Dichiarazione finale – Forum europeo di Bruxelles

Dichiarazione finale – Forum europeo di Bruxelles

Si è tenuto a Bruxelles l’European Forum 2019 promosso dal Partito della Sinistra Europea dall’8 al 10 novembre. Pubblichiamo la dichiarazione finale.

L’Europa sta vivendo un periodo sempre più allarmante di crisi politica ed economica.
Le sfide stanno diventando sempre più numerose: politiche di austerità, disuguaglianze crescenti, crisi energetica, cambiamenti climatici, gestione della Brexit, crisi migratoria, minacce alla pace, rinnovata enfasi sugli armamenti e razzismo crescente e minaccioso.

In questo contesto, il terzo Forum europeo delle forze di sinistra, verdi e progressiste, che si è tenuto l’8, 9 e 10 novembre, seguito dei forum svoltisi a Marsiglia nel 2017 e Bilbao nel 2018, è una buona notizia.

Questo forum continua a progredire e sta diventando uno spazio per il lavoro politico, la collaborazione e la valutazione di azioni convergenti per tutti coloro che desiderano promuovere un nuovo futuro per l’Europa.
Tutti i popoli e le nazioni aspirano alla libertà, alla giustizia, allo sviluppo sociale, alla solidarietà, alla pace, alla protezione dei nostri diversi beni pubblici e alla sostenibilità ambientale.

Alle recenti elezioni europee la Grande coalizione non è riuscita a raggiungere, per la prima volta, la maggioranza assoluta dei seggi. I Verdi fanno progressi. Ma la svolta della destra reazionaria e dell’estrema destra, dei difensori del patriarcato e degli xenofobi, è allarmante. Le mobilitazioni popolari e sociali hanno bisogno di uno sbocco positivo. Dobbiamo davvero lavorarci su. Dobbiamo cogliere ogni opportunità per contrastare le politiche neoliberali, autoritarie e predatorie, al fine di portare avanti soluzioni di giustizia sociale e ambientale, pace e solidarietà.

Noi, che ci siamo riuniti qui a Bruxelles, condanniamo il fatto che l’attuale configurazione dell’UE, scritta nei suoi trattati, non è né espressione di solidarietà tra le economie nazionali, né è in grado di rispondere alle emergenze sociali ed ecologiche. Sta piuttosto diventando uno strumento al servizio delle principali economie capitaliste e neoliberiste, che hanno dominato il processo di costruzione europea, progettando un’architettura istituzionale che combina globalizzazione finanziaria e produttivismo, limitando irresponsabilmente le sue politiche in materia di giustizia fiscale e ridistribuzione di ricchezza. Anche i nostri beni pubblici ne sono vittime. Il deficit ambientale non è negoziabile e il tempo passa.

Pertanto, noi che stiamo partecipando al Forum delle forze verdi, progressiste e di sinistra europee, siamo consapevoli del fatto che dobbiamo agire sulle vere cause della crisi, se non vogliamo che la situazione peggiori e porti a disastri sociali, economici ed ecologici, che saranno dannosi per la stragrande maggioranza delle persone.

L’obiettivo è costruire un’Europa socialmente ed ecologicamente sostenibile, pienamente democratica, basata sui principi della sovranità popolare, libera dal patriarcato, che combatta tutti i tipi di discriminazione e che svolga un ruolo attivo nella costruzione di un mondo multipolare di pace e solidarietà.

La costruzione di questa alternativa richiede lo sviluppo di una serie di proposte, basate su una serie di principi, tra i quali vorremmo sottolineare:

1. Combattiamo per la piena occupazione e il lavoro dignitoso, usando l’economia per migliorare le condizioni di vita della maggioranza della popolazione. Dobbiamo anticipare i principali cambiamenti che riguardano il mondo del lavoro e in particolare il ruolo sempre più importante delle piattaforme digitali. Dobbiamo anche riesaminare il rapporto dei lavoratori con i loro strumenti. Ciò significa rompere con le attuali politiche europee che causano dumping sociale e concorrenza tra i lavoratori e tra i loro sistemi di protezione sociale.

Proponiamo soluzioni: salari minimi garantiti, con una riduzione dell’età pensionabile e della settimana lavorativa, basati sulla coesione sociale e territoriale dei popoli europei, attraverso criteri garantiti per la convergenza verso l’alto in termini di salari, occupazione, protezione sociale e qualità dei pubblici servizi, nonché accordi europei di assicurazione contro la disoccupazione.

2. Affermiamo che una proposta di transizione ambientale deve includere misure che trasformano i modelli di produzione, consumo e scambio e migliorano le politiche per la lotta al cambiamento climatico, per la protezione degli animali e della biodiversità. Al centro dell’approccio non dovrebbe più essere il produttivismo ma, piuttosto, la conservazione sostenibile dei beni pubblici, ecologici, economici e sociali.

Proponiamo una nuova relazione con l’uso dell’acqua, gestita come un bene comune, rendendo le politiche agricole e della pesca più eque dal punto di vista sociale e ambientale.

Stiamo sostenendo un nuovo modello di energia europea pulito basato su energie rinnovabili, utilizzando un modello di autosufficienza energetica in cui l’approvvigionamento di energia è visto come un diritto, istituendo meccanismi per sviluppare l’efficienza energetica, stabilendo meccanismi più rigorosi di intervento e controlli sullo sfondo di un approccio democratico, attuando misure per la sovranità energetica che promuovono lo sviluppo sostenibile in settori chiave dell’economia sociale.

3. Difendiamo il posto dei servizi pubblici all’interno della società. Istruzione, sanità, alloggio e mobilità sono diritti fondamentali. Stati e popoli devono poterne rifiutare la mercificazione, per garantire la loro universalità e accessibilità.

Proponiamo di proteggere i servizi pubblici sia dalle politiche di austerità sia dalla concorrenza nel settore privato.

4. Consideriamo la promozione dell’uguaglianza di genere come un principio fondamentale dell’integrazione europea, che contribuirà a colmare l’attuale divario tra il riconoscimento del diritto, la sua garanzia nella legge e la sua effettiva applicazione.

Proponiamo di promuovere la parità retributiva e l’emancipazione delle donne attraverso l’attuazione di politiche sulla parità di genere e la formulazione di obiettivi chiari e vincolanti per il rispetto della parità di genere a tutti i livelli.

5. Sosteniamo un’Europa pacifica, priva di armi nucleari e a sostegno del Trattato sul proibizionismo delle armi nucleari (TPNW), che promuove la pace e la solidarietà tra tutti i popoli del mondo, che accetta l’inalienabilità del fondamentale civile, i diritti politici e sociali dei suoi abitanti e che sia aperta e socialmente responsabile; un’Europa che lavori per lo sviluppo di un mondo multipolare, che ponga fine alla “Europa Fortezza” con le sue politiche di migrazione selettiva e discriminatoria e che garantisca gli scambi nel rispetto dei diritti umani, che operi con pratiche commerciali eque e complementari e che rompa con la crescente militarizzazione dell’Europa e la sua sottomissione alla NATO.
6. Sosteniamo un’Europa che promuova un modello di sviluppo per le nostre società, che non sia più incentrato sul profitto a breve termine per pochi, ma sulla protezione di tutti i nostri beni comuni. Vogliamo un’Europa che ponga l’essere umano al centro di tutte le sue preoccupazioni, piuttosto che gli interessi individuali di alcune multinazionali. Dichiariamo chiaramente che questa visione è incompatibile con un’Europa neoliberale conservatrice. Vogliamo un nuovo modello democratico, supportato dalla partecipazione deliberata e inclusiva dei cittadini. Stiamo combattendo la criminalizzazione dei movimenti sociali e la persecuzione degli attivisti in Europa e nel resto del mondo.

7. Sosteniamo lo spirito del “Manifesto di Ventotene”, condannando il fatto che quell’intento, di costruire un’Europa più giusta, più sociale, più democratica, viene tradito e manipolato da coloro che, nel suo nome, promuovono lo sviluppo di una Unione Europea ultra-centralizzata, neoliberale, autoritaria, predatoria e gestita da istituzioni senza alcun controllo democratico, che hanno causato la peggiore crisi sistemica e climatica dal 1945.

In questo senso, questo Forum ha fornito contributi attraverso i vari panel, workshop e assemblee che sono stati organizzati. Tale lavoro è complementare a questa dichiarazione.

Spetta a ciascun organo politico, sociale o sindacale, tradurre questo lavoro nel suo specifico campo d’azione al fine di rendere il 2020 un anno di mobilitazione e lotta popolare, in cui possa essere espressa la volontà, di milioni di europei, di battersi per una società migliore.
Pertanto, riteniamo essenziale proseguire i lavori di questo terzo forum per tutto il 2020, attraverso l’attuazione di un piano d’azione condiviso con i movimenti dei cittadini, i movimenti sociali e i sindacati, un piano che è stato discusso in vari panel, assemblee e workshop .

Chiediamo a tutti i popoli d’Europa di sostenere la lotta di femministe, sindacalisti, ambientalisti, soggettività LGBTQI, cittadini e pacifisti, nonché la lotta sociale; chiediamo inoltre la partecipazione ai movimenti di mobilitazione, per far fronte alle aggressive politiche economiche e militari promosse dal governo degli Stati Uniti. Chiediamo la mobilitazione contro l’estrema destra e le idee che introduce nel dibattito politico.
Pertanto, quelli di noi che si sono incontrati a Bruxelles nel corso di questi giorni, stanno accettando la sfida di lavorare per garantire che, le opportunità di cooperazione e coordinamento tra le forze pluralistiche che partecipano a questo Forum, continuino attraverso le varie azioni civiche, sociali, politiche, sindacali ed istituzionali che si svilupperanno nel corso del 2020.

Al fine di far progredire questa cooperazione e coordinamento e garantire la continuità dei gruppi di lavoro esistenti, garantiremo che il gruppo di lavoro, che è attivo dal primo Forum, continui e implementeremo il coordinamento delle politiche con la rappresentazione dei tre pilastri che compongono il forum e il coordinamento esecutivo, che assicureranno che i compiti e gli obiettivi, che abbiamo approvato in questi giorni, siano seguiti e sviluppati.

Infine, proprio a partire da questo momento, chiediamo l’avvio dei preparativi per il quarto Forum, come continuazione della nostra volontà comune.

Bruxelles, 8-10 novembre 2019

(traduzione di Elena Mazzoni)

PRIVACY



Sostieni il Partito con una

o tramite bonifico sul cc intestato al PRC-SE al seguente IBAN: IT74E0501803200000011715208 presso Banca Etica.