Migranti – Acerbo (PRC): “Salvini non fa tweet su assassinio bracciante?”

Migranti – Acerbo (PRC): “Salvini non fa tweet su assassinio bracciante?”

Maurizio Acerbo, segretario nazionale di Rifondazione Comunista – Sinistra Europea, esponente del coordinamento nazionale di Potere al popolo, dichiara:
“Il silenzio del ministro degli Interni sull’assassinio del bracciante africano in Calabria è vergognoso quanto le sue dichiarazioni. Neanche una parola di cordoglio o di impegno nella individuazione del colpevole.
Di quelli come  Sacko Soumayla, 29 anni, nato in Mali che si guadagnava da vivere raccogliendo agrumi e altri prodotti agricoli nel vibonese non frega nulla a Salvini. Sacko viveva come tanti altri nel ghetto di S.Ferdinando, il campo già distrutto da un incendio e prossimo ad essere sgomberato senza che siano state individuate soluzioni alternative per l’alloggio. Stava, con alcuni suoi amici cercando di trovare lamiere in una fabbrica dismessa per mettersi meglio al riparo durante la notte quando un cecchino si è fermato con la sua automobile e ha sparato 4 colpi, uccidendo lui e ferendo altri due braccianti. Non è la prima volta che si spara contro i migranti in quelle zone, accade almeno dal 2004. Accade dopo che si è dimenticata la rivolta di Rosarno e mai si è voluta affrontare la condizione lavorativa e abitativa di tanti uomini e donne. Ma il neo ministro dell’interno è stato chiaro sin da ieri “la pacchia è finita” ha dichiarato e immediatamente per qualcuno è  scattata la licenza di uccidere. Forse Salvini non fa tweet non solo perché per lui la vita di un immigrato non vale nulla ma anche perché sospetta che come a Fermo a sparare sia stato un suo sostenitore. Ai familiari e agli amici di Sacko esprimo il cordoglio di Rifondazione Comunista. Siamo dalla parte di lavoratori come Sacko, dalla parte di chi come lui continua ad essere sfruttato per pochi euro. E il 16 giugno manifesteremo a Roma al fianco dei suoi compagni”.

3 giugno 2018


Sostieni il Partito con una


Campagna di autofinanziamento. Moduli RID