È importante leggere Marx oggi

È importante leggere Marx oggi

Dino Greco

Domenica 11 novembre, a duecento anni dalla nascita di Karl Marx, la Federazione bresciana di Rifondazione comunista promuove un incontro pubblico, per ripercorrere alcuni tratti del pensiero del fondatore del socialismo scientifico.

La vulgata reazionaria (sussunta acriticamente – anzi – accolta con l’entusiasmo del neofita dal cosiddetto riformismo post-comunista) ha dichiarato l’inconciliabilità di comunismo e libertà. E proprio Marx, il fondatore del materialismo storico, sarebbe per vecchi e nuovi rottamatori l’antecedente cronologico, il precursore teorico, oltre che il mandante morale di tutti i progetti politici autoritari e dittatoriali indicati come consustanziali alla rivoluzione proletaria e suo necessario sbocco. In altre parole, è in Marx stesso che coverebbe l’uovo del serpente: comunismo e libertà sarebbero termini intrinsecamente contraddittori e dunque inconciliabili. Nel migliore dei casi, la cultura liberaldemocratica, che ha affondato solide radici nella cosiddetta sinistra riformista in caduta libera, ha autorizzato la tesi secondo cui Marx si sarebbe occupato sì dell’uguaglianza, ma a scapito della libertà, prova ne sia che l’esito della lotta di classe contro la borghesia avrebbe dovuto culminare in una dittatura, la dittatura del proletariato. Basterebbe un rapido sguardo al Manifesto del Partito comunista (1948), in particolare al capitolo intitolato Risposta alle accuse della borghesia contro il comunismo, per comprendere quanto questa affermazione sia il prodotto di una contraffazione, di un armamentario propagandistico frusto, utile oggi più di 160 anni fa ad esorcizzare quel fantasma che continua – malgrado le sconfitte subite dal movimento operaio e malgrado l’esorbitante potenza del capitale nel presente – a disturbare il sonno dei proprietari universali.

L’incontro si svolgerà in due fasi presso la chiesetta della Cascina Maggia di Brescia: la mattina, alle ore 10,30, con una conferenza tenuta da Dino Greco sul pensiero del grande rivoluzionario, attraverso la disamina di alcune delle sue opere giovanili (L’ideologia tedesca, Sulla questione ebraica, La critica della filosofia hegeliana del diritto pubblico, i Manoscritti economico-filosofici del ’44, le Tesi su Feuerbach);

Alle 13: Pranzo Rivoluzionario! (spiedo con polenta, contorno, acqua e vino, dolce: 20 euro, bambin@ 10 euro, alternativa vegetariana 15 euro).

il pomeriggio, alle ore 15, seguirà la proiezione del film “Il giovane Karl Marx” (2017) di Raoul Peck.

 

 

PRIVACY



Sostieni il Partito con una


Campagna di autofinanziamento. Moduli RID