Sieg Heil Deja Vu? Comprendere l’ascesa globale dell’Estrema Destra

Sieg Heil Deja Vu? Comprendere l’ascesa globale dell’Estrema Destra

di Walden Bello*
Solo pochi anni fa, l’idea che l’estrema destra sarebbe arrivata al potere in quelle che erano considerate stabili democrazie liberali sarebbe stata respinta non solo dai liberali, ma dai progressisti più di sinistra. Eppure, in soli otto anni, 2010-2018, il mondo ha visto l’estrema destra muoversi dall’essere fuori dai corridoi del potere fino al centro del potere stesso.
 
Controrivoluzione nel nord
 
C’è, ovviamente, Donald Trump. Ma prima della sua vittoria elettorale a sorpresa nel novembre 2016, Viktor Orban era tornato al potere di nuovo in Ungheria nel 2010 – questa volta reincarnato come un uomo dalla destra dura al posto del democratico liberale che era alla fine degli anni ’90. I nazionalisti indù di Narendra Modi hanno ottenuto una straordinaria vittoria elettorale in India nel 2014. E la dura linea di legge e ordine di Rodrigo Duterte lo ha portato alla presidenza delle Filippine nel maggio 2016.
 
E dopo Trump, l’Alternative fur Deutschland ha conquistato 94 dei 630 seggi del Bundestag tedesco nelle elezioni del settembre 2017, la prima volta che l’estrema destra ha acquisito una presenza in quel corpo, e la Lega Nord anti-immigrati è arrivata al potere in alleanza con il Movimento Cinque Stelle in Italia all’indomani delle elezioni del marzo 2018. In Francia, ci è voluta un’alleanza elettorale informale del centro destra, centro, centro sinistra e sinistra per respingere la candidatura presidenziale del Fronte nazionale di Marine Le Pen nel ballottaggio elettorale di maggio 2017.
 
Come possiamo spiegare questo improvviso risorgere della destra autoritaria?
 
In primo luogo, alcune parole sull’ascesa dell’estrema destra nel Nord Globale. Non mi piace citare Barack Obama, ma bisogna menzionare un’osservazione che ha recentemente fatto a Johannesburg: “Le sfide alla globalizzazione sono venute prima dalla sinistra ma poi sono arrivate con più forza dalla destra, quando avete iniziato a vedere movimenti populisti … [che ] hanno sfruttato il disagio sentito da molte persone “.
 
A sinistra può non piacere il latore di queste parole, ma Obama aveva ragione: l’estrema destra ha espropriato la critica anti-globalizzazione ai progressisti. Hanno mangiato il nostro pranzo.
 
In effetti, l’estrema destra non solo ha assunto la critica della globalizzazione della sinistra indipendente. Ha anche parlato più apertamente della sinistra sul deficit democratico dell’Unione europea, con Marine Le Pen che ha opportunisticamente definito il disprezzo della troika nei confronti dei risultati del referendum greco del 2015 che ha respinto i termini dell’ultimo programma di austerità un caso di “Euro-dittatura”.
 
Inoltre, poiché l’ampia sinistra era paralizzata dalla continua adesione dei partiti socialdemocratici all’ideologia neoliberale che scatenò la crisi finanziaria in Europa e negli Stati Uniti, i partiti di destra in Europa gradualmente diminuirono l’enfasi sulle preoccupazioni lanti-tasse, anti-intervento pubblico e a favore del libero mercato della loro base piccolo borghese originale e hanno abbracciato opportunisticamente un’agenda anti-neoliberista e lo stato sociale. La strategia ha dato i suoi frutti.
 
In Francia, il “nuovo look” conferito al Fronte Nazionale da Marine Le Pen, che succedette a suo padre, il famoso razzista Jean-Marie Le Pen, suscitò questa osservazione da parte di un senatore socialista francese: “Gli elettori di sinistra stanno attraversando la linea rossa perché pensano che la salvezza dalla loro condizione sia incarnata da Madame Le Pen … Dicono “no” a un mondo che sembra duro, globalizzato, implacabile. Si tratta di persone della classe operaia, pensionati, impiegati che dicono: “Non vogliamo questo capitalismo e la concorrenza in un mondo in cui l’Europa sta perdendo la sua leadership”.
 
L’estrema destra ha sposato queste preoccupazioni tradizionalmente di sinistra con un feroce programma razzista, sciovinista e anti-immigrati che ricorda la piattaforma che i fascisti e i nazisti hanno offerto alle persone durante gli esplosivi anni 1930: un programma difensivo che comprende una forte gestione dell’economia da parte dello stato lasciando il modo di produzione capitalista in gran parte intatto (insieme alle sue disuguaglianze di classe), perà con privilegi discriminatori per intere comunità basate su etnia, sangue e razza, e con confini sigillati ai migranti.
 
Chiamatelo stato sociale, ma solo per i membri del gruppo razziale e culturale dominante.
 
Questo è un programma straordinariamente attraente che richiederà tutta l’energia e l’immaginazione della sinistra europea per contrastarlo efficacemente.
 
Controrivoluzione in Asia
 
Per quanto riguarda l’Asia, c’è anche una controrivoluzione in corso.In India, abbiamo una destra indù che ha segnato una grande vittoria nelle elezioni del 2014 e mira a consolidare la sua egemonia nelle elezioni del prossimo anno. La controrivoluzione è sanguinosa. Il linciaggio di musulmani, Dalit e Adivasis, l’omicidio di eminenti intellettuali e l’arresto di attivisti sono ormai all’ordine del giorno.
 
Questo forse non è inaspettato, dal momento che il primo ministro Narendra Modi era il primo ministro dello stato di Gujarat nel 2002, quando in un periodo di due mesi circa 2000 persone – la stragrande maggioranza di loro musulmani – persero la vita in quello che molti considerano un pogrom. La destra controlla il cyberspazio, dal quale creano false notizie che scatenano rivolte anti-musulmane, come nella città di Muzaffarnagar nel 2013, o diffondono discorsi di incitamento all’odio, come l’idea di legare la scrittrice indiana Arundhati Roy a una jeep dell’esercito come scudo umano nel Kashmir.
 
Penso sia giusto dire che gli intellettuali liberali e gli attivisti progressisti in India non hanno ancora compreso appieno cosa è successo, e tanto meno hanno capito come contrastarlo.
 
Ma chi sono io per parlare? Nel mio paese, le Filippine, un serial killer che ha preso più di 7.000 vite (una cifra considerata da molti come una sottostima grossolana) in poco più di due anni è il capo dello stato – ed è tanto popolare oggi come quando è stato eletto. L’opposizione deve ancora trovare una base solida, con le due forze principali che sono un’opposizione liberale elitaria e screditata e una sinistra estrema altrettanto discreditata. Nel frattempo, sembra che il presidente Duterte trovi poco intralcio nel demolire la Costituzione democratica liberale e istituire un sistema autoritario mascherato da federalismo.
 
C’è poco da essere allegri altrove. Nella Thailandia governata dalla giunta, i militari non mostrano alcuna urgenza di tornare nelle caserme, perché la borghesia preferisce avere loro al potere piuttosto che una democrazia sostenuta dalle classi inferiori. In Cambogia, Hun Sen ha fatto cadere le ultime vestigia della democrazia sciogliendo unilateralmente il principale partito di opposizione. In Myanmar, l’esercito sta portando avanti il genocidio con il forte sostegno della maggioranza buddista e l’acquiescenza del governo civile eletto di Aung San Suu Kyi.
 
Caratteristiche comuni
 
Osservando più da vicino alcuni di questi paesi in cui l’autoritarismo è in aumento, molte cose diventano chiare.
 
Prima di tutto, c’è una ribellione contro la democrazia liberale in corso, anche se le sfumature sono diverse nei diversi casi.
 
In India, la rivolta è contro il carattere laico della democrazia liberale, contro la sua difesa della diversità, e contro le protezioni che accorda alle minoranze nei confronti della maggioranza. Si potrebbe dire che ciò che sta emergendo è un regime maggioritario, cioè democratico nel senso stretto di promuovere il dominio della maggioranza a scapito dei diritti delle minoranze e delle libertà individuali, praticamente come il regime di “democrazia illiberale” dell’uomo forte ungherese Viktor Orban.
 
Nelle Filippine, l’insurrezione contro la democrazia liberale è una risposta al dirottamento del processo elettorale da parte delle élite per competere tra loro mentre cooperano per perpetuare il loro dominio di classe e per il fallimento di 32 anni di sistema democratico liberale del Paese nel garantire una riforma sociale ed economica. In Thailandia, è contro il “fallimento” della democrazia liberale nel preservare i privilegi della minoranza contro una maggioranza povera che loro considerano ignorante e corruttibile.
 
In secondo luogo, il razzismo, l’etnocentrismo e un complesso di superiorità culturale sono i fattori principali di alcuni di questi movimenti estremisti. In India, Europa e Stati Uniti, questi movimenti hanno adottato la narrazione di una caduta da una mitica “Età dell’oro” non contaminata da alieni come musulmani e non-bianchi nel caso dei movimenti di destra europei, musulmani e cristiani in quello dei nazionalisti indù, neri e ispanici in quello della destra americana.
 
Terzo, i movimenti estremisti in Asia, mentre beneficiano le élite, godono del sostegno delle classi medie.
 
In India, i suoi sostenitori più entusiasti sono ciò che un osservatore ha definito “una classe media in ascesa affamata di asserzioni religiose e stufa del retaggio socialista e razionalista di Jawaharlal Nehru”. In Thailandia, impaurita delle masse di gente rurale povera mobilitata dall’ex primo ministro Thaksin, la classe media, compresa la maggior parte del mondo accademico, sostiene misure che ostacolarebbero il governo della maggioranza e preferiscono avere un regime militare piuttosto che un vero e proprio sistema di voto democratico. Nelle Filippine, le persone della classe media sono le sostenitrici più accanite della sanguinosa guerra alla droga del presidente Duterte, dove il giusto processo è stato buttato fuori dalla finestra.
 
Per quanto riguarda il Nord, ampi settori della classe operaia bianca si sono uniti alle classi medie come base per i partiti estremisti, cadendo nella promessa della destra di uno stato sociale, ma solo per la cosiddetta popolazione nativa, cioè i bianchi .
 
Quarto, nelle Filippine e in India, c’è una logica di rimozione per gli atti brutali del regime.
 
In India, musulmani e cristiani sono visti come innesti alieni sul corpo politico indù. Mentre le considerazioni tattiche impongono di essere trattate come “meramente” cittadini di seconda classe per il momento, queste comunità devono alla fine essere eliminate dai pogrom o dagli spostamenti forzati quando si presenta l’opportunità, come è avvenuto in Gujarat nel 2002.
 
Nelle Filippine, i tossicodipendenti sono l’equivalente degli ebrei dell’era nazista nell’universo del presidente Duterte. Duterte ha praticamente cancellato queste persone dalla razza umana. I consumatori di droga sono spinti fuori dai confini dell ‘”umanità”, dal momento che i loro cervelli si sono ristretti a tal punto che non sono più al comando delle loro facoltà di volontà e pensiero. Nei suoi discorsi che giustificano le uccisioni “per autodifesa” della polizia, Duterte ha detto che un anno o più di uso di “shabu” – il termine locale per metamfetamina – “rimpicciolirebbe il cervello di una persona, e quindi non sarebbe più capace di riabilitazion “. Queste persone sono” morti viventi che camminano” che “non sono più utili alla società”.
 
Che fare?
 
Prima di tutto, i progressisti devono affrontare il fatto che questi movimenti sono al potere o alle soglie del potere – e una volta ottenuto il potere, attraverso elezioni o altri mezzi, non hanno intenzione di rinunciarvi. Se c’è una lezione chiave che questi movimenti hanno appreso da Hitler, che salì al potere attraverso elezioni democratiche nel 1932-33, è proprio questo. Amit Shah, il presidente del BJP, si è vantato che il suo partito rimarrà al potere per i prossimi 50 anni.
 
In secondo luogo, anche se chiediamo continuamente il rispetto dei diritti umani, dobbiamo allo stesso tempo renderci conto che questi potrebbero avere meno presa ora tra le persone influenzate dai leader che respingono i diritti umani come un’ideologia occidentale diffusa da quelli che gli ideologi del BJP chiamano “sickular libtards”.
 
Inoltre, i tempi richiedono una politica progressista che vada al di là dell’invocazione del ritorno alla screditata democrazia dell’élite, in cui l’uguaglianza era puramente formale, a quella che ha come fulcro il raggiungimento di una vera eguaglianza economica e sociale, sia che si chiami questo socialismo o post-capitalismo. Questo programma deve richiedere una gestione più forte dell’economia da parte dello stato e della società civile, che la faccia muovere al di là del capitalismo, con una forte dose di reddito radicale e redistribuzione della ricchezza, mentre sostiene processi democratici, laicità, diversità e diritti delle minoranze, compresi i migranti .
 
In terzo luogo, mentre gran parte delle classi medie ha ciò che potremmo chiamare, seguendo Gramsci, un “consenso attivo” verso la politica autoritaria, gran parte delle classi più povere e più emarginate mantengono la destra a debita distanza o limitano il loro sostegno al consenso passivo. Dobbiamo concentrare la nostra contro-mobilitazione su questi settori – senza tuttavia rinunciare alla classe media o alla classe operaia bianca per questo motivo. Le minoranze razziali, etniche e culturali devono essere al centro di questa coalizione.
 
Quarto, i partiti e le personalità di destra sono fortemente misogini in un momento in cui le lotte delle donne per i loro diritti sono in ascesa in tutto il mondo. Quindi è molto importante che le donne in grande numero svolgano un ruolo centrale nella politica del movimento antifascista. Le donne, quando mobilitate, sono uno dei baluardi più forti contro il fascismo.
 
Quinto, molte personalità e partiti progressisti che hanno svolto un ruolo chiave nella vecchia arena politica liberale e democratica sono stati screditati, insieme al sistema democratico liberale. Quindi, mentre dobbiamo costruire ampie coalizioni, è imperativo che nuovi volti, nuove formazioni politiche e nuove idee arrivino a rappresentare la risposta progressista al fascismo. I giovani sono un campo di battaglia centrale in questo conflitto e stiamo perdendo terreno tra loro.
 
Déjà vu?
 
Oggi siamo più o meno dove eravamo negli anni ’30, quando le forze dell’estrema destra sono all’offensiva e il destino della politica progressista democratica è in bilico.
 
Gli ultimi anni hanno smentito l’idea deterministica di Francis Fukuyama secondo cui la democrazia liberale era il futuro di ogni paese, proprio come prima che gli eventi epocali di Fukuyama seppellissero l’idea ugualmente deterministica che il socialismo fosse l’onda del futuro.
 
Il futuro emerge dallo scontro di movimenti e idee, caratterizzato da grande incertezza e contingenza. Non c’è alcuna garanzia che la nostra squadra prevarrà, ma perderà sicuramente se non resisteremo in un modo che combini determinazione, passione e saggezza.
 
* Walden Bello è International Adjunct Professor di Sociologia alla State University di New York a Binghamton. E’ stato parlamentare nelle Filippine dal 2009 al 2015. e’ autore di 23 libri e intellettuale impegnato nel movimento altermondialista.
articolo originale:
traduzione di Maurizio Acerbo
segnaliamo anche:Il ritorno del fascismo nel capitalismo contemporaneo

http://www.rifondazione.it/primapagina/?p=15092

PRIVACY



Aderisci al Partito della Rifondazione Comunista