Vijay Prashad: Il compagno Charlie Chaplin

Vijay Prashad: Il compagno Charlie Chaplin

Il 25 dicembre 1977 moriva Charlie Chaplin. Vi proponiamo un articolo di un intellettuale marxista indiano, lo storico Vijay Prashad, direttore della casa editrice LeftWord Books di New Delhi che ricostruisce il profilo politico e dà l’idea dell’impatto mondiale dell’opera di Chaplin. 

Nel settembre del 1952, Charlie Chaplin (1889-1977) a bordo della Queen Elizabeth  guardò indietro verso New York. Era diretto verso l’Europa per presentare sul continente il suo ultimo film Monsieur Verdoux. Sulla nave, Chaplin venne a sapere che il governo degli Stati Uniti gli avrebbe permesso di tornare negli USA – dove aveva vissuto negli ultimi trent’anni – se si fosse sottoposto a un’indagine per l’immigrazione e la naturalizzazione sul suo carattere morale e politico. “Addio,” disse Chaplin dal ponte della nave. Rifiutò di sottomettersi all’inchiesta. Non sarebbe tornato negli Stati Uniti fino al 1972, quando l’Academy of Motion Pictures gli regalò un Oscar per la carriera.

Perché il governo degli Stati Uniti esiliò Chaplin? Il Federal Bureau of Investigations (FBI) – la polizia politica del paese – indagò Chaplin dal 1922 in poi per i suoi presunti legami con il Partito comunista degli Stati Uniti (CPUSA). Il dossier su Chaplin, lungo 1.900 pagine, è pieno di insinuazioni e calunnie, mentre gli agenti erano impegnatissimi nel parlare con i suoi colleghi e avversari per trovare qualche traccia dell’associazione comunista. Non trovarono niente. Nel dicembre 1949, ad esempio, l’agente di Los Angeles scrisse: “Nessun testimone è disponibile a dichiarare affermativamente che Chaplin è stato membro del partito comunista in passato, che ora sia un membro o che ha contribuito con fondi al PC”.

Accanto all’accusa di essere un comunista, Chaplin affrontò l’accusa di essere “un personaggio sgradevole” che aveva violato il Mann Act – il White Slave Traffic Act del 1910. Chaplin aveva pagato il viaggio di Joan Barry – la sua ragazza – attraverso i confini dello Stato. Chaplin fu riconosciuto non colpevole di queste accuse nel 1944. In seguito fu mostrato in un certo numero di memorie e studi che Chaplin era crudele con le sue molte mogli (molte di loro adolescenti) e spietato nei suoi rapporti con le donne (il libro di Peter Ackroyd del 2014 dà i dettagli). Nel 1943, Chaplin sposò la figlia del drammaturgo Eugene O’Neill – Oona. Aveva 18 anni. Chaplin aveva 54 anni. Avrebbero avuto otto figli. Oona Chaplin lasciò gli Stati Uniti con suo marito e fu con lui quando morì nel 1977. C’era molto nella vita di Chaplin di inquietante – in particolare il modo in cui si approfittava delle ragazze (la sua seconda moglie – Lita Gray – aveva 15 anni quando ebbero una relazione e poi si sposarono, lui aveva 35 anni). Il direttore dell’FBI J. Edgar Hoover aveva prove considerevoli da passare al setaccio in questo campo, ma nessuna di queste fu ritenuta sufficiente per deportare Chaplin.

Qual era il fumo che entrò nel naso di Hoover dal fuoco della politica di Chaplin? Dal 1920 in poi, fu chiaro che Chaplin aveva simpatie per la sinistra. Quell’anno, Chaplin sedeva con Buster Keaton – il famoso attore del cinema muto – a bere una birra nella cucina di Keaton a Los Angeles. Chaplin era al culmine del suo successo. Con Douglas Fairbanks, Mary Pickford e D.W. Griffith, Chaplin aveva creato la United Artists, una società che aveva rotto con il sistema degli studios per dare a questi quattro attori e registi il controllo sul proprio lavoro. Chaplin lavorava allora a Il Monello (1921), uno dei suoi film più belli e basato quasi certamente sulla sua infanzia. Keaton raccontò che Chaplin gli parlò di “qualcosa chiamato comunismo di cui ha appena sentito parlare”. “Il Comunismo”, disse Chaplin, secondo Keaton, “avrebbe cambiato tutto, avrebbe abolito la povertà.” Chaplin batté sul tavolo e disse, “Quello che voglio è che ogni bambino abbia abbastanza da mangiare, scarpe ai piedi e un tetto sopra la sua testa”. La risposta di Keaton è casualmente insincera, “Ma Charlie, conosci qualcuno che non lo vuole?”

Chaplin arrivò negli Stati Uniti subito dopo la rivoluzione russa. Vide le crescenti linee di disoccupazione e disagio negli Stati Uniti – una popolazione disoccupata che era cresciuta da 950.000 (1919) a cinque milioni (1921). Quello fu un periodo di grande lotta di classe – i Palmer Raids condotti dal governo contro i comunisti, da una parte, e lo sciopero generale a Seattle e la battaglia di Blair Mountain da parte dei minatori della contea di Logan, West Virginia, dall’altra.

I film muti di Chaplin erano ancorati alla figura del vagabondo, l’iconico povero in una moderna società capitalista. “Sono come un uomo che è sempre tormentato da uno spirito, dallo spirito della povertà, dallo spirito della privazione”, disse Chaplin. Questo è esattamente ciò che si vede nei suoi film – da Il vagabondo (1915) a Tempi Moderni (1936). “Il senso dell’omino”, disse Chaplin nel 1925 della figura del vagabondo, “è che non importa quanto sia col culo a terra, non importa quanto gli sciacalli riescano a farlo a pezzi, è ancora un uomo con dignità”. La classe operaia, i lavoratori poveri, sono persone di grande inventiva e dignità – non battute, che non devono essere derise. La simpatia di Chaplin per la classe lavoratrice caratterizza tutti i suoi film muti più famosi.

Era la popolarità di Chaplin e il suo messaggio che disturbava l’FBI. “Ci sono uomini e donne in angoli remoti del mondo che non hanno mai sentito parlare di Gesù Cristo; eppure conoscono e amano Charlie Chaplin”, notava un articolo che un agente dell’FBI ritagliò ed evidenziò nel fascicolo su Chaplin. Le critiche del capitalismo chiaramente descritte da Chaplin non mancarono di impressionare i popoli del mondo né di disturbare l’FBI. “Non voglio il vecchio individualismo rozzo”, disse Chaplin nel novembre del 1942, “vigoroso per i pochi e sfinito per i molti”.

Il grande limite nei suoi film è la raffigurazione delle donne. Sono sempre donzelle in difficoltà o donne ricche che sono desiderate da uomini poveri. Ci sono poche “donne dignitose”, donne che – in quel momento – erano impegnate in battaglie per i propri diritti. In effetti, molti film muti sia nel Regno Unito che negli Stati Uniti denigrarono il movimento delle suffragette del loro tempo – da Un giorno nella vita di una suffragetta (1908) a A Busy Day (1914, che in origine era intitolato A Militant Suffragette). In quest’ultimo film, della durata di soli sei minuti, Chaplin interpreta una suffragetta che è scostumata e poi muore annegando.

Il film uscì lo stesso anno in cui Sylvia Pankhurst (1882-1960) fondò la Federazione delle Suffragette dell’East London per unire la politica delle suffragette al socialismo. Pankhurst, a differenza di Chaplin, si sarebbe unita al Partito Comunista e – nel 1920 – avrebbe scritto una Costituzione per i soviet britannici. Avrebbe lasciato il partito comunista, ma rimase una devota comunista e antifascista per il resto della sua vita. Se solo il sessismo di Chaplin non gli avesse impedito di celebrare le sue contemporanee come Pankhurst, Joan Beauchamp (un’altra suffragetta e fondatrice del Partito Comunista Britannico) e sua sorella Kay Beauchamp (co-fondatrice di The Daily Worker, ora Morning Star) e Fanny Deakin.
 
Ciò che attirò Chaplin direttamente nell’orbita della politica istituzionale di sinistra fu l’ascesa del fascismo. Era molto turbato dall’ondata nazista in tutta Europa. Il film di Chaplin Il grande dittatore (1940) fu la sua satira del fascismo, un film che dovrebbe essere visto da tutti ai nostri tempi.

Due anni dopo che il film era uscito, Chaplin volò a New York per essere l’oratore principale di un evento del Fronte degli Artisti Per Vincere La Guerra sostenuto dal Partito comunista. Chaplin salì sul palco alla Carnegie Hall il 16 ottobre 1942, si rivolse alla folla come “compagni” e disse che i comunisti sono “persone comuni come noi che amano la bellezza, che amano la vita”. Quindi, Chaplin offrì la sua più chiara dichiarazione sul comunismo: “Dicono che il comunismo potrebbe diffondersi in tutto il mondo. E io dico – e allora? “(Daily Worker, 19 ottobre 1942). Nel dicembre 1942, Chaplin disse: “Io non sono un comunista, ma sono orgoglioso di dire che mi sento piuttosto pro-comunista”.

Chaplin fu impressionato dalla posizione di principio e inflessibile presa dai comunisti contro il fascismo, sia durante la guerra civile spagnola che nel Fronte orientale contro l’invasione nazista dell’URSS. Nel 1943 Chaplin chiamò l’URSS “un mondo nuovo e coraggioso” che dava “speranza e aspirazione all’uomo comune”. Sperava che l’URSS sarebbe “diventata più gloriosa di anno in anno. Ora che l’agonia della nascita è alla fine, possa la bellezza della sua crescita durare per sempre”. Quando gli fu chiesto un decennio più tardi perché era così esplicito riguardo al suo sostegno all’URSS – anche con apparizioni sui fronti comunisti come il Consiglio nazionale per l’amicizia sovietico-americana e il Soccorso alla guerra russa – disse Chaplin, “durante la guerra ho simpatizzato molto con la Russia perché credo che ha tenuto il fronte”. Questa simpatia rimase per il resto della sua vita.

Chaplin non aveva calcolato la tossicità dell’era della Guerra Fredda negli Stati Uniti. Nel 1947, disse ai giornalisti: “In questi giorni se passi dal marciapiede con il piede sinistro, ti accusano di essere un comunista”. Chaplin non si tirò indietro dalle sue convinzioni nè tradì i suoi amici. Alla stessa conferenza stampa gli fu chiesto se conoscesse il musicista austriaco Hanns Eisler, che era un comunista e che aveva scritto la musica per molte delle opere di Bertolt Brecht. Era fuggito dalla Germania nazista verso gli Stati Uniti per lavorare a Hollywood. Eisler aveva composto canzoni per il Partito Comunista (scrisse musica per l’inno della Repubblica Democratica Tedesca – Auferstanden Aus Ruinen). Chaplin intervenne in sua difesa. Alla domanda sulla sua associazione con Eisler in quella conferenza stampa del 1947, Chaplin disse che Eisler “è un amico personale e sono orgoglioso del fatto … Non so se è un comunista o no. So che è un artista eccellente, un grande musicista e un amico molto comprensivo”. Quando gli venne chiesto direttamente se avrebbe fatto qualche differenza per Chaplin se Eisler fosse stato un comunista, disse: “No, non lo farebbe”. Ci volle molto coraggio per difendere Eisler, che sarebbe stato deportato dagli Stati Uniti pochi mesi dopo.

Quando Chaplin morì in Svizzera nel dicembre del 1977, fu pianto ovunque. A Calcutta, dove un governo del Fronte di sinistra era appena arrivato al potere con una vittoria schiacciante in giugno, artisti e attivisti politici si riunirono il giorno dopo per piangerlo. L’oratore principale del servizio commemorativo fu il regista bengalese Mrinal Sen.

Nel 1953, Sen aveva scritto un libro su Chaplin – illustrato da Satyajit Ray.. Né Sen né Ray avevano ancora realizzato nessuno dei loro film iconici (entrambi fecero i loro primi film nel 1955, Pather Panchali di Ray e Raat Bhore di Sen). “Senza una giustificazione morale”, disse Sen all’incontro commemorativo, “il cinema è ridicolo, è atroce, è un oltraggio. È un’attività sociale. È la creazione dell’uomo”. Il divario tra arte e politica non dovrebbe essere troppo ampio, avvertiva Sen. Stava pensando ai film di Chaplin, ma anche ai suoi. A quel tempo, Sen stava lavorando a Ek Din Pratidin (One Day, Everyday), un film superbo che racconta le possibilità dell’emancipazione femminile. Qui Sen andò ben oltre Chaplin. Il suo comunismo includeva le donne.

articolo originale: http://vijayprashad.org/comrade-charlie-chaplin

traduzione di Maurizio Acerbo



Sostieni il Partito con una


Campagna di autofinanziamento. Moduli RID