Rifondazione: dalla parte di Mimmo Lucano, contro chi processa la solidarietà

Rifondazione: dalla parte di Mimmo Lucano, contro chi processa la solidarietà

Inizia oggi, presso il tribunale di Reggio Calabria, il processo in Corte d’Appello all’ex sindaco di Riace Mimmo Lucano, condannato in prima istanza ad oltre 13 anni di carcere, una pena doppia rispetto a quanto richiesto dal Pm. La colpa di Mimmo, come quella degli equipaggi delle ong perennemente sottoposte a processo, come quella dei volontari del Baobab, per citare solo alcuni esempi, è quella di non essersi voltati dall’altra parte quando si trattava di aiutare profughi e richiedenti asilo, anche a costo di forzare e di violare leggi palesemente ingiuste. Come Rifondazione Comunista, restiamo al fianco di Mimmo e di chi, con lui, rischia pene che non vengono affibbiate neanche ai più pericolosi criminali. Ma in effetti il crimine di solidarietà, nato dalle menti fervide di esponenti del Partito Democratico oggi dedite all’esportazione di armi e di sistemi di sicurezza militari, è un crimine che turba gravemente l’ordine neoliberista che gli accusatori rappresentano. Un ordine che, come accade da decenni, è causa di guerre, lutti, violenza, accordi diplomatici con impresentabili dittature, politiche di dominio, guadagni per pochi ai danni di molti

Maurizio Acerbo, segretario nazionale
Stefano Galieni, responsabile nazionale immigrazione, Partito della Rifondazione Comunista – Sinistra Europea


Sostieni il Partito con una



 
Appuntamenti

PRIVACY

Installa l'App Rifondazione






o tramite bonifico sul cc intestato al PRC-SE al seguente IBAN: IT74E0501803200000011715208 presso Banca Etica.