Rifondazione Comunista: Decreti Salvini, ancora danni fino alle elezioni regionali, poi maquillage per renderli presentabili

Rifondazione Comunista: Decreti Salvini, ancora danni fino alle elezioni regionali, poi maquillage per renderli presentabili

Per l’ennesima volta il governo mostra una totale mancanza di senso del pudore. Si dichiara di voler modificare i decreti (leggi) Salvini contro immigrazione, ong e ogni forma di dissenso sociale, si raggiunge un accordo per modifiche parziali, in parte imposte dalla Corte Costituzionale e poi si rinvia ogni azione a settembre, evitando di doverne parlare nella campagna elettorale in arrivo.

Tanti gli elementi di pura malafede, dalle multe “ridotte” alle navi umanitarie che comunque restano nel mirino di governo e procure, all’ampliamento limitato dell’accesso alla protezione internazionale, a vaghe promessi di riforma di sistema di accoglienza- cancellato da Salvini – fino a un unico punto utile e dovuto all’intervento appunto della Consulta, ovvero l’obbligo a garantire la residenza anagrafica ai richiedenti asilo. Ma nella sostanza, anche gli scontri interni alla maggioranza sembrano mostrare come non ci sia spazio per posizioni di mediazione. O si continua a sostenere anche economicamente la Guardia costiera libica, il teorema ridicolo dell’invasione, la gestione emergenziale di ogni minimo elemento problematico o si mette mano ad una revisione radicale, tanto in sede nazionale che europea delle leggi che definiscono gli spostamenti di persone. Non a caso la attuale ministra dell’Interno da una parte parla di riforme ai decreti, dall’altra si ripete nella stantia gara propagandistica per dimostrare chi effettua il maggior numero dii rimpatri. Se per scegliere da che parte stare bisogna attendere i risultati delle elezioni regionali, significa che non si vuole cambiare nulla. Ovvero che nel percorso che da Minniti a Lamorgese, passando per Salvini, le differenze, per ora, sono solo nei tribunali. Per ora.

Maurizio Acerbo, Segretario nazionale PRC-S.E.
Stefano Galieni, Resp immigrazione PRC-S.E.

1200sea8


 

Sostieni il Partito con una




 
Appuntamenti

PRIVACY


Sostieni
Rifondazione Comunista
con una
donazione





o tramite bonifico sul cc intestato al PRC-SE al seguente IBAN: IT74E0501803200000011715208 presso Banca Etica.