A CAPODANNO BRUCIA TENDOPOLI DI ROSARNO, FUOCHI DELLA VERGOGNA

A CAPODANNO BRUCIA TENDOPOLI DI ROSARNO, FUOCHI DELLA VERGOGNA

Nella notte di capodanno non ci sono stati solo i fuochi d’artificio ma anche quelli della vergogna: un incendio – l’ennesimo – si è sviluppato nella tendopoli di Rosarno mettendo a rischio la vita di più di mille immigrati.
Solo per un caso fortuito, questa volta non ci sono vittime. ma le fiamme che hanno distrutto tende e baracche ci ricordano che in Italia non si garantisce un alloggio dignitoso e sicuro a lavoratrici e lavoratori che si spaccano la schiena nei campi.
In Calabria, Basilicata e in Puglia, più in generale in tutte le aree rurali in cui la raccolta è affidata a manodopera sottopagata e al nero, non si è proceduto a un piano per garantire il diritto all’abitare agli immigrati che lavorano nell’agricoltura.
E’ una vergogna che nell’alternarsi dei governi regionali e nazionali non viene affrontata ed è inaccettabile il fatto che i tanti ghetti esistenti in quelle aree, vengano sgomberati quando le stagioni dei raccolti terminano. A chi svolge un lavoro tanto duro vanno garantiti alloggio dignitoso, salario decente e un contratto di lavoro. Di questo dovrebbero occuparsi le Regioni e il governo nazionale.

Maurizio Acerbo, segretario nazionale e Stefano Galieni, responsabile immigrazione del Partito della Rifondazione Comunista – Sinistra Europea





 

Sostieni il Partito con una




 
Appuntamenti

PRIVACY

Installa l'App Rifondazione


Sostieni
Rifondazione Comunista
con una
donazione





o tramite bonifico sul cc intestato al PRC-SE al seguente IBAN: IT74E0501803200000011715208 presso Banca Etica.