Rifondazione, sciopero Conad-Auchan: “prima le persone poi le cose?”

Rifondazione, sciopero Conad-Auchan: “prima le persone poi le cose?”

 di Antonello Patta*

Rifondazione Comunista sostiene la lotta dei lavoratori del commercio e lo   sciopero indetto da Filcams, Fisascat e Uiltucs contro la mancanza di garanzie occupazionali e gestionali nel passaggio dei punti vendita Auchan a Conad che ne ha avviato l’incorporazione senza aver comunicato alcun piano industriale.

Solo per 109 punti vendita, per un totale di 5700 dipendenti è stato concretizzato il passaggio peraltro con un peggioramento delle condizioni contrattuali e normative. E, cosa gravissima, nulla è stato chiarito sul destino dei restanti 12 mila lavoratori del gruppo francese.

Al contrario! Dalle dichiarazioni dell’amministratore delegato di Conad trapela l’intenzione di non volersi far carico di tutti i dipendenti, lasciando sulla strada migliaia di lavoratori e le loro famiglie. Una beffa da un marchio che entra tutti i giorni nelle case degli italiani con lo slogan “le persone oltre le cose” tentando di carpire la fiducia dei consumatori millantando una responsabilità sociale d’impresa che in questa occasione non si è manifestata.

Invitiamo le cittadine e i cittadini a sostenere in tutti i modi questa lotta sia partecipando alle manifestazioni/presidi che si terranno a Roma, Torino e Milano dove sono a rischio i 700 lavoratori amministrativi della sede di Rozzano.

Valuteremo azioni informative nei confronti dei consumatori davanti ai supermercati nel caso in cui l’incontro di oggi al Mise registrasse la volontà dell’azienda di procedere sulla sua strada.

* Responsabile nazionale lavoro Rifondazione Comunista -Sinistra Europea

 

PRIVACY



Sostieni il Partito con una

o tramite bonifico sul cc intestato al PRC-SE al seguente IBAN: IT74E0501803200000011715208 presso Banca Etica.