Dichiarazione del primo ministro Alexis Tsipras dopo la conclusione del vertice dell’Eurozona

Dichiarazione del primo ministro Alexis Tsipras dopo la conclusione del vertice dell’Eurozona

Abbiamo lottato duramente per sei mesi e abbiamo lottato fino alla fine, al fine di ottenere il miglior risultato possibile, per un accordo che potesse consentire al Paese di stare in piedi e per il popolo greco per essere in grado di continuare a combattere.
Abbiamo affrontato decisioni difficili, dilemmi difficili. Abbiamo assunto la responsabilità della decisione al fine di impedire la realizzazione degli obiettivi più estremi dei circoli conservatori più estremisti dell’Unione europea.
L’accordo è duro. Tuttavia, abbiamo impedito l’obiettivo di trasferire proprietà pubblica all’estero, abbiamo fermato il piano per l’asfissia finanziaria e il crollo del sistema finanziario, un piano che era pronto- fino all’ultimo dettaglio – recentemente progettato alla perfezione, e che aveva già cominciato a essere attuato .
Infine, in questa battaglia dura, siamo riusciti a ottenere la ricostruzione, la ristrutturazione del debito e di un certo processo di finanziamento a medio termine.
Eravamo consapevoli che non sarebbe stato un compito facile, ma abbiamo lasciato un’eredità molto importante dietro di noi. Un lascito importante ed un cambiamento tanto necessario in tutta Europa. La Grecia continuerà a lottare e che continueremo a combattere, in modo da poter tornare a crescere e recuperare la nostra sovranità nazionale persa. Abbiamo guadagnato la nostra sovranità popolare. Abbiamo inviato in tutta Europa e nel mondo il messaggio della democrazia, un messaggio di dignità. Questa è l’eredità più importante.
Infine, vorrei ringraziare tutti i miei colleghi, i ministri, i colleghi e collaboratori che hanno fatto con me questa lotta molto dura fino alla fine. Una lotta che alla fine della giornata sarà rivendicata.
La decisione di oggi sostiene la Grecia in condizioni di stabilità finanziaria, fornisce il potenziale di recupero, ma allo stesso tempo sapevamo in anticipo che sarebbe stato un accordo la cui attuazione è difficile. Le misure comprendono le misure che sono state votate in Parlamento. Le misure che inevitabilmente creeranno tendenze recessive. Tuttavia, ho la sensazione, la convinzione e la speranza che il pacchetto per la crescita di 35 miliardi che abbiamo raggiunto, la ristrutturazione del debito, così come il finanziamento garantito per i prossimi tre anni sarà possibile creare la consapevolezza nei mercati e fra gli investitori che una Grexit appartiene al passato. E questo sentimento potrà essere in grado di creare un’ondata di investimenti che compenserà le tendenze recessive.
Allo stesso tempo, credo che la grande maggioranza del popolo greco sosterrà lo sforzo di tornare a crescere come, da un lato, essi riconoscono che abbiamo combattuto per una causa giusta, abbiamo lottato fino alla fine, abbiamo fatto un negoziato difficile per tutta la notte, e d’altra parte, perché indipendentemente da quelli che sono i sacrifici , essi saranno assegnati – e la nostra presenza garantisce questo – con giustizia sociale. E non sarà che il conto sarà ancora una volta pagato solo da coloro che nel corso degli ultimi anni hanno avuto sulle loro spalle questo fardello. Questa volta, coloro che nel periodo precedente erano riusciti a sfuggire o avevano trovato una via di fuga, perché protetti dai governi precedenti, pagherà e inoltre, saranno loro ad assumersi sacrifici.
Infine, voglio fare una promessa: Dobbiamo combattere altrettanto fortemente come abbiamo combattuto per ottenere il miglior risultato all’estero, in Europa, al fine di sbarazzarsi di interessi costituiti all’interno del paese. La Grecia ha bisogno di riforme radicali in favore delle forze sociali e contro l’oligarchia che ha portato a questo punto. E questa è la promessa relativa al nuovo sforzo che comincia domani.

PRIVACY



Sostieni il Partito con una

o tramite bonifico sul cc intestato al PRC-SE al seguente IBAN: IT74E0501803200000011715208 presso Banca Etica.