Slavoj Zizek: Non c’è conflitto tra la lotta contro l’antisemitismo e la lotta contro l’occupazione israeliana

Slavoj Zizek: Non c’è conflitto tra la lotta contro l’antisemitismo e la lotta contro l’occupazione israeliana

 Pubblichiamo la traduzione di un articolo del filosofo sloveno apparsa su The Indipendent.

Jean-Paul Sartre ha scritto che, se si è attaccati per lo stesso testo da entrambe le parti in un conflitto politico, questo è uno dei pochi segni affidabili che si è sulla buona strada. Negli ultimi decenni, sono stato accusato da un numero di attori politici molto diversi (spesso a causa dello stesso testo!) di antisemitismo, perfino di sostenere un nuovo Olocausto e di perfida propaganda sionista (vedi l’ultimo numero dell’antisemita Occidental Observer). Quindi penso di essermi guadagnato il diritto di commentare le recenti accuse contro il Partito Laburista in merito alla sua presunta tolleranza dell’antisemitismo.

Io, ovviamente, rifiuto indiscutibilmente l’antisemitismo in tutte le sue forme, inclusa l’idea che a volte si possa “capirlo”, come in: “considerando ciò che Israele sta facendo in Cisgiordania, non si dovrebbe essere sorpresi se questo dà alla luce reazioni antisemite ”. Più precisamente, rifiuto le due versioni simmetriche di quest’ultima argomentazione: “dovremmo capire l’occasionale antisemitismo palestinese poiché soffrono molto” e “dovremmo comprendere il sionismo aggressivo alla luce dell’Olocausto”. Ovviamente, si dovrebbe anche respingere la versione di compromesso: “entrambe le parti hanno una ragione, quindi troviamo una via di mezzo …”.

Sulla stessa linea, dovremmo integrare il punto israeliano standard secondo cui la critica (ammissibile) della politica israeliana può servire da copertura per l’antisemitismo (inaccettabile) con la sua inversione non meno pertinente: l’accusa di antisemitismo è spesso invocata per screditare una critica totalmente giustificata della politica israeliana. Dove, esattamente, la legittima critica della politica israeliana diventa antisemitismo? Sempre più spesso la semplice simpatia per la resistenza palestinese è condannata come antisemita. Prendi la soluzione a due stati: mentre decenni fa era la posizione internazionale standard, è sempre più proclamata come una minaccia all’esistenza di Israele e quindi antisemita.

Le cose diventano davvero minacciose quando il sionismo stesso evoca il tradizionale cliché antisemita delle radici. Alain Finkielkraut ha scritto nel 2015 in una lettera a Le Monde: “Gli ebrei, oggi hanno scelto la via del radicamento”. È facile discernere in questa affermazione un’eco di Heidegger che affermò, in un’intervista con Der Spiegel, che tutto ciò che è essenziale e le grandi cose possono emergere solo dal fatto di avere una patria, dall’essere radicati in una tradizione. L’ironia è che qui abbiamo a che fare con uno strano tentativo di mobilitare cliché antisemiti per legittimare il sionismo: l’antisemitismo rimprovera agli ebrei di essere senza radici; il sionismo cerca di correggere questo fallimento fornendo in ritardo agli ebrei le radici. Non sorprende che molti antisemiti conservatori sostengano ferocemente l’espansione dello Stato di Israele.

Tuttavia, il problema con il progetto di insediamento oggi è che ora sta cercando di mettere radici in un luogo che è stato per migliaia di anni abitato da altre persone. Ecco perché trovo oscena una recente affermazione di Ayelet Shaked, ex ministro della giustizia israeliano: “Il popolo ebraico ha il diritto legale e morale di vivere nella sua antica patria”. E i diritti dei palestinesi?

Per me, l’unica via d’uscita da questo enigma è quella etica: alla fine non c’è conflitto tra la lotta contro l’antisemitismo e la lotta contro ciò che lo Stato di Israele sta facendo ora in Cisgiordania. Le due lotte fanno parte della stessa lotta per l’emancipazione. Citiamo un caso concreto. Alcune settimane fa, Zarah Sultana, candidata laburista, si è scusata per un post su Facebook in cui ha sostenuto il diritto palestinese alla “resistenza violenta”: “Non sostengo la violenza e non avrei dovuto articolare la mia rabbia nel modo in cui l’ho fatto, perché di cui mi scuso”. Sostengo pienamente le sue scuse, non dovremmo giocare con la violenza, ma mi sento comunque obbligato ad aggiungere che ciò che Israele sta facendo ora in Cisgiordania è anche una forma di violenza. Non c’è dubbio che Israele vuole sinceramente la pace in Cisgiordania; gli occupanti per definizione vogliono la pace nella loro terra occupata, dal momento che significa nessuna resistenza. Quindi, se gli ebrei sono in qualche modo minacciati nel Regno Unito, lo condanno incondizionatamente e inequivocabilmente e sostengo tutte le misure legali per combatterlo, ma posso aggiungere che i palestinesi in Cisgiordania sono molto più minacciati degli ebrei nel Regno Unito?

Senza menzionare Corbyn per nome, il rabbino capo Ephraim Mirvis ha recentemente scritto in un articolo per il Times che “un nuovo veleno – autorizzato dall’alto – ha messo radici nel Partito laburista”. Ha ammesso: “Non è il mio dire a chiunque come dovrebbe votare”, ha continuato aggiungendo: “Quando arriva il 12 dicembre, chiedo a tutti di votare con la propria coscienza. Non c’è dubbio, è in gioco l’anima stessa della nostra nazione”. Trovo questa presentazione di una scelta politica come puramente morale eticamente disgustosa – mi ricorda come, decenni fa, la Chiesa cattolica in Italia non abbia esplicitamente ordinato ai cittadini di votare per la democrazia cristiana, ma disse solo che avrebbero dovuto votare per un partito cristiano e democratico.

Oggi l’accusa di antisemitismo è sempre più rivolta a chiunque devi dall’accettabile establishment liberale di sinistra verso una sinistra più radicale – si può immaginare una manipolazione più repellente e cinica dell’Olocausto? Quando le proteste contro le attività delle forze di difesa israeliane in Cisgiordania vengono denunciate come espressione di antisemitismo e (implicitamente, almeno) messe sulla stessa linea dei negazionisti dell’Olocausto, vale a dire quando l’ombra dell’Olocausto è permanentemente evocata per neutralizzare qualsiasi critica delle operazioni militari e politiche israeliane – non è sufficiente insistere sulla differenza tra antisemitismo e la critica di particolari misure dello Stato di Israele. Si dovrebbe fare un ulteriore passo avanti e affermare che è lo Stato di Israele che, in questo caso, sta profanando la memoria delle vittime dell’Olocausto, usandole spietatamente come strumento per legittimare le attuali misure politiche.

Come scrisse Mirvis, l’anima della nostra nazione è davvero in gioco qui, ma anche l’anima della nazione ebraica. Gli ebrei seguiranno Finkielkraut e “metteranno radici”, usando la loro storia sacra come una scusa ideologica, o ricorderanno che alla fine siamo tutti estranei in una terra straniera? Gli ebrei permetteranno a Israele di trasformarsi in un altro stato-nazione fondamentalista o di rimanere fedele all’eredità che li ha resi un fattore chiave nel sorgere della moderna società civile? (Ricordate che non c’è Illuminismo senza gli ebrei.) Per me sostenere pienamente la politica israeliana in Cisgiordania è un tradimento non solo di un’etica globale astratta, ma della parte più preziosa della stessa tradizione etica ebraica.

PRIVACY


Sostieni
Rifondazione Comunista
con una
donazione





o tramite bonifico sul cc intestato al PRC-SE al seguente IBAN: IT74E0501803200000011715208 presso Banca Etica.