# MilanoPride2017: Nessuna persona è illegale, siamo tutte indecorose

# MilanoPride2017: Nessuna persona è illegale, siamo tutte indecorose

Segreteria Prc S.E. Milano

Silvia Conca resp. politiche Lgbtqi e intersezionalità

Il Partito della Rifondazione Comunista aderisce al Milano Pride 2017 nello spezzone della rete Nessuna Persona è Illegale. Abbiamo fatto questa scelta perché riteniamo importante evidenziare quanto siano interconnessi i meccanismi di esclusione che ostacolano l’affermazione dell’uguaglianza nella nostra società. Viviamo in un mondo a misura di uomo eterosessuale, bianco e borghese in cui la lotta per i diritti è vissuta come una minaccia: dalla psicosi sul “gender” a quella sull’”invasione”.
Una società basata sulla discriminazione e l’invisibilizzazione delle differenze non è una società libera. Un paese più interessato al “decoro”, come vuole la legge Minniti, che alla vulnerabilità di tante e tanti che lo abitano, vulnerabilità che ha radici culturali, giuridiche ed economiche, è un paese pronto per una svolta autoritaria. Per questo saremo in piazza il 24 giugno.

NESSUNA PERSONA È ILLEGALE, SIAMO TUTTE INDECOROSE!

Partecipiamo insieme al Milano Pride 2017, significativamente intitolato “DIRITTI SENZA CONFINE”, perché ci riconosciamo nella lotta contro ogni disuguaglianza e discriminazione, che queste derivino dall’iniqua divisione internazionale delle ricchezze, dallo sfruttamento del lavoro e dei corpi, o dal patriarcato, la più antica e radicata forma di sottomissione e sfruttamento.

Contro le ingiustizie pratichiamo quotidianamente la solidarietà, costruendo ponti tra soggetti che il potere vorrebbe divisi: al Pride intendiamo far emergere la presenza di chi storicamente in quel contesto ha avuto meno spazio e visibilità, dando voce alla rivendicazione di una parità di diritti non solo formale, accogliendo le preoccupazioni quotidiane di miliardi di persone come casa, lavoro, salute, perché il Milano Pride 2017 sia meticcio e multicolore, popolare, antisessista e antifascista.

Porteremo in piazza l’opposizione alle odiose leggi Minniti e Minniti-Orlando che diffondono sospetto e paura e nascondono sottol’arbitrario e pericoloso artificio del “decoro” i reali problemi sociali, come qualcuno vorrebbe fare ad esempio in Porta Venezia; noi ci saremo, con tutte le persone LGBTQI* e non che vorranno marciare quel giorno insieme a noi; ascolteremo le loro voci e proporremo loro la nostra alleanza, e sarà certamente una magnifica giornata di lotta e di festa.

Ci vediamo il 24 giugno in piazza Duca d’Aosta.

 



Sostieni il Partito con una


Campagna di autofinanziamento. Moduli RID