Lettera del PKK al popolo americano e al presidente Trump

Lettera del PKK al popolo americano e al presidente Trump

“Non siamo colpevoli di terrorismo; siamo vittime del terrorismo di stato. Ma siamo colpevoli di difendere il nostro popolo ”, ha dichiarato il PKK nella sua lettera indirizzata al popolo e al presidente americano Trump.

Il Comitato per le relazioni estere del Partito dei lavoratori del Kurdistan (PKK) ha scritto una lettera indirizzata al popolo americano e al presidente Donald J. Trump rispondendo al paragone fatto da Trump tra il movimento curdo e l’ISIS nel mezzo della campagna genocida dello stato turco contro il popolo curdo. Trump ha definito il partito di Ocalan (detenuti in isolamento dal 1999) “peggio dell’Isis”.

La lettera:

“Per il popolo americano e il presidente Donald J. Trump,

Noi rifiutiamo la comparazione che è stata fatta tra il nostro movimento e i disumani thugs dell’ISIS. La nostra risposta è la seguente: ci sono più di 40 milioni di Kurdi che vivono nel Medio Oriente oggi. Alla fine della Prima Guerra Mondiale, potenze straniere li divisero tra quattro stati autocratici among: Iran, Iraq, Siria e Turchia, dove il nostro movimento ebbe inizio.

Per anni, il popolo curdo aveva chiesto a questi governi solo i diritti democratici essenziali che voi godete ogni giorno: il diritto di esistere, di parlare la propria lingua,  di praticare la loro cultura, di participare alla politica come cittadini eguali e liberi.

IL PKK E’ STATO FONDATO PER RESISTERE ALLA VIOLENZA DI STATO TURCA

Ogni volta, furono brutalmente repressi: bombardati con armi avanzate, portati via dalle loro case nel cuore della notte e scomparsi, incarcerati e torturati, i loro villaggi distrutti e la loro lingua e cultura bandite. Quando noi fondammo il PKK nel 1978 per resistere alla violenza dello stato turco contro il popolo curdo, esso aveva già massacrato centinaia di migliaia di curdi nelle regioni curde della Turchia. Noi non abbiamo bisogno di andare molto lontano nel tempo, negli anni 90 lo stato turco distrusse 4,000 villaggi curdi e uccise in maniera extra-giudiziale 17,000 curdi.

I NOSTRI SFORZI SONO STATI IGNORATI

I leader turchi credevano, come tanti tiranni nel corso della storia, di poter schiacciare il desiderio umano fondamentale di una vita libera con la violenza e il terrore. Ci hanno bollato come terroristi e criminali e hanno speso centinaia di milioni di dollari per convincere anche altri paesi come gli Stati Uniti d’America a fare la stessa cosa, anche se le loro forze hanno commesso atrocità indicibili in violazione di tutti i principi del diritto internazionale. Noi abbiamo sottoscritto le convenzioni di Ginevra e in varie occasioni, a partire dal 1993, abbiamo chiesto negoziati di pace sapendo che la guerra sarebbe potuta finire nell’istante stesso in cui i diritti dei Curdi fossero stati istituzionalizzati. Questi sforzi sono stati ignorati.

IL PKK NON HA MAI COLPITO GLI STATI UNITI O QUALSIASI ALTRO PAESE

Il PKK non ha mai preso di mira gli Stati Uniti o qualsiasi altro Paese. Non abbiamo mai evitato il tavolo delle trattative per risolvere pacificamente e politicamente questo conflitto. È un dato di fatto, dal 1993 abbiamo dichiarato non meno di otto cessate il fuoco per aprire la strada ai negoziati. Il progetto politico del PKK si basa su diritti umani e libertà fondamentali, liberazione di genere, pluralismo religioso e diritti ecologici.

Quando l’ISIS ha iniziato la sua campagna di terrore in Siria e Iraq, sapevamo che dovevamo rispondere. Il gruppo minacciava non solo gli ideali per difendere i quali abbiamo combattuto per così tanti anni, ma la sicurezza di decine di milioni di persone. Gli stati ben armati e ben finanziati della regione e del mondo sono stati lenti a rispondere, soppesando il costo dell’azione mentre milioni di persone cadevano sotto la sottomissione estremista.

Nell’agosto 2014, abbiamo condotto una campagna umanitaria a Sinjar, in Iraq, in cui l’ISIS stava commettendo atrocità contro la comunità yezidi che le Nazioni Unite avrebbero successivamente riconosciuto come un genocidio. Gli Yezidi erano stati lasciati indifesi dal mondo, affrontando un nemico che le forze regionali non erano state finora in grado di fermare. La nostra prima unità militare inviata nella regione era composta da sole sette persone. Da questi inizi, siamo stati in grado di aprire un corridoio umanitario nel nord-est della Siria, consentendo a 35.000 civili assediati sul Monte Sinjar di raggiungere la sicurezza. Abbiamo continuato a unirci ad altre forze per liberare la regione dal controllo dell’ISIS.

LA TURCHIA NON HA FATTO NIENTE PER FERMARE GLI ESTREMISTI DELL’ISIS

Mentre il nostro movimento e il nostro popolo davano migliaia di vite in questa lotta, lo stato turco che ci chiama “terroristi” non ha fatto nulla per fermare gli estremisti dell’ISIS che terrorizzavano civili innocenti in tutto il mondo. Lo stato turco ha attaccato oggi la Siria nordorientale con maggiore ferocia di quanto non abbiano mai fatto quando l’ISIS ha pianificato attacchi internazionali da territori appena oltre il confine. Hanno inviato bande terroristiche affiliate ad al-Qaeda per torturare e uccidere le persone che hanno sconfitto l’ISIS. Vedono la semplice articolazione dell’identità curda come una minaccia maggiore rispetto ai gruppi che hanno preso di mira gli innocenti non solo in Sinjar e Kobani, ma anche a Parigi, Manchester e New York.

Nel maggio 2017 molti americani hanno visto come il presidente turco Erdogan abbia ordinato alle sue guardie del corpo di attaccare brutalmente i pacifici manifestanti curdi nella tua capitale; immaginate cosa fanno in Kurdistan. Non siamo colpevoli di terrorismo; siamo vittime del terrorismo di stato. Ma siamo colpevoli di difendere il nostro popolo. Crediamo che il popolo americano sarà in grado di giudicare da sé chi sono i pericolosi terroristi di questo mondo.

testo originale: https://anfenglishmobile.com/features/pkk-letter-to-the-american-people-and-president-trump-38561

traduzione di Maurizio Acerbo

PRIVACY



Sostieni il Partito con una

o tramite bonifico sul cc intestato al PRC-SE al seguente IBAN: IT74E0501803200000011715208 presso Banca Etica.