La chimera della sanità vicina ai cittadini

La chimera della sanità vicina ai cittadini

Loredana Fraleone*

Con la “riorganizzazione” della rete dei laboratori di analisi pubblici, già ampiamente dispiegata in tutta la regione Lazio fin dal 2014, specificatamente per la provincia di Rieti vengono disattivati (chiusi) i Laboratori di Amatrice e Magliano Sabina che contestualmente sono ridimensionati a semplici “Centro Prelievi”. Pertanto, sarà il Laboratorio dell’Ospedale San Camillo De Lellis di Rieti a proseguire nell’attività di laboratorio in attesa del “riordino” dell’attività provinciale.

Tutta l’ipocrisia, più volte espressa dal presidente della regione Lazio Nicola Zingaretti, sulla sanità “vicina ai cittadini” viene a cadere ancora una volta.

Siamo in presenza dell’ennesima operazione di accentranento di servizi sanitari all’interno di territori già ampiamente spogliati, perchè in questi anni, contrariamente a quello che si dice, è avvenuta la più grande centralizzazione di servizi sanitari che hanno allontanato di fatto la sanità dai cittadini.

Tutto ciò non è stato certo compensato dall’inaugurazione delle Case della Salute che non sono neanche l’ombra dei poliambulatori che avevamo.

Per questo come partito della Rifondazione Comunista /SE siamo impegnati, insieme ad altri soggetti associativi, nella raccolta di firme che chiede di revocare i decreti regionali di trasferimento delle prestazioni del laboratorio analisi, centro trasfusionale, di preservare il servizio di anatomia patologica e costruire un nuovo ospedale antisismico. Ci riserviamo anche di intraprendere ulteriori azioni per garantire il diritto alla salute dei cittadini reatini.

 

*Responsabile provinciale PRC/SE di Rieti

 

PRIVACY



Sostieni il Partito con una

o tramite bonifico sul cc intestato al PRC-SE al seguente IBAN: IT74E0501803200000011715208 presso Banca Etica.