La rilevanza di Otto Bauer e dell’austro-marxismo oggi

La rilevanza di Otto Bauer e dell’austro-marxismo oggi

di Walter Baier -

Il 5 settembre 1881, 140 anni fa nasceva Otto Bauer, uno dei più importanti esponenti dell’austro-marxismo tra le due guerre. La sua opera ebbe un forte impatto anche sul socialismo di sinistra in Italia attraverso figure come Rodolfo Morandi e Raniero Panzieri.

Più di un secolo fa, i socialisti in Austria si definivano “socialisti” perché volevano creare un nuovo modello sociale noto come “socialismo”. Al loro apice intellettuale, istituirono una scuola di teoria marxista, che descrissero come separata sia dal riformismo socialdemocratico che dal dogmatismo dell’Internazionale comunista. Si chiamava “austro-marxismo”. In un editoriale scritto nel 1926 sull’Arbeiterzeitung (l’organo centrale del Partito Socialdemocratico d’Austria), Otto Bauer diede il seguente breve profilo dell’austro-marxismo:

“Nella seconda metà del 19° secolo, un gruppo di giovani compagni austriaci che lavoravano nel mondo accademico iniziò a chiamarsi ‘austro-marxista’: Max Adler, Karl Renner, Rudolf Hilferding, Gustav Eckstein, Otto Bauer, Friedrich Adler e pochi altri …Ciò che li univa non era una specifica tendenza politica, ma le qualità uniche del loro lavoro accademico … Mentre Marx ed Engels furono principalmente ispirati da Hegel e la successiva generazione di marxisti adottò un approccio materialista, questo gruppo più giovane di austro-marxisti fu in parte ispirato sia da Kant che da Mach. Nel frattempo, erano nelle università austriache, il che significava che dovevano fare i conti con la “scuola austriaca di economia”. [...] E, infine, erano tutti all’interno dei confini originari dell’Austria, inorriditi dalle lotte che circondavano la nazionalità, politicamente socializzati, e dovevano imparare ad applicare un’interpretazione marxista della storia a fenomeni complicati in cui un’applicazione superficiale dei metodi marxisti non era ammissibile. Di conseguenza, si formò un circolo intellettuale affiatato”.

Nel 1918, anno della rivoluzione, dalle ceneri dell’impero multinazionale austro-ungarico sorse la piccola Repubblica chiamata poi German-Austria, dove, dopo che le speranze di annessione alla Germania erano state deluse, i socialdemocratici furono l’unico gruppo in grado di consolidare il potere, come osservò Bauer.
Oggi non ha molto senso rivisitare l’argomento sul fatto che fosse giusto o sbagliato stabilire
una repubblica parlamentare e non sovietica. Il libro di Otto Bauer ‘La Rivoluzione austriaca’ espone ordinatamente gli argomenti a favore e contro. Una traduzione inglese completa di quest’opera seminale dell’austro-marxismo, che è stata acquisita da Trasform! europe, è stato recentemente pubblicata.
All’incirca nello stesso periodo, Bauer pubblicò un opuscolo intitolato ‘La strada per il Socialismo’, in cui
proponev una socializzazione democratica dell’economia: “Vogliamo il socialismo democratico [...] Questo sistema di autogoverno economico da parte del popolo richiede la partecipazione attiva e il coinvolgimento attivo delle masse”.

Il programma del partito scritto da Otto Bauer che fu approvato alla conferenza del partito del 1926 a Linz

(‘Programma di Linz’), è visto come l’ultima ratio per l’austro-marxismo. Collega l’impegno a realizzare il socialismo attraverso mezzi democratici con una premonizione del pericolo che incombe sul partito e sulla democrazia stessa. Contiene la linea fatale:

“Se la borghesia decidesse di opporsi a un cambiamento sociale radicale, che l’autorità statale delle classi lavoratrici avrebbe il dovere di sostenere, sopprimendo deliberatamente l’economia, impegnandosi in una ribellione violenta o cospirando con forze controrivoluzionarie straniere, la classe operaia sarebbe costretta a contrastare la borghesia riprendendo gli strumenti della dittatura ».

Sappiamo che questa minaccia si rivelò nient’altro che illusoria: solo parole vuote. Ma a differenza della Germania, dove il nazionalsocialismo riuscì a prendere il potere attraverso il processo parlamentare, in Austria l’ascesa del fascismo fu determinata dalla sospensione del parlamento, dalla messa al bando del partito comunista e dall’insurrezione armata della classe operaia. Lo stesso Bauer presentò un’analisi autocritica della situazione in un libro straordinario intitolato Between Two World Wars. The Crisis of the Global Economy, Democracy and Socialism, in cui sostiene la rinascita del movimento socialista usando un concetto che definì “socialismo integrale”. Lo scopo è quello di riunire i due rami in competizione del movimento operaio: socialismo e comunismo.

+

Come avvenne nel periodo tra le due guerre, oggi valutazioni della crisi finanziaria critiche nei confronti del sistema capitalista devono competere con interpretazioni guidate dal nazionalismo. Nella sinistra socialista, ciò ha portato a un controverso dibattito tra Rosa Luxemburg, da un lato, che vide svilupparsi una tendenza nell’ascesa dello stato nazionale all’interno di una civiltà globalizzata che era dettata dalle forze produttive e dovrebbe idealmente essere al passo con il movimento operaio. Dall’altro c’era Lenin, che credeva che ogni nazione avesse il diritto di formare il proprio stato, soprattutto come mezzo per smantellare l’autocrazia zarista – senza inconvenienti (almeno in teoria). Con il loro concetto di “autonomia nazionale-culturale”, con il quale volevano realizzare una posizione uguale per tutte le nazioni all’interno di uno stato democratico e multinazionale, gli austro-marxisti, Otto Bauer e Karl Renner, si collocarono al centro.

Tuttavia, la plausibilità di ciascuno di questi argomenti non dovrebbe smentire il fatto che, in termini storici, nessuno dei tre sarebbe durato. Ciò può essere generalmente spiegato con la contingenza dei problemi nazionali che quasi sempre hanno portato al fallimento delle soluzioni precedentemente sviluppate.
I tragici fallimenti politici dell’austromarxismo, quando fu applicato in due momenti di svolta nella storia dell’Austria (nel 1918 e nel 1938), sono attribuibili anche ai suoi principali fautori: a Renner e alla
sua ossessione per lo Stato, difficile da comprendere per chiunque non sia un professionista legale; ea Bauer, per la sua tendenza al nazionalismo tedesco, filo conduttore di tutti i suoi scritti.
Dopo il 1945, l’argomento austro-marxista scomparve dal discorso in Austria. Ciò fu in parte dovuto al trauma del febbraio 1934. Il Partito socialdemocratico, che riemerse come Partito socialista, si spostò a destra. Otto Bauer, Max Adler e Rudolf Hilferding morirono in esilio; Friedrich Adler, che continuò a propendere per il nazionalismo tedesco anche dopo le Dichiarazioni di Mosca, non riuscì a svolgere alcun ruolo ulteriore nella politica austriaca. E Karl Renner divenne uno strenuo difensore dell’Occidente e dei suoi argomenti durante la Guerra Fredda. Nonostante il suo ruolo tragico ma fondamentale nel periodo tra le due guerre, Otto Bauer fu presto dimenticato, anche dal suo stesso partito.
Dovremmo mantenere viva la sua memoria come facciamo per Rosa Luxemburg e Antonio Gramsci, non perché sia ??un modo per generare idee su come risolvere i problemi di oggi e di domani, ma perché le loro teorie riflettono le lotte sociali e politiche che hanno creato le nostre attuali condizioni di vita.

Traduzione da transform europe

Bibliografia italiano:

Otto Bauer, Tra due guerre mondiali, Einaudi, 1979

Il socialismo integrale di Otto Bauer, in R. MORANDI, in particolare dalla sua La democrazia del socialismo, Einaudi , Torino, 1961

Giacomo Marramao, Austromarxismo e socialismo di sinistra tra le due guerre, Milano, La Pietra, 1977
AUSTRIA 1934: RIFLESSIONI SU UNA SCONFITTA
Enzo Collotti, rivista Belfagor n. 40, marzo 1985

ottob





 

Sostieni il Partito con una




 
Appuntamenti

PRIVACY

Installa l'App Rifondazione


Sostieni
Rifondazione Comunista
con una
donazione





o tramite bonifico sul cc intestato al PRC-SE al seguente IBAN: IT74E0501803200000011715208 presso Banca Etica.