In piazza il 5 novembre: “Basta armi, negoziato subito”

In piazza il 5 novembre: “Basta armi, negoziato subito”

Un Ponte Per in piazza il 5 novembre: “Cambiare strada. Basta armi, negoziato e cessate il fuoco subito”.
L’appello dei co-Presidenti di UPP, Alfio Nicotra e Angelica Romano -

Roma, 3 novembre 2022 – Un Ponte Per è tra le organizzazioni promotrici della manifestazione nazionale per la pace che si terrà a Roma sabato 5 Novembre con partenza da piazza della Repubblica ed arrivo in piazza San Giovanni.

“Una delegazione di Un Ponte Per è appena tornata da Kiev con una carovana di Stop The War Now – affermano Nicotra e Romano – dalla fondazione abbiamo sempre scelto di stare dalla stessa parte: quella delle vittime, di chi subisce i bombardamenti, di chi viene perseguitato perché si rifiuta d’imbracciare un fucile e di sparare ad un proprio simile. E’ giunto il momento di smetterla di alimentare questa guerra fratricida e scendiamo in piazza per chiedere al nostro governo e a quelli dell’Unione Europea di cambiare strada. Basta armi, si passi finalmente alla diplomazia e al negoziato”.

“La scelta di contrastare l’illegittima invasione da parte della Russia dei territori dell’Ucraina con la forza delle armi, le sanzioni e rifiutandosi d’intavolare qualsiasi trattativa con il nemico – scrivono ancora Nicotra e Romano – sta portando in un vicolo cieco. L’articolo 51 dell’ONU legittima la difesa anche armata di un paese sovrano aggredito, ma subito dopo stabilisce che spetta alla comunità internazionale avanzare tutte le iniziative per ripristinare la pace attraverso il dialogo e il negoziato.”

“Quella a cui stiamo assistendo ormai da mesi – proseguono i due co-Presidenti di Un Ponte Per – non è solo una guerra della Russia contro l’Ucraina ma è sempre di più una guerra tra la Russia e la NATO: alimentarla è da irresponsabili e avvicina il rischio di una catastrofe nucleare. La distruzione delle infrastrutture civili, il sempre più alto tributo di sangue della popolazione ucraina e dei coscritti russi mandati al fronte a uccidere e morire dal regime di Putin, ci dicono che diplomazia, negoziato, cessate il fuoco immediato, avvio di una conferenza di pace per la sicurezza comune del continente europeo non possono più attendere”.

Un Ponte Per auspica “che si spezzi l’inerzia all’estensione del conflitto e alla minaccia nucleare imponendo alle parti il cessate il fuoco e l’avvio, sotto l’egida dell’Onu, del negoziato di pace. Chiediamo protezione immediata e asilo politico per tutti i disertori e obiettori di coscienza ucraini e russi oltre che moltiplicare il sostegno umanitario per la popolazione colpita dalla guerra sostenendo la costruzione della pace con la società civile ucraina”.

“Fermiamo la guerra mondiale a pezzi, svuotiamo gli arsenali e riempiamo i granai” concludono Nicotra e Romano.

www.unponteper.it

cover-alfio-pace


Sostieni il Partito con una



 
Appuntamenti

PRIVACY

Installa l'App Rifondazione






o tramite bonifico sul cc intestato al PRC-SE al seguente IBAN: IT74E0501803200000011715208 presso Banca Etica.