Padre Ticão

Padre Ticão

di Teresa Isenburg

Nella prima notte di questo 2021 il cuore generoso di Antonio Luiz Marchioni, padre Ticão, parroco della parrocchia di São Francisco de Assis, nella regione  Ermelino Matarazzo, zona est dell’infinita metropoli di San Paolo, ha smesso di pulsare dopo 68 anni, 42 dei quali come sacerdote. Nato il 20 aprile 1952 a Urupês nell’entroterra occidentale dello Stato di San Paolo giunge nella capitale negli anni ‘70, già plasmato dall’appoggio ai grandi scioperi, in buona parte vittoriosi,  dei braccianti/boias-frias delle regioni della canna da zucchero ai quali si affiancavano gli insegnati. La strada e la scelta  dell’organizzazione e dell’azione sociale accompagnano e definiscono la sua guida della comunità alla quale lo assegna il vescovo della Zona Leste don Angélico Sandalo Bernardino.  Organizzazione assieme alle comunità ecclesiastiche di base e alla popolazione (quattro milioni circa nella Zona Leste) e azione per raggiungere risultati sociali che cambiano la vita dei cittadini già in questo mondo: presidio della Segreteria di abitazione del governo Franco Montoro negli anni ’80 per la costruzione di case popolari, mobilitazione per creare il  Parque Dom Paulo Evaristo Arns che nel toponimo ricorda e trasmette il lascito del cardinale che legò il proprio nome alla denuncia della tortura di stato nella dittatura militare. E poi ospedali e due università costruite  nella Zona Leste: realtà materiali e morali che rafforzano la volontà di conquistare la dignità sociale alla quale cui tutti i cittadini hanno diritto di accesso e dovere di esigere da chi detiene il potere. Gli ultimi anni padre Ticão ha dedicato molte energie (e organizzazione e azione) alla formazione culturale sull’uso medicinale della cannabis e a temi collegati alla  salute popolare e alla  acquisizione  di alternative alla  medicina troppo dominata dall’ industria farmaceutica. Con coraggio insieme ad una rete di parrocchie difendeva la urgenza della de-criminalizzazione dell’interruzione di gravidanza. In un momento in cui il negazionismo sanitario e la denigrazione insultate degli esecutivi stranieri che emanano normative di difesa del corpo femminile orientano  gli alti livelli decisionali pubblici in Brasile, padre Ticão è stato oggetto di pressioni,  minacce, espressioni di odio  ripetuti e brutali. Giustamente in questi giorni le Nazioni Unite, attraverso il rapporto del relatore Fernando de Varennes, esplicita che la lotta al discorso di odio nelle reti sociali è una delle grandi sfide del XXI secolo.  

Teologo coerente con gli indirizzi del Vaticano Secondo, una delle maggiori referenze della Chiesa Cattolica progressista in Brasile, figura profetica capace di guardare e vedere con respiro oltre la contingenza del momento presente e allo stesso tempo di tradurre la profezia in realtà del presente, le strade e le case della Zona Leste rimangono da oggi con meno luce.

 San Paolo, 3 gennaio 2021

Padre Ticão

Padre Ticão





 

Sostieni il Partito con una




 
Appuntamenti

PRIVACY


Sostieni
Rifondazione Comunista
con una
donazione





o tramite bonifico sul cc intestato al PRC-SE al seguente IBAN: IT74E0501803200000011715208 presso Banca Etica.