Acerbo (Prc-Se): no al ddl concorrenza. Draghi la smetta con privatizzazioni

Acerbo (Prc-Se): no al ddl concorrenza. Draghi la smetta con privatizzazioni

L’accelerazione di Mario Draghi sul DDL concorrenza e il ricorso alla fiducia rappresenta l’ennesima prevaricazione antidemocratica. Draghi vuole imporre la privatizzazione definitiva dei servizi pubblici locali e dell’acqua che fu bloccata dal referendum nel 2011. Passati più di 10 anni gli oligarchi tornano alla carica per divorare quel poco di pubblico che è rimasto nel nostro paese.

Dopo che i fatti hanno dimostrato il fallimento delle privatizzazioni, dalle autostrade all’energia, è vergognoso che il governo imponga l’obbligo di privatizzare.

Draghi la smetta con le privatizzazioni che non hanno nulla a che fare con la concorrenza perché i servizi pubblici sono monopoli.

Basta con il capitalismo predatorio che ha impoverito l’Italia. Draghi la smetta con privatizzazioni!

Maurizio Acerbo, Segretario nazionale, Partito della Rifondazione Comunista- Sinistra Europea


Sostieni il Partito con una



 
Appuntamenti

PRIVACY

Installa l'App Rifondazione






o tramite bonifico sul cc intestato al PRC-SE al seguente IBAN: IT74E0501803200000011715208 presso Banca Etica.