Messaggio da Eleonora Forenza, a bordo dell’Astral Open Arms, verso Barcellona

Messaggio da Eleonora Forenza, a bordo dell’Astral Open Arms, verso Barcellona

Astral, mar Mediterraneo, 01.07.2018

Stamattina ci siamo svegliati di fronte a Lampedusa, vicina e lontana insieme.
I porti italiani per 60 persone salvate dal naufragio sono chiusi. La loro odissea, come già per le persone salvate dall’Aquarius, deve durare più a lungo, come una pena da espiare per la colpa di aver cercato una vita degna in Europa.
Con la #Astral e la Open Arms dovremo navigare fino a Barcellona, dove dovremmo approdare presumibilmente martedì.
Ringrazio ancora una volta la città e la sindaca di Barcellona, Ada Colau Ballano, per essere restate umane.
Fino a ieri sono arrivate altre richieste di soccorso alla Open Arms, a cui la guardia costiera italiana ha risposto che sarebbero intervenuti i libici, di fatto inibendo che la ong potesse prestare soccorso.
Che fine faranno quelle persone, se saranno salvate effettivamente in mare o no, se subiranno ancora un naufragio perché la Libia non è in grado di gestire una zona SAR, a cosa saranno sottoposte una volta costretti a tornare in quella Libia da cui sono scappati, in cui hanno subito spesso tortura e stupro: tutto questo al Governo italiano non interessa.
Se ne frega.
Non interessa alla Lega, che canterà vittoria, perché ci sono meno sbarchi (che ci siano più morti in mare evidentemente è per loro secondario). Non interessa ai 5 stelle, che da indifferenti alla destra e alla sinistra stanno diventando semplicemente indifferenti. Anche alle vite umane.
#stayhuman

Eleonora Forenza, Deputata europea

PRIVACY



Sostieni il Partito con una


Campagna di autofinanziamento. Moduli RID