Rifondazione: a 41 anni dalla strage fascista di Bologna, non dimenticare ma cercare mandanti e conniventi

Rifondazione: a 41 anni dalla strage fascista di Bologna, non dimenticare ma cercare mandanti e conniventi

41 anni fa a Bologna, alle 10.25 si è consumata nella stazione da cui si partiva per le vacanze, la più atroce strage fascista mai commessa in Italia dopo la fine della Seconda guerra mondiale. In questi giorni sono alla sbarra non gli esecutori ma i mandanti di quell’orrenda vicenda. Molti come i nomi più noti della P2 e dei movimenti neofascisti, non risponderanno del ruolo svolto in quegli anni in quanto ormai morti. Ma quello che va chiesto non sono unicamente i nomi e cognomi dei criminali che hanno finanziato il vigliacco attentato terrorista ma le complicità con settori importanti delle Istituzioni. Va fatto emergere quel mondo ambiguo che ha portato a depistaggi, a far sparire documenti, a garantire impunità. Vanno resi verità giudiziaria e storica i legami fra criminalità organizzata, neofascismo, pidduisti e apparati istituzionali. E vanno chiarite le motivazioni che hanno portato a lasciar commettere tale crimine, quel “cui prodest”ancora indefinito. Come Rifondazione comunista siamo convinti che, in maniera meno attiva forse, le stesse spinte eversive continuino ad essere presenti nello Stato e nei suoi apparati più funzionali al lavoro di intelligence. Lo stragismo nero tutt’ora gode della protezione di un segreto di Stato mai rimosso da nessun governo. Che si aprano gli archivi e che si abbia finalmente il coraggio di far conoscere, non solo ai parenti delle vittime ma al Paese intero la storia oscura di questo Paese

Maurizio Acerbo, Segretario nazionale Partito della Rifondazione Comunista – Sinistra Europea





 

Sostieni il Partito con una




 
Appuntamenti

PRIVACY

Installa l'App Rifondazione


Sostieni
Rifondazione Comunista
con una
donazione





o tramite bonifico sul cc intestato al PRC-SE al seguente IBAN: IT74E0501803200000011715208 presso Banca Etica.