Centenario PCI: polemica qualunquista e fascista della destra

Centenario PCI: polemica qualunquista e fascista della destra

 di Maurizio Acerbo
Le polemiche della destra che sbraita contro lo stanziamento di complessivi 400.000 euro in due anni per le iniziative commemorative del centenario della fondazione del Partito Comunista d’Italia (poi PCI) sono qualunquiste nell’argomentazione – lo spreco di denaro pubblico – e fasciste nelle motivazioni di fondo.
Salvini e Meloni gridano vergogna e i giornali della destra fanno da amplificatori di una polemica becera che cerca il consenso di quelli che vivono ancora oggi come un lutto la Liberazione dal nazifascismo.
La polemica contro il presunto spreco di denaro pubblico è del tutto strumentale. Semmai si dovrebbe considerare irrisoria la cifra stanziata rispetto all’importanza dell’anniversario. Faccio presente che la sola Regione Abruzzo (governata dalla destra) ha stanziato e speso nell’anno in corso 150.000 euro per celebrare l’anniversario della cosiddetta “impresa di Fiume” di Gabriele D’Annunzio. Il problema per loro non è dunque la spesa di denaro pubblico ma il ruolo che i comunisti hanno svolto nella storia italiana come principale componente del movimento operaio e contadino, e soprattutto principale forza dell’antifascismo e della Resistenza. Erano comunisti la stragrande maggioranza dei condannati dal Tribunale Speciale. L’intellettuale italiano del Novecento più studiato e citato nel mondo è Antonio Gramsci che morì dopo una lunga detenzione nelle galere fasciste. La Costituzione della Repubblica Italiana reca in calce la firma del comunista Umberto Terracini, fondatore con Bordiga e Gramsci del Pcd’I nel 1921, che trascorse 14 anni in prigione. E comunista era il bracciante pugliese Giuseppe Di Vittorio, segretario generale della Cgil. L’anniversario della fondazione del PCdI è quello del partito che ha pagato il più alto contributo di sangue alla costruzione della democrazia italiana e che è stato il più importante protagonista delle lotte sociali e democratiche della storia repubblicana.
È un anniversario che dovrebbero considerare come proprio tutti i democratici italiani. Gli stessi (post)fascisti dovrebbero ricordare che fu il capo del PCI Palmiro Togliatti, ministro della giustizia nel breve periodo di unità delle forze antifasciste dopo la Liberazione, a consentire con l’amnistia ai loro nonni di reintegrarsi nella vita del nostro paese.
Nella legge di Bilancio 2018 (art 1 comma 334) sono stati stanziati per ill sessantesimo anno dalla scomparsa di Luigi Sturzo e il centenario della fondazione del Partito popolare italiano  300.000 euro per ciascuno degli anni 2018, 2019 e 2020. 900.000 euro su cui la destra non ha fatto alcuna polemica.
Una cosa è certa: ai fascioleghisti non piacciono le bandiere rosse. Le sardine ci riflettano.

 
 

 

Sostieni il Partito con una




 
Appuntamenti

PRIVACY


Sostieni
Rifondazione Comunista
con una
donazione





o tramite bonifico sul cc intestato al PRC-SE al seguente IBAN: IT74E0501803200000011715208 presso Banca Etica.