Dove trovare i soldi? Settimanale tedesco come Rifondazione indica BCE come “unica alternativa”

Dove trovare i soldi? Settimanale tedesco come Rifondazione indica BCE come “unica alternativa”

Pubblichiamo la traduzione di un articolo di Mark Schieritz, commentatore economico del settimanale tedesco Die Zeit. 
Europa lässt Italien hängen
di Mark Schieritz
I capi di governo dell’UE non sono stati in grado di accordarsi sui Coronabond. Una comunità che abbandona i suoi membri nel bisogno non merita questo nome.
Ursula von der Leyen non è nota per i discorsi drammatici. Questa settimana, però, il Presidente della Commissione Europea ha pronunciato una frase che potrebbe essere intesa come un ultimo avvertimento: “Quando l’Europa doveva davvero esserci l’uno per l’altro, troppe persone all’inizio pensavano solo a se stesse”.
 
Non sembra che il messaggio sia arrivato. Al vertice di ieri, i capi di Stato e di governo non sono riusciti a concordare una posizione comune sulla questione del finanziamento delle misure di lotta alla crisi. Tra due settimane sarà fatto un altro tentativo di accordo. Si può solo sperare che il vertice abbia più successo – altrimenti potrebbe presto rimanere ben poco del progetto europeo.
 
Prima di tutto, non dobbiamo cercare compulsivamente soluzioni a questa crisi a Bruxelles. È essenzialmente una questione nazionale. L’esito della lotta contro il virus sarà deciso negli ospedali, negli uffici di ordine pubblico e nelle banche di sviluppo. L’UE svolge un ruolo, ma non quello decisivo – e le frontiere aperte o una moneta comune non sono il presupposto per una politica anticrisi di successo.
 
Ma non devono essere un ostacolo – ed è per questo che la questione finanziaria è così importante. Ma potrebbe essere così. Per questa crisi espone una fondamentale debolezza in Europa, ma soprattutto nell’Unione monetaria europea. Per contenere la pandemia sono necessarie misure coercitive da parte dello Stato, che provocheranno un arresto virtuale dell’economia. Per evitare un completo collasso economico, sono necessari enormi pacchetti di salvataggio statale che preservino il più possibile la sostanza economica e mitighino i peggiori squilibri sociali.
 
Qualcuno deve stampare del denaro fresco
Questa logica è ormai accettata in tutto il mondo. I Paesi del G20 lo hanno ribadito ieri in una dichiarazione congiunta e hanno annunciato misure fiscali “coraggiose e di vasta portata” a sostegno dell’economia. Il problema è che: Non tutti i Paesi hanno le risorse finanziarie per mobilitare – come la Germania – un trilione di euro per combattere la crisi.
 
Questo vale per molti paesi poveri dell’Africa e dell’America Latina, ma anche per alcuni Stati membri dell’Unione monetaria, che in realtà potrebbero non trovarsi in una situazione economica così negativa. E questo perché le somme in gioco sono così ingenti che in molti casi probabilmente non possono essere gestite senza il sostegno delle banche centrali. Per dirla in maniera grossolana: Si devono spendere così tanti soldi che qualcuno deve stampare del denaro fresco. Per questo motivo, ad esempio, la Federal Reserve statunitense ha abbassato i tassi d’interesse e ha annunciato che acquisterà obbligazioni per un periodo di tempo praticamente illimitato, rendendo più economici i prestiti. Questo spiana la strada ai programmi di spesa pubblica finanziati con il debito. Tuttavia, i paesi dell’euro non hanno una propria banca centrale che operi a livello puramente nazionale – la BCE è responsabile dell’intera zona euro. E questo significa che i paesi finanziariamente più deboli come la Spagna o l’Italia potrebbero rapidamente incontrare difficoltà nel finanziamento dei programmi di sostegno governativo. Per questo motivo Francia, Spagna, Italia e altri sei paesi hanno chiesto che le misure di crisi siano finanziate da un fondo comunitario temporaneo. Ciò deve essere organizzato tramite le cosiddette obbligazioni corona, ossia obbligazioni speciali emesse congiuntamente da tutti i paesi dell’euro proprio per questo scopo. Ma in Germania e nei Paesi Bassi questo sta incontrando resistenza. Temono che a un certo punto le obbligazioni corona saranno convertite in obbligazioni in euro, cioè che il fondo comunitario temporaneo diventerà permanente. Questo sarebbe l’inizio di un’economia del debito incontrollabile.
 
La Banca Centrale Europea come unica alternativa?
Per questo motivo si deve ora esaminare se sia possibile sbloccare una linea di credito del fondo di salvataggio del MES, a disposizione dei Paesi particolarmente colpiti dalla crisi. Il problema è che la concessione di prestiti è normalmente legata a condizioni rigorose. Questo per evitare che i singoli Stati si spingano oltre il limite e poi presentino il progetto di legge alla comunità. Ma per quanto sensato possa essere in tempi normali, oggi sarebbe problematico. L’Italia è in difficoltà non a causa di eccessi di bilancio, ma perché un virus minaccia di devastare il Paese. In una situazione del genere, minacciare sanzioni da Bruxelles sarebbe inaccettabile per gli italiani.
 
Alla fine, ci può essere una sola alternativa: la Banca centrale europea. Se il sostegno di Bruxelles non si concretizzerà, dovrà ridurre i costi di finanziamento italiani o spagnoli in misura molto maggiore rispetto a prima, acquistando titoli di Stato italiani o spagnoli, in modo che il paese già fortemente indebitato possa contrarre ulteriori prestiti. Ciò trasformerebbe la banca centrale in un’agenzia di finanza pubblica de facto, che sarà oggetto di critiche, soprattutto in Germania. Ma se tutte le altre opzioni sono bloccate, questo sarà l’unico modo per fornire sostegno ai paesi interessati. E una comunità che lascia cadere i suoi membri nel più grande bisogno non merita questo nome.

PRIVACY


Sostieni
Rifondazione Comunista
con una
donazione





o tramite bonifico sul cc intestato al PRC-SE al seguente IBAN: IT74E0501803200000011715208 presso Banca Etica.