Manifesto dell’assemblea femminista del Forum Europeo di Bruxelles 2019

Manifesto dell’assemblea femminista del Forum Europeo di Bruxelles 2019

Un grido femminista viaggia attraverso l’Europa.

La lotta viola si diffonde e si muove tra i paesi del Vecchio Continente, testimoniando la forza di un’articolazione femminista che non vuole veder retrocedere i diritti conquistati dalle donne. L’esperienza collettiva delle donne sta costruendo un nuovo orizzonte comune, a partire da una nuova universalità anticapitalista, antimperialista, antirazzista e antipatriarcale, che pone la vita al centro della nostra visione, in modo diversificato.

Il femminismo del 99% è l’unico in grado di collegarci l’un l’altro in un’alleanza femminista a sostegno dell’uguaglianza, tenendo conto della classe sociale e del paese di origine, attraverso l’orientamento sessuale e di genere. Questo femminismo è in grado, da un lato, di collegare le lotte per la ridistribuzione della ricchezza e della giustizia sociale alle lotte per i diritti umani e, dall’altro, di vincere la lotta per il riconoscimento, l’aumento delle libertà e la partecipazione della società a tutti i livelli.
Per anni il femminismo ha posto i problemi reali e quotidiani delle donne al centro dell’agenda politica.
È lo strumento migliore che le donne hanno perché in tutto il mondo siano donne libere.

Questa Assemblea delle donne, nell’ambito del Forum europeo, in cui troviamo donne di varie forze progressiste e della sinistra europea, intende rafforzare ed estendere questo femminismo del 99% a tutti gli spazi della sfera pubblica e privata in cui abbiamo la capacità di intervenire come forze politiche.

È facilitando l’unione e la solidarietà all’interno del movimento femminista, prendendosi cura della sua autonomia e rispettando le diverse espressioni, che le nostre forze politiche rappresentano, che ci mettiamo al servizio della lotta femminista per renderla più forte, più indiscutibile e più compresa.

Poiché vogliamo rimanere in vita, esclamiamo: “Non una di Meno”, Niunamenos.
Nessuna aggressione sessista e nessuna violazione dei nostri diritti politici, sociali, economici o sessuali, rimarrà senza risposta. In un contesto di austerità, razzismo e banalizzazione del sessismo, nessuna donna dovrebbe doversi rassegnare alla violenza e allo sfruttamento.
Chiediamo a tutti i paesi europei di ratificare e attuare la Convenzione di Istanbul, che riconosce chiaramente che la violenza contro le donne è una violazione sistematica dei diritti umani.
Chiediamo inoltre politiche europee per combattere lo sfruttamento sessuale di donne e bambini.
Chiediamo politiche vere ed efficaci, dato che il tempo delle dichiarazioni di intenti o delle promesse elettorali eterne è finito.
Chiediamo risorse per sostenere le politiche pubbliche per prevenire, combattere ed eliminare la violenza contro donne e ragazze in tutti i paesi europei, per lo sviluppo di un’Europa dell’uguaglianza, libera da ogni forma di violenza basata sul genere.
Poiché riproduciamo la vita, chiediamo una vita dignitosa con pari diritti per tutte le donne.
L’identificazione delle donne nella sfera dell’assistenza privata e l’onere disuguale e non pagato che grava su di loro nel contesto della divisione sociale patriarcale e capitalista sono stati, tra le altre cose, la causa dell’esclusione delle donne dalla sfera politica. Una nuova organizzazione sociale di assistenza è assolutamente necessaria e vitale.
La corresponsabilità dell’assistenza non è una questione privata da risolvere nel contesto familiare ma, al contrario, deve essere nelle mani dello Stato e della società nel suo insieme.
Chiediamo quindi politiche pubbliche e soprattutto uno stato sociale forte e inclusivo.

Poiché vogliamo essere libere, non permetteremo il ritiro del diritto di disporre del nostro corpo e della nostra maternità.
Ci impegniamo a continuare a combattere contro tutte le forme di oppressione basate sul genere e l’orientamento sessuale e contro qualsiasi forma di stereotipo che tende a mantenere la disuguaglianza di genere. Denunciamo la fobia LGBTQI sociale, istituzionale e professionale di cui molti di noi soffrono, come un’altra forma di violenza di genere.
Siamo donne e siamo diverse.
Denunciamo anche la repressione e la persecuzione politica di coloro che difendono la diversità.

Poiché rifiutiamo di accettare la precarietà e la povertà come norma, a causa di un sistema economico capitalista in cui l’essere donna è la causa principale della povertà.
La precarietà è aggravata per molte di noi dall’essere anziane o migranti e dal ritorno di idee conservatrici e dell’estrema destra in Europa.
Questo ci impedisce di sviluppare un progetto di vita con dignità e autonomia.
Niente più miseri salari che portano alla povertà quotidiana e alla privazione dei nostri diritti fondamentali, non più le miserabili pensioni che ci costringono a soffrire di povertà nella vecchiaia.
Chiediamo pari retribuzione e uguali diritti del lavoro.

Poiché la lotta femminista è completamente legata alla difesa del pianeta, protestiamo fortemente contro il selvaggio neoliberismo imposto come un pensiero unico al mondo che distrugge tutto, sfrutta la Terra e sfrutta le donne. Siamo fermamente impegnati nel cibo, nell’energia e nella sovranità territoriale dei popoli. Chiediamo che la difesa dei vivi sia al centro dell’economia e della politica europea. Chiediamo inoltre che queste politiche si concentrino sulla lotta contro la povertà, perché la precaria situazione delle donne le rende le prime vittime del cambiamento climatico. Pertanto, chiediamo l’integrazione della dimensione di genere nelle politiche ambientali e climatiche.

Poiché la lotta femminista è completamente legata alla difesa della pace e della solidarietà, dichiariamo che nessuna donna è illegale.
E lo gridiamo a gran voce: no al razzismo e all’esclusione!
No alle guerre le cui conseguenze dirette sono migliaia di vittime e rifugiati in tutto il mondo, con molte donne rifugiate tra loro, vittime che sono state dimenticate, maltrattate e violentate. Chiediamo l’accoglienza in Europa di tutti i rifugiati e migranti per qualsiasi motivo.

Per tutti questi motivi, abbiamo un obiettivo chiaro: rafforzare il nostro impegno nella lotta femminista e continuare a contribuire alla sua costruzione collettiva, a questa mobilitazione già profondamente trasversale, interclassista, internazionale e intergenerazionale, apertamente anticapitalista, antipatriarcale , anti-sessista e anti-razzista, che oggi non sembra avere confini.

Infine, questo forum si impegna a sostenere per un altro anno lo sciopero femminista e la lotta contro il patriarcato, sostenuto nella maggior parte dei paesi europei. Perché è attraverso lo sciopero che possiamo rendere visibile lo sfruttamento economico delle donne, spesso inegalitarie, non riconosciute e non retribuite; entrambi scioperando nei nostri luoghi di lavoro e nella sfera privata eliminando la cura degli altri, rifiutando di rispondere alle ingiunzioni sessiste incontrate quotidianamente.

Questo è il motivo per cui siamo attivamente coinvolti nella promozione dell’appello per una massiccia mobilitazione per lo sciopero femminista dell’8 marzo, che continua a dimostrare la forza del femminismo nella lotta per la giustizia sociale e l’uguaglianza.

image3

PRIVACY



Sostieni il Partito con una

o tramite bonifico sul cc intestato al PRC-SE al seguente IBAN: IT74E0501803200000011715208 presso Banca Etica.