Rifondazione: Arcelor Mittal sospende delegato Fiom ex Ilva Taranto, inaccettabile rappresaglia

Rifondazione: Arcelor Mittal sospende delegato Fiom ex Ilva Taranto, inaccettabile rappresaglia

Arcelor Mittal invece di impegnarsi davvero a riportare in efficienza e sicurezza gli impianti dell’exIlva approfitta della difficile situazione per liberarsi di delegati sindacali scomodi.
È inaccettabile la sospensione di Giuseppe D’ambrosio, delegato RSu della Fiom Cgil, che giustamente ha denunciato i rischi per la sicurezza e il degrado degli impianti.
Si tratta di una palese intimidazione da parte della multinazionale che rientra nella strategia volta a creare un clima di terrore tra i lavoratori, come denuncia la Fiom provinciale. Non è accettabile che ci sia un management che espliciramente intima di non denunciare problemi di sicurezza.
La produzione è ridotta a meno della metà, sono tenuti al lavoro meno di un terzo dei lavoratori e invece di potenziare le manutenzioni per mantenere gli impianti in efficienza Arcelor Mittal è arrivata a lasciare a casa fino all’80% degli addetti a tali mansioni.
In queste condizioni aumentano i problemi di sicurezza per i lavoratori e il degrado degli impianti.
In passato abbiamo già espresso più di un dubbio sui reali interessi di Arcelor Mittal in relazione a Taranto; episodi come questo confermano l’inadeguatezza di questa multinazionale e dei suoi manager a superare l’intollerabile crisi prolungata in cui è lasciato lo stabilimento.
Cosa aspetta il governo a nazionalizzare questa storica azienda strategica per il futuro industriale del paese?

Maurizio Acerbo, segretario nazionale
Antonello Patta, responsabile lavoro
Nicola Cesaria, segretario regionale
Partito della Rifondazione Comunista





 

Sostieni il Partito con una




 
Appuntamenti

PRIVACY


Sostieni
Rifondazione Comunista
con una
donazione





o tramite bonifico sul cc intestato al PRC-SE al seguente IBAN: IT74E0501803200000011715208 presso Banca Etica.