Debutto a Cernobbio

Debutto a Cernobbio

Loredana Fraleone*

Un impegno di tutti gli ordini di scuola per una adeguata educazione alimentare è certamente auspicabile. Nella scuola di base, dove funzionano le mense scolastiche, viene in genere praticata con controlli anche molto severi nel rispetto della salute dei bambini.

L’uscita del neo ministro Fioramonti, per una particolare tassazione sulle merendine e bibite gassate, notoriamente discutibili per la salute, allo scopo di disincentivarne l’uso, ha suscitato incredulità e ilarità, non tanto per l’obiettivo in sé quanto per la semplificazione con la quale è stata espressa. Ancora più sconcertante è la motivazione con la quale il ministro accompagna la proposta, quella di reperire così i fondi necessari per Scuola e Ricerca. Di fronte a questa motivazione, più che ilarità subentra l’incredulità per la superficialità e il pressappochismo della proposta, modalità che sembra una delle caratteristiche degli esponenti dei 5stelle.

Ciò che preoccupa di più, tuttavia, dell’esordio di Fioramonti è la sua dichiarazione al forum Ambrosetti di Cernobbio, durante il convegno 2019 di Confindustria. “Facciamo un nuovo patto di ricerca fra scuole e industrie”, dice il ministro, l’unico membro del nuovo governo ad aver partecipato al forum.

Siamo alle solite, la scuola viene ancora una volta meccanicamente finalizzata al mercato del lavoro, quando ormai sia rispetto a ciò che chiedono le nuove e quasi uniche opportunità di occupazione, sia rispetto ad una società più complessa e flessibile, si richiede un livello più alto d’istruzione e soprattutto una capacità critica adeguata.

*Responsabile nazionale Scuola Università Ricerca PRC/SE

PRIVACY



Sostieni il Partito con una

o tramite bonifico sul cc intestato al PRC-SE al seguente IBAN: IT74E0501803200000011715208 presso Banca Etica.