Rifondazione Comunista con i lavoratori e le lavoratrici di Almaviva contro i licenziamenti

Rifondazione Comunista con i lavoratori e le lavoratrici di Almaviva contro i licenziamenti

Rifondazione Comunista con i lavoratori e le lavoratrici di Almaviva contro i licenziamenti

Rifondazione Comunista sostiene i lavoratori di Almaviva di Palermo in lotta per la salvaguardia del posto di lavoro contro la decisione di ITA di affidare il call center alla società internazionale Covisian in sostituzione di Almaviva senza rispettare la clausola sociale sulla prosecuzione del rapporto di lavoro.

Nell’’incontro tenutosi ieri tra i rappresentanti del ministro del lavoro, dei sindacati e delle aziende in causa sia Ita che Covisian hanno rifiutato di garantire il mantenimento dei livelli occupazionali attuali.

È gravissimo e inaccettabile che un’azienda pubblica come Ita, di proprietà al 100% del ministero del tesoro proceda con operazioni selvagge di questa natura contribuendo alla distruzione di posti di lavoro che in questo paese sembra diventato uno sport nazionale.

È intollerabile che il governo Draghi avalli un’operazione che non rispetta la legge che in caso di cambio d’appalto prevede il rispetto della clausola sociale, mettendo sul lastrico 621 lavoratori e lavoratrici e le loro famiglie.

Sosteniamo lo sciopero indetto per oggi 9 settembre dai sindacati confederali e siamo impegnati per il rilancio delle lotte per il lavoro e i diritti contro tutti i tentativi del governo e delle imprese di ristrutturare il sistema economico e produttivo ai danni dei lavoratori.

Antonello Patta, responsabile nazionale lavoro, Partito della Rifondazione Comunista – Sinistra Europea





 

Sostieni il Partito con una




 
Appuntamenti

PRIVACY

Installa l'App Rifondazione


Sostieni
Rifondazione Comunista
con una
donazione





o tramite bonifico sul cc intestato al PRC-SE al seguente IBAN: IT74E0501803200000011715208 presso Banca Etica.