Classe: la piccola parola che le élite vogliono farti dimenticare

Classe: la piccola parola che le élite vogliono farti dimenticare

di Chris Hedges*

Aristotele, Niccolò Machiavelli, Alexis de Tocqueville, Adam Smith e Karl Marx hanno fondato le loro filosofie sulla comprensione che esiste un antagonismo naturale tra i ricchi e il resto di noi. Gli interessi dei ricchi non sono i nostri interessi. Le verità dei ricchi non sono le nostre verità. Le vite dei ricchi non sono le nostre vite. La grande ricchezza non solo genera disprezzo per coloro che non ce l’hanno, ma autorizza gli oligarchi a pagare eserciti di avvocati, pubblicisti, politici, giudici, accademici e giornalisti per censurare e controllare il dibattito pubblico e soffocare il dissenso. Neoliberismo, deindustrializzazione, distruzione dei sindacati, taglio e persino eliminazione delle tasse dei ricchi e delle grandi imprese, libero scambio, globalizzazione, stato di sorveglianza, guerra senza fine e austerità – le ideologie o gli strumenti utilizzati dagli oligarchi per promuovere i propri interessi – sono presentati al pubblico come legge naturale, meccanismi per il progresso sociale ed economico, anche se gli oligarchi dinamitano le basi di una democrazia liberale e aggravano una crisi climatica che minaccia di estinguere la vita umana.

Gli oligarchi sono felici di parlare di razza. Sono felici di parlare di identità sessuale e genere. Sono felici di parlare del patriottismo. Sono felici di parlare di religione. Sono felici di parlare dell’immigrazione. Sono felici di parlare dell’aborto. Sono felici di parlare del controllo delle armi. Sono felici di parlare di degenerazione culturale o libertà culturale. Non sono felici di parlare di classe. La razza, il genere, la religione, l’aborto, l’immigrazione, il controllo delle armi, la cultura e il patriottismo sono questioni usate per dividere il pubblico, per mettere il vicino contro il vicino, per alimentare gli odi e gli antagonismi virulenti. Le guerre culturali danno agli oligarchi, sia democratici che repubblicani, la copertura per continuare il saccheggio. Ci sono alcune differenze sostanziali tra i due partiti politici al potere negli Stati Uniti. Questo è il motivo per cui gli oligarchi come Donald Trump e Michael Bloomberg possono passare senza sforzo da una parte all’altra. Una volta che gli oligarchi hanno preso il potere, scrisse Aristotele, una società deve accettare la tirannia o scegliere la rivoluzione.

Gli Stati Uniti si trovarono sulla cuspide della rivoluzione – un fatto riconosciuto dal presidente Franklin Roosevelt nella sua corrispondenza privata – in mezzo al crollo del capitalismo negli anni ’30. Roosevelt rispose frenando in modo aggressivo il potere degli oligarchi. Il governo federale affrontò la massiccia disoccupazione creando 12 milioni di posti di lavoro attraverso la Works Progress Administration (WPA), rendendo il governo il principale datore di lavoro nel paese. Legittimò i sindacati, molti dei quali erano stati messi fuorilegge, e attraverso il National Labour Relations Act ne autorizzò l’organizzazione. Approvò i regolamenti bancari, tra cui l’Emergency Banking Act, il Banking Act e il Securities Act, tutti nel 1933, per prevenire un altro crollo del mercato azionario. La Federal Emergency Relief Administration fornì l’equivalente in denaro di oggi di 988 miliardi  di dollari per le operazioni di soccorso in città e stati. Il presidente democratico tassò pesantemente i ricchi e le corporations. (L’amministrazione repubblicana di Dwight Eisenhower negli anni ’50 tassava ancora al 91% dei redditi più alti). L’amministrazione di Roosevelt istituì programmi come la sicurezza sociale e un programma pensionistico pubblico. Fornì assistenza finanziaria agli agricoltori inquilini e ai lavoratori migranti. Finanziò arte e cultura. Creò la United States Housing Authority e istituì il Fair Labor Standards Act del 1938, che stabiliva il salario minimo e stabiliva un limite per l’orario di lavoro obbligatorio. Questo pesante intervento del governo risollevò il Paese dalla Grande Depressione. Rese anche Roosevelt, che fu eletto per un quarto mandato senza precedenti, e il Partito Democratico molto popolare tra le famiglie lavoratrici e della classe media. Il Partito Democratico, se dovesse resuscitare tali politiche, vincerebbe ogni elezione con una valanga.

Ma il New Deal era la bestia nera degli oligarchi. Cominciarono a disfare il New Deal di Roosevelt anche prima dello scoppio della seconda guerra mondiale alla fine del 1941. Smantellarono gradualmente i regolamenti e i programmi che non solo avevano salvato il capitalismo ma probabilmente la stessa democrazia. Adesso viviamo in uno stato oligarchico. Gli oligarchi controllano la politica, l’economia, la cultura, l’istruzione e la stampa. Donald Trump può essere un narcisista e un truffatore, ma salva l’élite oligarchica nei suoi discorsi prolissi per la gioia della sua folla. Lui, come Bernie Sanders, parla dell’argomento proibito – la classe. Ma Trump, sebbene imbarazzante per gli oligarchi, non rappresenta, come Sanders, una vera minaccia per loro. Trump, come tutti i demagoghi, inciterà alla violenza contro i vulnerabili, allargherà le divisioni culturali e sociali e consoliderà la tirannia, ma lascerà in pace i ricchi. È Sanders che gli oligarchi temono e odiano.

Le élite del Partito Democratico useranno qualsiasi meccanismo, per quanto nefasto e non democratico, per impedire a Sanders di ottenere la nomination. Il New York Times ha intervistato 93 degli oltre 700 superdelegati, nominati dal partito e autorizzati a votare al secondo turno se nessun candidato ricevesse i 1.991 delegati richiesti per vincere al primo turno. La maggior parte degli intervistati ha affermato che cercherebbe di impedire a Sanders di essere il candidato se non ottenesse la maggioranza dei delegati nel primo conteggio, anche se questo richiedesse di indicare qualcuno che non era candidato alle primarie – il senatore Sherrod Brown dell’Ohio è stato menzionato – e anche se ciò portasse i sostenitori di Sanders ad abbandonare il partito con disgusto. Se Sanders non riuscirà a ottenere 1.991 delegati prima della convention, il che sembra probabile, sembra quasi certo che verrà bloccato dal partito dal diventare candidato democratico. Il danno arrecato al Partito Democratico, se ciò dovesse accadere, sarà catastrofico. Inoltre, assicurerà che Trump vinca un secondo mandato.

Come ho scritto nella mia rubrica del 17 febbraio, “Le nuove regole del gioco”, “il socialismo democratico di Sanders è essenzialmente quello di un democratico del New Deal. Le sue opinioni politiche sarebbero parte del mainstream in Francia o Germania, dove il socialismo democratico è una parte accettata del panorama politico ed è regolarmente messo in discussione come troppo accomodante da comunisti e socialisti radicali. Sanders chiede la fine delle nostre guerre all’estero, una riduzione del bilancio militare, “Medicare for All”, l’abolizione della pena di morte, l’eliminazione delle pene minime obbligatorie e delle prigioni private, il ritorno di Glass-Steagall, l’aumento delle tasse sui ricchi, l’aumento del salario minimo a $ 15 l’ora, l’annullamento del debito degli studenti, l’eliminazione del Collegio elettorale, il divieto del fracking e di fare a pezzi l’agrobusiness. Questo non si qualifica come un programma rivoluzionario. “

“Sanders, a differenza di molti socialisti più radicali, non propone di nazionalizzare le banche e l’industria dei combustibili fossili e delle armi”, continuavo. “Non chiede il perseguimento penale delle élite finanziarie che hanno distrutto l’economia globale o i politici e i generali che hanno mentito per lanciare guerre preventive, definite in base al diritto internazionale come guerre criminali di aggressione, che hanno devastato gran parte del Medio Oriente, causando centinaia di migliaia di morti e milioni di rifugiati e sfollati, costando alla nazione tra $ 5 trilioni e $ 7 trilioni. Non chiede la proprietà dei lavoratori delle fabbriche e delle imprese. Non promette di fermare la sorveglianza all’ingrosso del pubblico da parte del governo. Non intende punire le società che hanno spostato la produzione all’estero. Ancora più importante, egli ritiene, come io non credo, che il sistema politico, incluso il Partito Democratico, possa essere riformato dall’interno. Non supporta la disobbedienza civile di massa sostenuta per far crollare il sistema, l’unica speranza che abbiamo di fermare l’emergenza climatica che minaccia di condannare la razza umana. Sul piano politico, è, nella migliore delle ipotesi, un moderato illuminato”.

I leader del Partito Democratico sono profondamente consapevoli del fatto che in una democrazia funzionante, quella in cui i ricchi non comprano le elezioni e inviano i lobbisti a Washington e nelle capitali dello stato per scrivere leggi e regolamenti, quella in cui il pericolo del dominio oligarchico è compreso e parte del dibattito nazionale , sarebbero senza lavoro.
I democratici, come i repubblicani, servono gli interessi dell’industria farmaceutica e assicurativa. I democratici, come i repubblicani, servono gli interessi degli appaltatori della difesa. I democratici, come i repubblicani, servono gli interessi dell’industria dei combustibili fossili. I democratici, insieme ai repubblicani, hanno autorizzato $ 738 miliardi per i nostri militari gonfiati nell’anno fiscale 2020. I democratici, come i repubblicani, non si oppongono alle guerre infinite del Medio Oriente. I democratici, come i repubblicani, ci hanno tolto le nostre libertà civili, incluso il diritto alla privacy, la libertà dalla sorveglianza del governo e il giusto processo. I democratici, come i repubblicani, hanno legalizzato finanziamenti illimitati da parte dei ricchi e delle corporations per trasformare il nostro processo elettorale in un sistema di corruzione legalizzata. I democratici, come i repubblicani, hanno militarizzato la nostra polizia e costruito un sistema di incarcerazione di massa che ha il 25% dei prigionieri del mondo, sebbene gli Stati Uniti abbiano solo il 5% della popolazione mondiale. I democratici, come i repubblicani, sono il volto politico dell’oligarchia.
I leader del Partito Democratico — i Clinton, Nancy Pelosi, Chuck Schumer, Tom Perez — preferirebbero far implodere il partito e lo stato democratico piuttosto che rinunciare alle loro posizioni di privilegio. Il Partito Democratico non è un baluardo contro il dispotismo. È il garante del dispotismo. È un partner a pieno titolo nel progetto di classe. Le sue menzogne, l’inganno, il tradimento di uomini e donne che lavorano e il potenziamento del saccheggio delle corporations hanno reso possibile un demagogo come Trump. Qualsiasi minaccia al progetto di classe, anche quello tiepido che sarebbe offerto da Sanders come candidato del partito, vedrà le élite democratiche unirsi ai repubblicani per mantenere Trump al potere.
Cosa faremo se gli oligarchi del Partito Democratico rubano ancora una volta la nomination a Sanders? Abbandoneremo finalmente un sistema che è sempre stato architettato contro di noi? Daremo le spalle allo stato oligarchico per costruire istituzioni popolari parallele per proteggere noi stessi e mettere il potere contro il potere? Organizzeremo sindacati, terzi partiti e movimenti militanti che parlano nella lingua della guerra di classe? Formeremo organizzazioni di sviluppo della comunità che forniscono valute locali, banche pubbliche e cooperative alimentari? Effettueremo scioperi e disobbedienza civile prolungata per strappare indietro il potere agli oligarchi per salvare noi stessi e il nostro pianeta?
Nel 2016 non credevo che le élite democratiche avrebbero permesso a Sanders di essere il candidato e temevo, correttamente, che lo avrebbero usato dopo la convention per radunare i suoi seguaci nelle cabine elettorali per Hillary Clinton. Non credo che questo animus contro Sanders sia cambiato nel 2020. Il furto questa volta potrebbe essere più nudo, e per questo motivo più rivelatore delle forze coinvolte. Se tutto ciò accade come mi aspetto e se quelli di sinistra continuano a mettere la loro fede ed energia nel Partito Democratico, non sono semplicemente intenzionalmente ingenui ma complici del loro stesso schiavitù. Nessun movimento politico di successo sarà costruito all’interno dell’abbraccio del Partito Democratico, né un tale movimento sarà costruito in un ciclo elettorale. La lotta per porre fine al dominio oligarchico sarà dura e amara. Prenderà del tempo. Richiederà un sacrificio di sé, compresa la protesta sostenuta e la prigione. Sarà radicato nella guerra di classe. Gli oligarchi non si fermeranno davanti a nulla per schiacciarlo. La nostra unica speranza è una rivolta aperta e non violenta contro lo stato oligarchico. Il dominio oligarchico deve essere distrutto. Se falliamo, la nostra democrazia, e infine la nostra specie, si estingueranno.

articolo originale: https://www.truthdig.com/articles/class-the-little-word-the-elites-want-you-to-forget/

traduzione di Maurizio Acerbo

* giornalista Premio Pulitzer e scrittore. Per 15 anni inviato speciale per il New York Times, autore di 12 libri tra cui editi in Italia Il fascino oscuro della guerra (Laterza) e “Fascisti americani” (Vertigo). Ha realizzato con Joe Sacco la graphic novel “Days of distruction, days of revolt”.   Per saperne di più c’è wikipedia

PRIVACY


Sostieni
Rifondazione Comunista
con una
donazione





o tramite bonifico sul cc intestato al PRC-SE al seguente IBAN: IT74E0501803200000011715208 presso Banca Etica.