Contro il golpe elettorale in Honduras: solidarietà al popolo honduregno  ed  ai membri dell’alleanza di opposizione contro la dittatura

Contro il golpe elettorale in Honduras: solidarietà al popolo honduregno ed ai membri dell’alleanza di opposizione contro la dittatura

 

Odg assunto dal CPN del Prc S.E. in data 3/12/2017

L’Honduras vive dal 2009 un regime instaurato da un golpe di Stato appoggiato dagli Stati Uniti, contro il legittimo presidente costituzionale Mel Zelaya. Un regime da subito riconosciuto dall’Unione Europea e dagli Stati Uniti, spietatamente neo-liberale, oligarchico, corrotto e violento.

L’Honduras non è un Paese qualsiasi del Centro America. Sin dai tempi della United Fruit, fino agli anni delle basi paramilitari della “contra” antisandinista nicaraguense, il Paese è sempre servito da piattaforma di sostegno alle violente politiche militariste degli Stati Uniti nella regione con la presenza di importanti basi militari di Washington.

Dopo il primo governo golpista guidato da Roberto Micheletti (di origini bergamasche), i suoi degni successori sono stati Porfirio Lobo e l’attuale presidente Juan Orlando Hernández. Si sono moltiplicati gli omicidi di studenti, giornalisti, dirigenti sociali e politici (uno per tutti quello dell’ambientalista Berta Cáceres), la repressione, il carcere e le minacce verso chi protesta.

Nelle recenti elezioni del 26 novembre scorso, il Tribunale Supremo Elettorale (TSE) nel suo primo bollettino aveva annunciato il chiaro vantaggio (del 5%), del candidato Salvador Nasralla, della “Alianza de Oposición contra la Dictadura” su Juan Orlando Hernandez candidato conservatore del Partido Nacional, partito di governo coinvolto nel golpe del 2009.

Col passare delle ore e dei giorni, nonostante il vantaggio di Nasralla, il TSE (controllato dal governo) non ha voluto emettere altri bollettini parziali mantenendo l’incertezza sul risultato e contribuendo così all’aggravarsi del clima di tensione.

A quasi una settimana dal voto, non esiste un risultato definitivo, mentre il TSE aggiudica al Presidente uscente un vantaggio di poco più dell’1%. Ma in questa settimana, ci sono state denunce nei mezzi di comunicazione internazionali e nelle reti sociali relative ai brogli avvenuti per favorire il candidato del Partido Nacional. Tra le altre, l’opposizione ha denunciato il “buco” informatica del TSE misteriosamente inservibile per diverse ore, oltre alla “sospensione” di più di 300.000 voti messi sotto osservazione dal tribunale.

Per questo, l’opposizione ha chiesto di ricontare i voti di diverse regioni, ma il Tribunale Elettorale si è rifiutato di farlo.

Viceversa, il governo ha risposto alla crescente domanda di trasparenza, e democrazia nel Paese, con lo “stato d’assedio”, il coprifuoco e la repressione violenta delle manifestazioni di piazza che, sino a questo momento, ha provocato 11 morti accertati, decine di feriti e centinaia di arresti. Cresce la repressione anche contro la stampa e i giornalisti non allineati.

In linea con Washington, tace la missione dell’Organizzazione degli Stati Americani (OEA) guidata dal golpista boliviano Jorge “Tuto” Quiroga. Da parte sua, la missione dell’Unione Europea ha chiesto di non dare altri risultati fino a ricontare tutti i voti alla presenza di tutti i partiti.

Ci sono pochi dubbi sulla vittoria elettorale di Salvador Nasralla e Xiomara Castro. Stiamo assistendo ad un golpe elettorale che prefigura una escalation della violenza.

In questo quadro, il PRC-SE si impegna

° a sostenere la “Alianza de Oposicion contra la dictadura”, per restituire dignità e democrazia all’Honduras ed al suo popolo.

° A diffondere attraverso tutti i suoi canali il messaggio delle reti di solidarietà che in queste ore si stanno attivando. In particolare il canale you tube “Noche Negra Honduras” dove i militanti stanno caricando i video della repressione e delle violenze durante il coprifuoco

° a intraprendere tutte le iniziative opportune per fare conoscere il clima di repressione che da troppo tempo, ed ancora di più in queste ore, sta colpendo l’Honduras.

Allo stesso tempo il PRC-SE

° esige dal governo italiano di condannare il golpe elettorale e di non riconoscere la farsa elettorale del Partido Nacional e dell’attuale Presidente Juan Orlando Hernandez.

° fa appello alla vigilanza ed alla mobilitazione a difesa del voto, della volontà degli elettori ed in solidarietà con il popolo honduregno.

FUERA JOH !!!

PARTITO DELLA RIFONDAZIONE COMUNISTA – SINISTRA EUROPEA

Roma 3-12-2017

 


Sostieni il Partito con una


Campagna di autofinanziamento. Moduli RID