La salute non si brevetta

La salute non si brevetta

 

Alberto Deambrogio*

Sul numero di novembre di Lavoro e Salute dello scorso anno Vittorio Agnoletto, nel corso di un’intervista, lanciò in anteprima nazionale un’iniziativa europea finalizzata ad ottenere vaccini e cure gratuite contro il covid-19 per tutte e tutti. Si tratta di una raccolta firme su una petizione regolamentata scrupolosamente dalle normative ICE (Iniziativa dei Cittadini Europei), che qualora raggiungesse il milione di firme entro un anno dalla partenza, metterebbe la Commissione Europea nella condizione di dover prendere decisioni nel merito con un atto legislativo concreto. Nelle scorse settimane si è costituito un gruppo di sostegno italiano all’iniziativa che comprende diverse personalità oltre naturalmente ad Agnoletto (presentatore per l’Italia dell’ICE presso la Commissione Europea). Si tratta di: Marco Bersani (resp. Attac Italia), Raffaella Bolini (Dialogo Globale), Maria Bonafede (pastora Valdese), Don Luigi Ciotti (Presidente di Libera, Gruppo Abele), Monica Di Sisto (vicepresidente di Fairwatch), Silvio Garattini (medico, ricercatore, fondatore dell’Istituto Mario Negri), Roberto Morea (Transform! Italia), Gino Strada (medico, fondatore di Emergency), Franco Cavalli (invitato d’onore, oncologo, già presidente dell’Unione Internazionale contro il cancro, Svizzera).

Il sostegno è arrivato anche da un nutrito gruppo di soggettività collettive sociali, culturali, sindacali e politiche. L’elenco completo è rintracciabile sul sito: www.noprofitonpandemic.eu/it. A questo indirizzo è altresì possibile firmare con modalità molto semplici: bastano cinque minuti e la carta d’identità.

Lo sviluppo drammatico di queste ultime settimane, con i ritardi inaccettabili nelle consegne delle dosi vaccinali annunciati dai principali produttori privati (Pfizer, Moderna e Astra Zeneca), testimoniano fattualmente che la campagna di raccolta firme non solo è necessaria, ma rappresenta il principale strumento di lotta e partecipazione per un diritto alla salute esigibile per tutte e per tutti. Nelle mani di Big Pharma, dei colossi della produzione farmaceutica, il futuro delle persone è sottomesso a logiche di profitto. I contratti con le istituzioni pubbliche sono secretati, opachi e, quando si riesce a fare un minimo di luce, risultano tutti sbilanciati a favore delle aziende. Come ha ricordato Vittorio Agnoletto occorre invece che si facciano valere, al fine di una produzione corretta, le licenze obbligatorie, che si ponga una moratoria sui brevetti (come richiesto in primis da Sudafrica e India), che i vaccini diventino bene comune a fonte del fatto che la parte pubblica investe ingentissime risorse per la ricerca.

Se questa è la cornice generale in cui si stanno muovendo i promotori della campagna europea, è altresì importante non dimenticare o, peggio, sottovalutare alcune questioni o domande che vengono poste da persone attente, che si accostano criticamente al problema. Le donne e gli uomini che prima di firmare hanno bisogno di capire meglio sono innanzitutto una risorsa per lo sviluppo dell’iniziativa: se risolvono i loro dubbi e firmano, saranno sicuramente dei buoni futuri promotori. Qui di seguito proviamo ad enucleare alcuni dubbi, forse i più frequenti, al fine di fornire risposte il più possibile precise e utili.

Perché lanciamo questa petizione?

Pensiamo che di fronte a una pandemia tutti dovrebbero avere diritto a una cura. Migliaia di scienziati in tutto il mondo stanno lavorando duramente per trovare un vaccino per Covid-19. Ma le grandi multinazionali farmaceutiche vogliono capitalizzare la pandemia. Vogliono privatizzare il vaccino attraverso i brevetti per ottenere molti profitti. Questo è inaccettabile.

Tutti hanno diritto al vaccino contro il coronavirus. Inoltre, dal punto di vista della salute pubblica, offrire un vaccino o un trattamento il più ampio possibile in tutto il mondo è il modo migliore per superare una pandemia. Il vaccino contro la poliomielite è stato commercializzato senza brevetto e questo ha contribuito notevolmente all’eradicazione della malattia in molte regioni del mondo. Le cure per l’HIV / AIDS, d’altra parte, sono diventate accessibili nei paesi in via di sviluppo solo un decennio dopo che erano disponibili nei paesi più ricchi. Ciò ha causato molte vittime aggiuntive e inutili.

Cosa stiamo chiedendo esattamente?

Vogliamo rendere i vaccini e i trattamenti anti-pandemici un bene pubblico globale, liberamente accessibile a tutti. Non dovrebbero diventare proprietà privata di una o poche multinazionali farmaceutiche, ma appartenere a tutte/i. Vogliamo garantire che i diritti di proprietà intellettuale, inclusi i brevetti, non ostacolino l’accessibilità o la disponibilità di qualsiasi futuro vaccino o trattamento Covid-19.

Il presidente della Commissione europea Ursula Von der Leyen, così come il presidente francese Emmanuel Macron e la cancelliera tedesca Angela Merkel hanno fatto riferimento a questa opzione. Vogliamo che la Commissione lo difenda nelle istituzioni e nei negoziati globali pertinenti, ma chiediamo anche alla Commissione di proporre tutta la legislazione necessaria all’interno dell’Unione europea, tenendo conto del trattato sul funzionamento dell’Unione europea e in particolare, ma non esclusivamente, sulla base degli articoli 114, 118 e 168 dello stesso.

Cosa significa esattamente un “bene pubblico globale”?

Un bene pubblico globale significa che il vaccino o il trattamento, e i dati correlati, non appartengono a una o poche società private. Ciò può essere ottenuto in diversi modi, in particolare limitando i diritti di proprietà intellettuale, come i brevetti, ai sensi dell’art. 27.3 (a) dell’accordo TRIPS, o la creazione di un pool di brevetti obbligatorio con accesso aperto a tutti i diritti relativi a uno specifico strumento sanitario. Un pool di brevetti obbligatorio, governato da un ente senza scopo di lucro. I pool di brevetti possono consentire a terzi di acquisire, a un prezzo ragionevole, licenze non esclusive per la proprietà intellettuale necessaria per sviluppare i prodotti. Per migliorare l’accesso al trattamento antiretrovirale nei paesi a basso e medio reddito, nel 2010 è stato istituito un Medicines Patent Pool. Il pool di brevetti in seguito è arrivato a includere trattamenti per la tubercolosi e l’epatite. Recentemente, all’interno dell’OMS, è stato istituito un COVID-19 Technology Access Pool (C-TAP) in cui i titolari dei diritti della tecnologia sanitaria COVID-19 sono invitati a condividere volontariamente le conoscenze, la proprietà intellettuale e i dati relativi alla tecnologia sanitaria COVID-19.

Un altro strumento che gli Stati membri possono utilizzare per garantire un accesso potenzialmente gratuito sono le licenze obbligatorie.

Qual è il problema con i brevetti?

I brevetti sono diritti di proprietà intellettuale, progettati per conferire al titolare del brevetto, solitamente un’azienda, un diritto esclusivo sulla produzione e la vendita, ad esempio, di prodotti farmaceutici. I brevetti limiteranno sia l’accessibilità che la disponibilità di futuri farmaci o vaccini Covid-19. Limitano l’accessibilità in quanto consentono a un’azienda farmaceutica, che gode di un monopolio, di determinare il prezzo del farmaco. I meccanismi di fissazione dei prezzi del settore sono notoriamente non trasparenti e spesso basati sulla “disponibilità a pagare”, più che sui costi di sviluppo e produzione. Quindi l’accesso sarà limitato a quei pazienti in grado di pagare, o abbastanza fortunati da avere un’assicurazione sanitaria, pubblica o privata, che finanzia i farmaci. I paesi con una posizione contrattuale più forte nei confronti delle società multinazionali potrebbero ottenere prezzi inferiori rispetto ai paesi più deboli.

I brevetti limitano anche la disponibilità del farmaco in quanto vietano ad altre aziende di immettere il farmaco sul mercato, mentre nessuna azienda è oggi in grado di produrre quantità sufficienti per tutti coloro che necessitano del farmaco. Problemi simili sono stati rilevati con il brevetto 3M sulle maschere per il viso medicali ad alta protezione in quanto ha impedito ad altre aziende di produrle anche nel pieno della crisi.

È legale secondo il diritto internazionale sulla proprietà intellettuale?

L’accordo sugli aspetti dei diritti di proprietà intellettuale attinenti al commercio (TRIPS) è stato allegato all’accordo che istituisce l’Organizzazione mondiale del commercio (OMC) nel 1994. Stabilisce standard minimi per la protezione della proprietà intellettuale (PI) che devono essere osservati e applicati da tutti Stati membri, ma anche flessibilità. Nell’articolo 27 elenca importanti eccezioni. Questo articolo afferma ad esempio che gli Stati membri possono escludere dalla brevettabilità: “metodi diagnostici, terapeutici e chirurgici per il trattamento di esseri umani o animali”.

Anche quando i brevetti sono stati concessi, TRIPS include disposizioni chiamate “licenze obbligatorie”. Questo è il diritto di ogni paese di includere nella propria legislazione sui brevetti una disposizione che consenta a un produttore locale di fabbricare e commercializzare prodotti senza l’autorizzazione del titolare del brevetto.

Che competenza ha l’Unione europea in materia?

L’Unione europea può agire in modi diversi.

A livello internazionale, durante i negoziati in organismi come l’Organizzazione mondiale della sanità – o per gli strumenti COVID-19 all’interno dell’Accelerator ACT – l’Unione Europea può e deve difendere il vaccino e il trattamento come bene pubblico globale, nonché tutti gli strumenti, come pool di brevetti obbligatori, contribuendo a questo.

A livello di legislazione dell’UE, può introdurre salvaguardie a favore del pubblico ogni volta che vengono utilizzati i finanziamenti dell’UE. Tali garanzie possono includere la trasparenza in merito ai contributi pubblici, ai costi di produzione, nonché clausole di accessibilità e accessibilità economica combinate con licenze non esclusive in tutti i bandi di finanziamento e gli investimenti in cui è coinvolto denaro pubblico dell’UE. In un recente invito a presentare progetti di ricerca e sviluppo su COVID-19 nell’ambito di Orizzonte 2020, la Commissione europea ha incluso la menzione di “obblighi di sfruttamento aggiuntivi”, per garantire che i risultati o i prodotti / servizi risultanti siano disponibili e accessibili il prima possibile e a condizioni eque, compreso l’obbligo di licenza non esclusiva. Si tratta di un passo nella giusta direzione, ma rimane vago e gli inviti specifici non hanno riguardato medicinali e vaccini.

Per quanto riguarda i progetti di ricerca e sviluppo finanziati con fondi dell’UE, l’UE può anche introdurre obblighi legali per i beneficiari di condividere le conoscenze, la proprietà intellettuale e / o i dati relativi alla tecnologia sanitaria COVID-19 in un pool tecnologico come il pool di accesso alla tecnologia COVID-19 dell’OMS (C-TAP).

E se i farmaci fossero sviluppati senza fondi europei?

Quando l’interesse pubblico richiede che il monopolio dei brevetti venga infranto, le licenze obbligatorie lo rendono possibile, offrendo una licenza a un’ampia gamma di aziende per produrre un farmaco. Una licenza obbligatoria dà a un’azienda il permesso di produrre e vendere un medicinale, come le versioni generiche, anche se è ancora coperto da brevetto. Lo strumento può quindi essere utilizzato per forzare aperture di mercato e aumentare la concorrenza, o semplicemente come mezzo di pressione per ottenere ribassi di prezzo. Il meccanismo è incluso nelle cosiddette flessibilità TRIPS. La maggior parte dei paesi europei ha leggi sui brevetti che consentono la concessione di licenze obbligatorie. Numerosi esperti e organizzazioni della società civile difendono l’idea come un modo per combattere sia la carenza che i prezzi eccessivi.

Quando l’interesse pubblico richiede che il monopolio dei brevetti venga infranto, le licenze obbligatorie lo rendono possibile, offrendo una licenza per la produzione di un farmaco a un’ampia gamma di aziende. Una licenza obbligatoria dà a un’azienda il permesso di produrre e vendere un medicinale, come le versioni generiche, anche se è ancora sotto brevetto. Lo strumento può quindi essere utilizzato per forzare aperture di mercato, o semplicemente come mezzo di pressione per ottenere ribassi di prezzo. Il meccanismo è incluso nelle cosiddette flessibilità TRIPS. La maggior parte dei paesi europei ha leggi sui brevetti che consentono la concessione di licenze obbligatorie. Numerosi esperti e organizzazioni della società civile difendono l’idea come un modo per combattere sia la carenza che il sovrapprezzo.

L’UE può anche intervenire riguardo ai dati e alle norme sull’esclusività del mercato. Il diritto dei brevetti è prevalentemente disciplinato dalle leggi nazionali. Le leggi nazionali sui brevetti trattano, ad esempio, i limiti ai diritti di proprietà intellettuale e alle licenze obbligatorie. Tuttavia, già nel 2006, il capo unità della DG Imprese e industria della Commissione europea ha affermato che, per quanto riguarda Tamiflu, le norme dell’UE in materia di dati e esclusività di mercato (cfr. Regolamento 726/2004) hanno minato l’uso e l’effetto di licenze nazionali obbligatorie. Queste regole includono 8 anni di esclusiva dei dati più 2 anni di esclusiva di mercato a partire dalla data di approvazione del farmaco. ‘T Hoen, Boulet e Baker (2017) confermano che queste regole possono persino impedire l’accesso a medicinali non brevettati perché vietano la registrazione di equivalenti generici. Quando la Romania ha considerato una licenza obbligatoria per il trattamento dell’epatite C sofosbuvir, si è astenuta dal farlo a causa del farmaco che gode dell’esclusività di mercato fino al 2024.

Il regolamento UE n. 816/2006 sulla concessione di licenze obbligatorie per l’esportazione contiene già deroghe per quanto riguarda i dati e l’esclusività di mercato, tuttavia questo riguarda solo i prodotti farmaceutici brevettati esportati. La legislazione dell’UE può e deve essere modificata per garantire la deroga ai dati e l’esclusività di mercato quando viene rilasciata una licenza obbligatoria. Il regolamento 2019/933 del maggio 2019 che modifica il regolamento n. 469/2009 sui certificati protettivi complementari, che estendono la protezione brevettuale fino a 5 anni per i prodotti farmaceutici contiene anche una rinuncia che autorizza le aziende con sede nell’UE a produrre una versione generica di un medicinale protetto durante la durata del certificato. Ancora una volta, tuttavia, questa eccezione è limitata. La deroga si applica solo se effettuata allo scopo di esportare in un mercato non UE o per accumulare scorte di 6 mesi prima dell’ingresso nel mercato dell’UE.

L’Unione Europea aveva già promesso che il vaccino o il trattamento sarebbe stato un bene pubblico comune, no?

Il presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen ha promesso di fare del vaccino “il nostro bene comune universale”. La cancelliera tedesca Angela Merkel e il presidente francese Emmanuel Macron hanno ugualmente promesso di rendere il vaccino un bene pubblico comune. Tuttavia, da allora, non sono state prese misure pratiche per garantire ciò. Al contrario, la strategia dell’UE sui vaccini presentata dalla Commissione europea elude la questione dei diritti di proprietà intellettuale.

Durante le discussioni all’OMS, l’UE ha effettivamente co-sponsorizzato una risoluzione che proponeva “l’immunizzazione” come bene pubblico comune, non il vaccino stesso. Nella maggior parte dei paesi, i programmi di immunizzazione sono un servizio pubblico offerto dallo Stato e quindi menzionare l’immunizzazione per Covid-19 come un bene pubblico globale non è certo nuovo o controverso. Ancora più importante, questa frase omette deliberatamente la produzione e la distribuzione del vaccino stesso come un bene pubblico.

Non siamo soddisfatti dei miliardi di euro investiti nella ricerca di un vaccino dalla Commissione Europea?

La Commissione Europea ha infatti intrapreso diverse iniziative, attraverso il programma di ricerca Horizon 2020, l’Innovative Medicine Initiative (IMI) e la Banca Europea per gli Investimenti (BEI), oltre a un evento di impegno globale che ha finora raccolto circa 9,8 miliardi di euro. La Commissione europea ha inoltre presentato una strategia dell’UE sui vaccini basata principalmente su accordi di acquisto anticipato. Nessuno di questi tuttavia include garanzie reali che garantiscano l’accesso e l’accessibilità economica e in relazione ai diritti di proprietà intellettuale. Nessuno garantisce che alla fine la società non finisca per sovvenzionare i profitti delle aziende farmaceutiche e biotecnologiche, pagando il prezzo che queste ultime impongono. Nessuno ha nemmeno la trasparenza necessaria per controllare come viene utilizzato il denaro pubblico.

Senza tali garanzie spetterà infine alle società farmaceutiche decidere il prezzo e l’offerta.

Attraverso la BEI, la Commissione europea ha offerto alla società di ricerca tedesca CureVac 80 milioni di euro di sostegno finanziario – in parte in risposta alla voce secondo cui la società avrebbe offerto l’esclusiva al governo degli Stati Uniti, creando potenzialmente l’impressione che il ricatto – pagami o perdi – possa ricompensare. L’invito a presentare proposte IMI non ha vietato licenze esclusive di sfruttamento, né offerto garanzie di accessibilità. Senza tali garanzie è improbabile che i miliardi di dollari utilizzati garantiscano un accesso sufficiente, la disponibilità e la convenienza di un trattamento futuro.

Come esempio dall’arena sanitaria globale di accesso ostacolato alle tecnologie sanitarie necessarie, Gavi, la Vaccine Alliance, paga parte dei costi del vaccino contro la polmonite PCV13, ma molte persone non sono in grado di permetterselo causando centinaia di migliaia di morti non necessarie.

Dichiarazioni alla stampa di diverse società hanno affermato che avrebbero reso disponibile il vaccino al costo. È sufficiente?

La strategia dell’UE sui vaccini non menziona questa disponibilità al costo. L’UE sta negoziando fino a sei accordi di acquisto anticipato con una serie di aziende farmaceutiche. In un’offerta di pubbliche relazioni, alcune aziende hanno promesso di rendere disponibile il vaccino al costo. Una tale promessa fatta di per sé non offre garanzie. Abbiamo visto, a volte le stesse aziende, minacciare di vendere i vaccini in via prioritaria al miglior offerente di finanziamento del governo.
Il pool di brevetti dell’OMS non garantirà automaticamente ciò che chiedi?

Il COVID-19 Technology Access Pool (C-TAP) è progettato per compilare, in un unico luogo, impegni di impegno a condividere volontariamente la conoscenza, la proprietà intellettuale e i dati relativi alla tecnologia sanitaria COVID-19. È positivo che i paesi dell’UE abbiano difeso questo pool di brevetti contro la ferma opposizione tra gli altri di Stati Uniti, Regno Unito e Svizzera. La stessa UE, tuttavia, deve ancora riconoscerlo formalmente. Il pool Covid-19 proposto dal Costa Rica all’OMS è un meccanismo volontario, che incoraggerà e stimolerà solo le aziende farmaceutiche a condividere i loro brevetti. I titolari delle relative conoscenze, proprietà intellettuale e / o dati sono invitati ad agire. L’UE dovrebbe imporre la partecipazione a questo pool per tutti coloro che ricevono finanziamenti pubblici.

In secondo luogo, per garantire che il vaccino sia reso disponibile al costo di produzione, le aziende farmaceutiche dovrebbero essere completamente trasparenti sui costi di ricerca, sviluppo e produzione, cosa che il settore ha sempre rifiutato di rivelare in nome della riservatezza commerciale e dei segreti commerciali. Esperienze precedenti, come i contratti quadro per le procedure di appalto congiunto (ad esempio 2019, vaccino contro l’influenza pandemica) suggeriscono che tale trasparenza sarà probabilmente rifiutata in nome della natura riservata dei diritti di proprietà intellettuale e dei segreti commerciali. In sostanza, non ci sarà modo di sapere se effettivamente il prodotto viene venduto al costo di produzione.

Infine, se vengono stabiliti brevetti e il farmaco o il vaccino diventa di proprietà di una società, il prezzo del vaccino o del trattamento potrebbe essere facilmente aumentato in una fase successiva, anche quando ricerca, sviluppo e rischi sono stati finanziati o sostenuti pubblicamente. Astra Zeneca ha stretto accordi con Stati Uniti, Regno Unito, Francia, Germania, Italia e Paesi Bassi, ma ha già avvertito che il vaccino fornirà l’immunità solo per un anno.

Il pool di brevetti dell’OMS non garantirà automaticamente ciò che chiediamo?

Il COVID-19 Technology Access Pool (C-TAP) è progettato per compilare, in un unico luogo, impegni a condividere volontariamente la conoscenza, la proprietà intellettuale e i dati relativi alla tecnologia sanitaria COVID-19. È positivo che i paesi dell’UE abbiano difeso questo pool di brevetti contro la ferma opposizione tra gli altri di Stati Uniti, Regno Unito e Svizzera. La stessa UE, tuttavia, deve ancora riconoscerlo formalmente. Il pool Covid-19 proposto dal Costa Rica all’OMS è un meccanismo volontario, che incoraggerà e stimolerà solo le aziende farmaceutiche a condividere i loro brevetti. I titolari delle relative conoscenze, proprietà intellettuale e / o dati sono invitati ad agire. L’UE dovrebbe imporre la partecipazione a questo pool per tutti coloro che ricevono finanziamenti pubblici.

Chi paga i costi di produzione se un vaccino o un trattamento viene offerto gratuitamente?

Prima di tutto, le aziende farmaceutiche hanno privatizzato e bloccato la conoscenza creata attraverso fondi pubblici o ricerca pubblica acquisendo diritti di proprietà intellettuale. Questa privatizzazione dello sforzo pubblico uccide perché crea carenze e prezzi elevati. Con la piena trasparenza sui costi di ricerca, sviluppo e produzione, è possibile pagare un equo compenso. Sfortunatamente l’industria farmaceutica rifiuta per lo più tale trasparenza. In modo molto simile al modo in cui vengono pagati i farmaci, ma a un prezzo determinato dal settore privato, il costo di produzione reale può essere compensato attraverso la sicurezza sociale, le istituzioni collettive o i fondi internazionali.

Perché le multinazionali dovrebbero sviluppare vaccini se non possono trarne profitto?

La nostra richiesta è limitata ai vaccini e ai trattamenti pandemici. Il profitto definisce già in gran parte quale farmaco viene sviluppato o meno. Diversi potenziali trattamenti per il coronavirus sono stati ignorati e sottofinanziati in quanto le grandi aziende ritenevano di avere un piccolo potenziale di profitto. Ancora oggi, nel mezzo di una pandemia, miliardi di soldi pubblici vengono utilizzati per garantire lo sviluppo di tali farmaci. Gli accordi di acquisto anticipato dell’Unione europea e accordi simili da parte di singoli paesi o loro coalizioni garantiscono sostanzialmente un profitto a un’azienda farmaceutica privata ancor prima che l’azienda abbia sviluppato il farmaco, consentendo potenzialmente all’azienda di fissare sia il prezzo che le condizioni di consegna e distribuzione. Dopo anni di deliberata indifferenza per i problemi di salute pubblica e l’uso di miliardi di soldi dei contribuenti, a queste società non può essere consentito di trarre profitto da questa pandemia. Negoziare un prezzo più basso oggi non offre garanzie per il futuro. Pool di brevetti e licenze obbligatorie potrebbero includere un equo compenso per il titolare del brevetto originale.

Come si relaziona questa iniziativa ad altre iniziative della società civile?

Il presidente della Commissione europea Ursula Von der Leyen ha promesso al Parlamento europeo che un vaccino dovrebbe essere un bene comune universale. In quanto partiti, movimenti e attori politici, abbiamo la responsabilità di aumentare la pressione sulla Commissione europea. Dobbiamo assicurarci che mantenga la sua promessa. Questo può essere fatto solo mobilitando il sostegno al di fuori delle istituzioni.

E, naturalmente, sosteniamo qualsiasi iniziativa che vada nella giusta direzione. Molte organizzazioni della società civile svolgono un ottimo lavoro nella difesa, nell’informazione e nella campagna. Tutti insieme possiamo vincere.

È stato fatto qualcosa di simile prima?

Un famoso esempio storico è il vaccino antipolio che è stato reso disponibile gratuitamente immediatamente. Il vaccino antinfluenzale offre un altro esempio di come le cose potrebbero funzionare. Stiglitz, Jayadev e Prabhala (2020) spiegano come per l’influenza attraverso il Global Influenza Surveillance and Response System dell’Organizzazione mondiale della sanità, una rete globale di professionisti medici ha monitorato per decenni ceppi emergenti di un virus contagioso, aggiornato periodicamente una formula consolidata per la vaccinazione e ha reso queste informazioni disponibili alle aziende e ai paesi di tutto il mondo, senza considerazioni sulla proprietà intellettuale (PI), e quindi senza monopoli farmaceutici che sfruttano un pubblico disperato per massimizzare i propri profitti.

L’esempio più famoso di un pool di brevetti obbligatorio è stato quello istituito dal governo degli Stati Uniti durante la prima guerra mondiale per consentire la produzione massiccia di aerei militari all’indomani della cosiddetta battaglia sui brevetti dei fratelli Wright con i diritti di proprietà intellettuale che bloccavano lo sviluppo dell’ industria in un momento di emergenza nazionale.

Il South African Medicines Act del 1997, adottato sotto il governo di Nelson Mandela, includeva licenze obbligatorie come meccanismo per trattare i farmaci antiretrovirali HIV troppo cari, autorizzando l’importazione di versioni generiche di medicinali brevettati per uso governativo non commerciale. Mentre la battaglia legale intrapresa contro l’Atto dalla coalizione di 41 società farmaceutiche multinazionali ne ha impedito l’entrata in vigore, l’iniziativa sudafricana ha potenziato il processo che ha portato alla Dichiarazione di Doha dell’OMS, incluso il diritto di concedere licenze obbligatorie nelle flessibilità TRIPS.

Non sarebbe più facile per gli stati produrre da soli il vaccino?

Questa potrebbe essere un’opzione più semplice e dovrebbe sicuramente essere considerata per il futuro. Tuttavia, sebbene gran parte della ricerca sia oggi finanziata con denaro pubblico o svolta da istituti di ricerca pubblici o università, pochi paesi hanno un settore farmaceutico pubblico in grado di produrre i farmaci.

*da www.lavoroesalute.it

 

 

 

 

 

 

 

 

 





 

Sostieni il Partito con una




 
Appuntamenti

PRIVACY

Installa l'App Rifondazione


Sostieni
Rifondazione Comunista
con una
donazione





o tramite bonifico sul cc intestato al PRC-SE al seguente IBAN: IT74E0501803200000011715208 presso Banca Etica.