30 giugno un grande giorno per il Sudan

30 giugno un grande giorno per il Sudan

PC Sudan
- Milioni di sudanesi hanno accolto l’appello dell’Alleanza, dell’Associazione professionale sudanese (SPA) e del Partito comunista sudanese (SCP) e hanno manifestato domenica 30 giugno 2019 nelle strade di Khartoum, Khartoum North e Omdurman. La stessa cosa si è ripetuta in altre città e aree rurali in tutto il Paese.
- Gli slogan principali sono stati: “Abbasso il Consiglio militare di transizione (TMC)”, “Consegnare il potere all’Alleanza”, “Tutto il potere al popolo”.
- In una chiara sfida alla TMC, le masse sono scese in piazza per riaffermare la loro fiducia nella leadership dell’Alleanza per le Forze della Libertà e del Cambiamento e per sottolineare la loro scelta di un governo civile.
- In altre città come Atbara, Portsudan, Kasala, Madani, Dungola, Halfa Algadida, le masse hanno manifestato a decine di migliaia, insieme a migliaia di manifestanti nei villaggi e nelle aree rurali.
- Le comunità sudanesi in oltre sessanta città in tutto il mondo sono scese in piazza per sostenere le masse all’interno del paese.
- Il Sudan non ha mai assistito a tali sconvolgimenti di massa. Non sono stati solo i milioni che sono scesi in piazza senza precedenti, ma l’organizzazione, la disciplina e la natura pacifica dei manifestanti che hanno aggiunto una nuova profondità alla storia rivoluzionaria del nostro popolo.
- Nei suoi disparati tentativi di fermare le marce, il Consiglio militare di transizione (TMC) ha schierato le forze di sicurezza e le milizie Jangaweed, che hanno usato munizioni vere contro i manifestanti. Secondo quanto riferito, due manifestanti sono stati uccisi a colpi di arma da fuoco, uno a Khartoum e il secondo ad Atbara, con dozzine di feriti.
- La riunione del Comitato Centrale del Partito Comunista Sudanese, che si è tenuta venerdì 28 giugno 2019, ha invitato i membri del partito e gli amici a prendere l’iniziativa nella preparazione e nelle marce del 30 giugno, il trentesimo anniversario del colpo di stato dei Fratelli Musulmani del 1989.
- Il Consiglio militare transitorio ha arrestato i leader dell’Associazione professionale sudanese (ZPS) e del Partito comunista sudanese (SCP). Tra questi Masoud Alhassan membro dell’ufficio politico SCP e segretario dell’organizzazione del partito nella capitale.
- Il PC sudanese chiede al movimento comunista internazionale di intensificare le sue azioni di solidarietà con la lotta del nostro popolo che è entrata in una fase decisiva per conquistare i diritti del popolo e per il ripristino delle regole civili.
Il segretariato del Comitato Centrale del Partito Comunista del Sudan

PRIVACY



Sostieni il Partito con una

o tramite bonifico sul cc intestato al PRC-SE al seguente IBAN: IT74E0501803200000011715208 presso Banca Etica.