Slavoj Zizek: La verità è che molti “moderati” democratici preferiscono Trump a Sanders nella corsa alla Casa Bianca del 2020

Slavoj Zizek: La verità è che molti “moderati” democratici preferiscono Trump a Sanders nella corsa alla Casa Bianca del 2020

Molti cosiddetti “moderati” democratici preferirebbero che Donald Trump mantenga la presidenza degli Stati Uniti piuttosto che Bernie Sanders, o un altro candidato realmente di sinistra, lo sconfigga.

In questo senso sono immagini speculari dei repubblicani dell’establishment, come George W Bush e Colin Powell, che espressero pubblicamente sostegno a Hillary Clinton durante la campagna del 2016.

Nel corso dell’acceso dibattito per le primarie del Partito Democratico di questa settimana, l’ex governatore del Colorado John Hickenlooper ha avvertito che “si potrebbe anche FedEx l’elezione di Donald Trump” se il partito adottasse piattaforme radicali. Come il piano Medicare for All di Bernie Sanders, il Green New Deal e altre iniziative rivoluzionarie.

Lo scambio appassionato che ne è seguito ha rivelato chiaramente i due campi del Partito Democratico: i “moderati” (rappresentanti dell’establishment del partito il cui volto principale è Joe Biden), e i socialisti democratici più progressisti (Bernie Sanders, forse Elizabeth Warren, oltre a quattro giovani donne congressuali battezzate da Trump come “Dem Squad”, e il cui volto più popolare è ora Alexandria Ocasio-Cortez.)

Questa lotta è probabilmente la più importante battaglia politica che si svolge oggi in qualsiasi parte del mondo.

Può sembrare che i moderati sostengano una posizione convincente. Dopo tutto, i socialisti democratici non sono semplicemente troppo radicali per conquistare la maggioranza degli elettori? La vera lotta non è la competizione per elettori moderati indecisi che non appoggeranno mai una musulmana, come Ilhan Omar che si copre i capelli? E Trump stesso non contava su questo quando attaccò brutalmente la “Squadra”, obbligando così l’intero partito democratico a mostrare solidarietà con le quattro ragazze, elevandole allo status di simboli del partito?

Per i centristi del Partito Democratico, l’importante è sbarazzarsi di Trump e riportare la normale egemonia liberaldemocratica che la sua elezione ha interrotto.

Deja Vu

Sfortunatamente, questa strategia è stata già stata testata: Hillary Clinton l’ha seguita e una grande maggioranza dei media ha pensato che non potesse perdere perché Trump non era eleggibile. Perfino i due presidenti repubblicani Bush, padre e figlio, la appoggiarono, ma lei perse e Trump vinse. La sua vittoria ha minato l’establishment da destra.

Non è ora che la sinistra faccia lo stesso? Perché, come con Trump tre anni fa, hanno una seria possibilità di vincere.

Ovviamente è questa prospettiva che getta nel panico l’intero establishment, anche consentendo la pseudo-alternativa di Trump. Gli economisti mainstream prevedono il collasso economico degli Stati Uniti in caso di vittoria di Sanders e gli analisti politici dell’establishment temono l’ascesa del socialismo statale totalitario. Allo stesso tempo, i liberali di sinistra moderati simpatizzano con gli obiettivi dei socialisti democratici, ma avvertono che, sfortunatamente, non sono in contatto con la realtà. Tuttavia, hanno ragione nel panico: negli Stati Uniti sta emergendo qualcosa di completamente nuovo.

La cosa così rinfrescante dell’ala di sinistra del Partito Democratico è che si sono lasciati alle spalle le acque stantie della correttezza politica, come recentemente visto negli eccessi di “MeToo”. Seppur fermamente schierati con le lotte antirazziste e femministe, si concentrano su questioni sociali come l’assistenza sanitaria universale e le minacce ecologiche, ecc.

Lungi dall’essere pazzi socialisti che vogliono trasformare gli Stati Uniti in un nuovo Venezuela, l’ala sinistra del Partito Democratico ha semplicemente portato negli Stati Uniti un assaggio della buona vecchia autentica socialdemocrazia europea.

In effetti, una rapida occhiata al loro programma chiarisce abbondantemente che non rappresentano una minaccia maggiore per le libertà occidentali rispetto a Willy Brandt o Olof Palme.

Tutto è cambiato

Ma ciò che è ancora più importante è che non sono solo la voce delle giovani generazioni radicalizzate. Già i loro volti pubblici – quattro giovani donne e un vecchio bianco – raccontano una storia diversa. Sì, dimostrano chiaramente che la maggior parte delle giovani generazioni negli Stati Uniti è stanca dell’establishment in tutte le sue versioni. Inoltre, sono scettiche sulla capacità del capitalismo come lo conosciamo di risolvere i problemi che stiamo affrontando e la parola socialismo non è più un tabù per loro.

Tuttavia, il vero miracolo è come molti che hanno unito le forze con “vecchi bianchi” come Sanders rappresentino la generazione più anziana di lavoratori ordinari, persone che spesso tendevano a votare per repubblicani o addirittura a Trump.

Quello che sta succedendo qui è qualcosa che tutti i partigiani delle Guerre Culturali e della politica dell’identità consideravano impossibile: anti-razzisti, femministe ed ecologiste che hanno unito le forze con quella che era considerata la “maggioranza morale ” dei normali lavoratori. Bernie Sanders, non l’estrema destra, è la vera voce della maggioranza morale, se questo termine ha qualche significato positivo.

Quindi no, l’eventuale ascesa dei socialisti democratici non garantirà la rielezione di Trump. Sono stati Hickenlooper e altri moderati che hanno effettivamente trasmesso un messaggio a Trump dal dibattito. Il loro messaggio era: “potremmo essere i tuoi nemici, ma vogliamo tutti che Bernie Sanders perda. Quindi non preoccuparti, se Bernie o qualcuno come lui sarà il candidato del Partito Democratico, non staremo dietro di lui – preferiamo segretamente che tu vinca . ”

Traduzione di Maurizio Acerbo

sanders3

PRIVACY



Sostieni il Partito con una

o tramite bonifico sul cc intestato al PRC-SE al seguente IBAN: IT74E0501803200000011715208 presso Banca Etica.