una presenza aerea in Estonia, Lituania e Romania. Le truppe statunitensi e le truppe multinazionali della NATO sono ammassate in Estonia, Lituania, Lettonia, Polonia e Romania. Le strutture di difesa missilistica della NATO si trovano in Polonia e Romania. L’oggetto di tutte queste installazioni militari avanzate (per non parlare di quelle nell’Europa centrale e occidentale) è la Russia (““Here’s Where Alliance Forces Are Deployed Across Eastern Europe,” CNN, February 10, 2022; “Why Russia Wanted Security Guarantees from the West,” Strategic Culture Foundation, February 27, 2022).

Nel 2014, Washington ha aiutato a progettare un colpo di stato in Ucraina rovesciando il presidente democraticamente eletto Victor Yanukovich. Yanukovich era stato amico dell’Occidente. Ma di fronte alle condizionalità finanziarie imposte dal Fondo Monetario Internazionale, il suo governo si rivolse alla Russia per un aiuto economico, facendo infuriare l’Occidente. Questo portò al colpo di stato di Maidan solo pochi mesi dopo, con il nuovo leader ucraino selezionato dagli Stati Uniti. Il colpo di stato fu compiuto in parte dalle forze neonaziste, che hanno radici storiche nelle truppe fasciste ucraine che collaborarono con l’invasione nazista dell’Unione Sovietica. Oggi queste forze sono concentrate nel Battaglione Azov, ora parte dell’esercito ucraino supportato dagli Stati Uniti. Il dominio dell’Ucraina da parte delle forze ultranazionaliste ucraine di destra e dei gruppi russofobi a seguito del colpo di stato ha portato a ribellioni nella regione del Donbass orientale del paese e a una brutale repressione, con più di quaranta persone bruciate vive nell’edificio pubblico del sindacato a Odessa, dove si erano rifugiate, per mano di forze di destra (Bryce Green, “What You Should Really Know About Ukraine,” FAIR, February 24, 2022; David Levine, “Council of Europe Report on Far-Right Massacre in Odessa,” Word Socialist Web Site, January 19, 2016).

In seguito al colpo di stato, la Crimea, a maggioranza russa, ha deciso di fondersi con la Russia attraverso un referendum in cui anche al popolo della Crimea è stata data la possibilità di andare avanti come parte dell’Ucraina. La regione del Donbas, in gran parte di lingua russa, nella parte orientale del Paese, nel frattempo si è staccata dall’Ucraina, in risposta alla violenta repressione contro l’etnia russa scatenata dal nuovo governo di destra. Questo ha portato alla formazione di due repubbliche popolari di Lugansk e Donetsk nel contesto della guerra civile ucraina. Luhansk e Donetsk hanno ricevuto il sostegno militare dalla Russia, mentre l’Ucraina (Kiev) ha ricevuto un sostegno militare occidentale sempre maggiore, avviando di fatto il processo a più lungo termine di incorporazione dell’Ucraina nella NATO (Arina Tsukanova, “So Who Annexed the Crimean Peninsula Then,” Strategic Culture Foundation, March 28, 2017; “What Donetsk and Lugansk People’s Republics Are,” Strategic Culture Foundation, February 28, 2022).

Nella guerra dell’Ucraina contro la popolazione di lingua russa nelle repubbliche separatiste del Donbass, circa 14.000 persone sono state uccise e 2,5 milioni di persone sono state sfollate, la maggior parte delle quali si è rifugiata in Russia. Il conflitto iniziale si è concluso con la firma nel 2014-15 degli accordi di Minsk da parte di Francia, Germania, Russia e Ucraina e approvati dal Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite. Secondo questi accordi, Donetsk e Luhansk avrebbero dovuto ottenere il diritto all’autogoverno, pur rimanendo parte dell’Ucraina. Tuttavia, il conflitto militare è continuato e alla fine si è intensificato di nuovo. Nel febbraio 2022, c’erano 130.000 soldati ucraini che assediavano e sparavano su Luhansk e Donetsk, distruggendo di fatto gli accordi di Minsk (Abdul Rahman, “What Are the Minsk Agreements—And What Are Their Role in the Russia-Ukraine Crisis,” February 22, 2022; “Who Is Firing at Whom And Who Is Lying About It?,” Moon of Alabama, February 20, 2022).

La Russia ha insistito sul rispetto degli accordi di Minsk insieme alla richiesta che l’Ucraina non fosse coinvolta nella NATO e che il rapido rafforzamento militare sostenuto dagli Stati Uniti in Ucraina diretto contro le repubbliche del Donbas cessasse. Vladimir Putin ha dichiarato che queste richieste erano tutte “linee rosse” per la sicurezza della Russia, che se superate avrebbero costretto Mosca a rispondere. Quando l’Ucraina e la NATO dominata dagli Stati Uniti hanno continuato a superare la linea rossa, la Russia è intervenuta massicciamente nella guerra civile in corso in Ucraina in alleanza con Donetsk e Luhansk.

La guerra è un crimine contro l’umanità e oggi la guerra tra le grandi potenze minaccia l’annientamento totale. L’unica risposta è dare una possibilità alla pace, e questo richiede di trovare una soluzione che garantisca la sicurezza di tutte le parti coinvolte nella guerra civile in Ucraina e in Russia. In una prospettiva più ampia, dobbiamo riconoscere che la guerra è endemica del capitalismo e che sia la Russia che le potenze della NATO sono capitaliste. Solo un ritorno al percorso socialista sia in Ucraina che in Russia può offrire una soluzione duratura.

10 marzo 2022

traduzione di Maurizio Acerbo 


Sostieni il Partito con una



 
Appuntamenti

PRIVACY

Installa l'App Rifondazione






o tramite bonifico sul cc intestato al PRC-SE al seguente IBAN: IT74E0501803200000011715208 presso Banca Etica.