Rifondazione Comunista condanna il blocco criminale degli Stati Uniti contro Cuba

Rifondazione Comunista condanna il blocco criminale degli Stati Uniti contro Cuba

E’ cominciato oggi alle Nazioni Unite l’esame della risoluzione intitolata “Necessità di porre fine al blocco economico, commerciale e finanziario imposto dagli USA contro Cuba”. Probabilmente il voto slitterà a domani a causa delle manovre della delegazione statunitense.

Dal 1992 Cuba ha ottenuto il voto a favore della stragrande maggioranza dei paesi. Negli ultimi anni i contrari si sono ridotti solo a due: Stati Uniti e Israele.

Il blocco – iniziato ufficialmente nel febbraio del 1962 – pesa sulla vita del popolo cubano da decenni. Si tratta di una politica criminale volta a strangolare l’economia e l’indipendenza di un paese sovrano, una politica considerata dal diritto internazionale come un vero atto di guerra.

Gli Stati Uniti da anni continuano a ignorare la condanna della comunità internazionale. Trump, ha fatto saltare le timide aperture di Obama e reso ancor più pesanti le sanzioni e minacce verso le imprese di Paesi terzi che intendano avere relazioni economiche con l’isola, restringendo il diritto di tanti Paesi a rapportarsi liberamente con la Cuba socialista. Ciò nonostante, da più di un anno l’Unione Europea ha aperto dei negoziati con il governo cubano alla ricerca di una diversa modalità di rapporti.

A soffrire le conseguenze dell’infinita arroganza statunitense e di questa inaccettabile aggressione è innanzitutto il popolo cubano.

Si tratta del più lungo e pesante bloqueo della storia, ma non è riuscito a piegare la volontà di resistere della Rivoluzione Cubana che ha raggiunto obiettivi di sviluppo umano e di solidarietà sociale che non hanno pari in America Latina, nel Sud del pianeta e spesso neanche negli stessi Stati Uniti.

Quegli stessi Stati Uniti che hanno sostenuto regimi criminali e genocidi in tutto il mondo, ma che continuano a cercare di impedire lo sviluppo autonomo di un Paese che rimane un punto di riferimento per tutti i poveri della terra.

Rifondazione Comunista ribadisce la condanna del bloqueo e si batte, in Italia e in Europa, per la sua immediata eliminazione.

Maurizio Acerbo, segretario nazionale

Marco Consolo, responsabile esteri

Rifondazione Comunista – Sinistra Europea

Bloqueo-contra-Cuba-580x380

bloqueo

PRIVACY



Sostieni il Partito con una


Campagna di autofinanziamento. Moduli RID