Eurostat, Italia maglia nera per diminuzione salari. Ferrero e Fantozzi: «Conseguenza del mancato rinnovo dei contratti e delle politiche di governo e Confindustria»

Eurostat, Italia maglia nera per diminuzione salari. Ferrero e Fantozzi: «Conseguenza del mancato rinnovo dei contratti e delle politiche di governo e Confindustria»

Paolo Ferrero e Roberta Fantozzi 

Secondo i dati Eurostat l’Italia è il solo grande paese europeo che vede diminuire la retribuzione oraria del lavoro (-0,5% nel primo trimestre 2016 sullo stesso periodo del 2015). La diminuzione ci accomuna a Cipro, il solo paese con la stessa contrazione. Nel resto d’Europa invece il salario orario è aumentato dell’1,7%. Il calo è maggiore nel settore privato e in particolare nell’industria che segna una diminuzione dell’1,4%.

Altro che 80 euro! La riduzione del salario è la conseguenza del mancato rinnovo dei contratti, contro cui hanno scioperato in questi giorni i metalmeccanici ed è la conseguenza delle politiche del governo e di Confindustria,  che a partire dal Jobs Act e dalla volontà di cancellare il contratto nazionale, non hanno altro obiettivo che indebolire i lavoratori per abbassare i salari.

Un motivo in più per firmare i referendum contro il Jobs Act, generalizzare le mobilitazioni per i rinnovi contrattuali, opporsi a Renzi e Confindustria. Le chiacchiere stanno a zero!

contratto1

PRIVACY


Sostieni
Rifondazione Comunista
con una
donazione





o tramite bonifico sul cc intestato al PRC-SE al seguente IBAN: IT74E0501803200000011715208 presso Banca Etica.