Rifondazione: Sette anni senza Giulio, sette anni senza verità e giustizia

Rifondazione: Sette anni senza Giulio, sette anni senza verità e giustizia

Sono trascorsi sette anni esatti dal giorno in cui Giulio Regeni sparì nelle mani dei carcerieri egiziani di Al Sisi, per essere ritrovato una settimana dopo orribilmente ucciso. Sette anni di dolore, di inchieste, di tentativi di avere almeno verità e giustizia in cui i genitori, la legale, gli amici, hanno fatto quanto era nelle loro possibilità per giungere a conoscere il nome dei colpevoli del suo omicidio. Anni in cui i governi, di diverso colore, hanno balbettato con il governo egiziano incrementando contemporaneamente le relazioni economiche e le commesse militari con uno dei peggiori dittatori dell’area. Sono almeno 60 mila le persone detenute in Egitto in ragione delle loro opinioni politiche. I nomi degli esecutori materiali sono noti, il mandante altrettanto eppure ancor oggi si sentono ministri che pomposamente comunicano disponibilità del governo egiziano a far luce sul delitto. Noi di Rifondazione Comunista non ci crediamo e ci schieriamo al fianco delle forze democratiche egiziane che si oppongono al regime.

Stefano Galieni, Responsabile immigrazione Partito della Rifondazione Comunista – Sinistra Europea, Coordinamento Unione Popolare


Sostieni il Partito con una



 
Appuntamenti

PRIVACY

Installa l'App Rifondazione






o tramite bonifico sul cc intestato al PRC-SE al seguente IBAN: IT74E0501803200000011715208 presso Banca Etica.