Il Partito Comunista Iracheno chiede uno stop immediato all’aggressione turca

Il Partito Comunista Iracheno chiede uno stop immediato all’aggressione turca

Le truppe di Ankara hanno attaccato un campo del PKK nel nord dell’Iraq causando la morte, tra gli altri, di 13 prigionieri turchi. Erdogan ha attribuito alla resistenza curda la responsabilità della morte dei prigionieri turchi. La risposta curda è fondata sulla storia: “È noto all’opinione pubblica che noi fino ad oggi come movimento non abbiamo fatto del male a nessun prigioniero nelle nostre mani”. Contemporaneamente in Turchia sono scattati arresti e ora finiscono sotto inchiesta i parlamentari dell’HDP che hanno criticato l’operazione militare. Notiamo che l’offensiva turca si è sviluppata a ridosso dell’anniversario della cattura di Ocalan nel 1999.

Dal Partito Comunista Iracheno abbiamo ricevuto questa dichiarazione che abbiamo tradotto:

Abbiamo seguito con profonda preoccupazione la continua incursione dell’esercito turco nei territori iracheni e la violazione della sovranità del nostro paese. Questa aggressione ha esposto la vita dei cittadini e degli agricoltori nella regione del Kurdistan, soprattutto nelle zone di confine, a grandi pericoli e ha provocato perdite umane e materiali.

La Turchia, attraverso queste azioni denunciate, sta violando tutte le norme ei valori internazionali e le relazioni di vicinato tra i due paesi, in un momento in cui i suoi governanti affermano che stanno lottando per la sicurezza e la stabilità in Iraq in generale e nella regione in particolare, e per sviluppare rapporti con il nostro Paese.

Mentre la Turchia ha la responsabilità primaria per le ripetute violazioni, la comunità internazionale e le Nazioni Unite devono agire per condannare questa aggressione e chiederne l’immediata cessazione. Anche il governo federale iracheno e il governo regionale del Kurdistan devono adempiere al loro dovere in questo senso e agire in vari modi e mezzi coerenti con il diritto internazionale per proteggere la vita dei nostri cittadini, le loro proprietà e la terra e porre fine a queste flagranti violazioni.

Il silenzio di entrambi i governi, federale e regionale, non è in ogni caso né giustificato né accettabile. È loro dovere respingere totalmente i tentativi della Turchia, o di qualsiasi altro paese, di risolvere i suoi problemi interni a spese dell’Iraq, della sua sicurezza e stabilità, terrorizzando i suoi cittadini e violando la sua sovranità.

Inoltre, il governo turco dovrebbe costruire ponti di comprensione e dialogo con i suoi oppositori, comprese le forze politiche che cercano di garantire i diritti del popolo del Kurdistan in Turchia. Dovrebbe garantire libertà e vera democrazia e rispondere alla volontà del popolo, invece di ricorrere a operazioni militari, una politica della terra bruciata e la sparizione forzata di attivisti nelle carceri e nei centri di detenzione.

È certo che le giuste cause dei popoli rimarranno e non saranno estinte dal fuoco dell’artiglieria e degli aerei, dalle uccisioni, dalle esecuzioni e dalle palesi violazioni dei diritti umani.

Oggi, mentre la Turchia mostra maggiormente il suo intento aggressivo e allude alla possibilità di inviare le sue forze a Sinjar, devono essere compiuti sforzi per sventare i suoi piani e cercare di ripristinare le condizioni normali in Sinjar. Le persone nell’area dovrebbero godere della giustizia e ricevere un risarcimento. La ricostruzione dovrebbe essere avviata a Sinjar, risparmiandola da conflitti politici e interferenze esterne, e risolvendo i problemi nell’interesse dei suoi cittadini, e degli yazidi in particolare. Ciò è necessario per alleviare il loro dolore e la loro sofferenza, oltre a fare ulteriori sforzi per scoprire il destino dei rapiti.

Mentre rinnoviamo la nostra condanna e denuncia della palese aggressione turca, chiediamo al governo turco di interrompere le sue operazioni militari, ritirare le sue forze dai nostri territori e rispettare la sovranità dell’Iraq.

Ufficio Politico del Partito Comunista Iracheno 

14 febbraio

 

 

 





 

Sostieni il Partito con una




 
Appuntamenti

PRIVACY

Installa l'App Rifondazione


Sostieni
Rifondazione Comunista
con una
donazione





o tramite bonifico sul cc intestato al PRC-SE al seguente IBAN: IT74E0501803200000011715208 presso Banca Etica.