Migranti, Acerbo (PRC): “Purtroppo Milano non è Barcellona, rastrellamenti targati PD per fare concorrenza a Salvini”

Migranti, Acerbo (PRC): “Purtroppo Milano non è Barcellona, rastrellamenti targati PD per fare concorrenza a Salvini”

Il rastrellamento di immigrati a Milano intorno alla stazione centrale – dichiara Maurizio Acerbo, segretario nazionale Rifondazione Comunista – Sinistra Europea – non ha nulla a che fare con la sicurezza e tantissimo con la campagna elettorale. Il dispiegamento spettacolare di uomini e mezzi serve al PD per fare concorrenza a Salvini che accorre sul posto per non farsi rubare la parte del cattivo da Minniti. E’ gravissimo avallare l’idea che i migranti costretti in una situazione di irregolarità ricorrente dalla legge Bossi-Fini e normative europee siano dei delinquenti da cui le città vanno “ripulite”.

Emerge per l’ennesima volta la contraddizione tra la retorica antirazzista del PD e i comportamenti concreti: si promuove a Milano per il prossimo 20 maggio una manifestazione “insieme senza muri” e poi si agisce in stile Germania anni ’30.
Difficile credere che l’amministrazione Sala non sia stata precedentemente informata di questa operazione visto che nei comitati per l’ordine e la sicurezza ci sono Comune, Questore e Prefetto.
Purtroppo dobbiamo constatare che Milano non è Barcellona, Sala non è Ada Colau e Minniti è un pericolo per la democrazia come Salvini.
Vale davvero la pena di scendere in piazza non per processioni ipocrite ma per rivendicare l’abolizione dei decreti Orlando-Minniti e contro il razzismo istituzionale di governo e tanta parte delle opposizioni parlamentari.

Maurizio Acerbo, segretario nazionale PRC-Se

……………………….

Milano-stazione-Centrale-2-990x733

PRIVACY



Aderisci al Partito della Rifondazione Comunista