Rifondazione Comunista ammessa al 2X1000 ed alle detrazioni fiscali!

Rifondazione Comunista ammessa al 2X1000 ed alle detrazioni fiscali!

La Commissione di garanzia degli statuti e per la trasparenza e il controllo dei rendiconti dei partiti politici ha deliberato ieri, 11/3/2015, l’accoglimento alla richiesta di accesso ai benefici di cui all’art 11 e 12 del DL 149/2013 e cioè l’ammissione alla contribuzione volontaria agevolata ed alla contribuzione indiretta.

Nella prossima dichiarazione dei redditi sarà possibile indicare il Partito della Rifondazione Comunista – Sinistra Europea come beneficiaria del 2X1000 ed avere il beneficio delle detrazioni per le “erogazioni liberali”(sottoscrizioni!) effettuate in favore del Prc-SE.

 Nei prossimi giorni, una volta definita la procedura applicativa della normativa da parte della Agenzia delle Entrate, forniremo tutte le indicazioni tecniche necessarie.

 Rifondazione risulta dunque iscritta al registro nazionale dei partiti politici anche grazie alla  presentazione di liste con simbolo congiunto alle europee che hanno eletto parlamentari.

 Al di là delle considerazioni più generali che svilupperemo nei prossimi giorni e delle considerazioni sull’interpretazione della norma legislativa (che ci hanno spinto a rivolgerci al Tar), questo risultato è un riconoscimento alla nostra tenacia e determinazione.

 Adesso al lavoro, per  raccogliere le sottoscrizioni fiscali mobilitando tutto il partito e coinvolgendo soggetti sul tema dell’autofinanziamento della politica.

la segreteria nazionale  del PRC

Deliberazione 11 marzo 2015 n. 1 della Commissione di garanzia degli statuti e per la trasparenza e il controllo dei rendiconti dei partiti politici

31 Commenti

  1. E’ una cosa importantissima che noi militanti e iscritti possiamo versare il 2 x 1000. Sono risorse importanti per portare avanti le nostre politiche. Vorrei saper il codice che deve scrivere per destinare il 2x 1000.

  2. Luca Casartelli

    L’accesso al 2xMille è un atto dovuto, ne un regalo ne una concessione ne un accoglimento di domanda.
    E’ la Legge che prevede la possibilità di accedere al 2xMille, a quei partiti regolarmente iscritti , che hanno ALMENO un eletto in Senato o Camera o Parlamento Europeo.

    Inoltre è SBAGLIATO come ho letto in qualche commento, dire che se nessuno sceglie, gli altri scelgono per te.
    Quello è l’8xMille, meccanismo che ancora MOLTISSIMI non comprendono.
    Il 2xMille è una scelta del singolo.
    Da sito del Senato:
    Il sistema introdotto consente, dunque, a ciascun contribuente di scegliere o meno di destinare il due per mille della propria IRPEF ad uno specifico partito politico. In caso di mancata effettuazione della scelta non si determina alcuna attribuzione, conseguentemente, le risorse restano all’erario.

    Ed è pure probabilmente sbagliato che si tratti SOLO di 2 euro, in quanto presumo si tratti anche qui non della propria quota irpef, ma di una scelta.
    Solo che di questo non ho trovato esempi pratici…

  3. volendo destinare il 2×1000, vorreste cortesemente indicare il codice da inserire nel riquadro? grazie

    • mi permetto di ricordare a noi tutti che il 2×1000 di tutti i contribuenti che NON decideranno a chi destinarlo, sarà equamente distribuito fra tutti i partiti beneficiari ( dai fascisti, passando per i forzaitalioti, Pd, Sel e schifo del genere).
      PERTANTO non andrei tanto per il sottile …

      • Ti confondi con l’8 x1000 che funziona esattamente come dici.
        col due x 1000 versi solo la tua quota, se non scegli, resta allo Stato.

        comunque il codice di PRC è L19

  4. sapete quanto è il 2 permille delle tasse di un lavoratore da 1200 euro mese ?
    circa 3 euro.
    Tutto questo baccano per 2 euro ?
    O pensavate che vi dava il 2 permille Berlusconi ?

    • Se tutti i tesserati facessero il 2xmille, sono più di 40mila euro l’anno, con cui si fa molto.

      Cerchiamo di esser seri, le grosse cifre, specialmente per noi, sono fatte da mille contributi.

    • la congiura degli eguali

      a te da fastidio che ci siano lavoratori i quali vogliono finanziare l’organizzazione comunista; per te vanno bene gli industriali che finanziano i partiti acomunsiti e peggio ancora quelli anticomunisti; a te da fastidio l’esistenza non solo del partito dei comunisti, da fastidio anche il sostantivo comunista; il tuo continuo ironizzare sfottente verso i comunsiti è la spia del tuo disadattamento sociale ed esistenziale; ma devi fartene una ragione; i comunisti, anche se attraversano una pessima fase, saranno come nel passato non tanto remoto, la spina dorsale del cambiamento della società, una società libera dalle ingiustizie, che sono la linfa del capitalismo; il mondo se non te ne sei accorto si sta ribellando alle ingiustizie, causate dalla protervia criminale imperialista degli yankee e dell’unione europea, che non fanno altro che proliferare tramite guerre di rapina; ma ogni cosa ha un inzio ed una fine, e la fine dell’imeperialismo yanke e dell’unione europea è iniziata da tempo; siamo all’ultimo colpo di coda, del mostro, dopo di che la decadenza sarà totale.

      • sinceramente non mi danno fastidio i comunisti.
        Anzi per certi versi mi stanno simpatici perchè sono idealisti puri ed hanno la testa fra le nuvole.
        Purtroppo è stato sperimentato che il comunismo non funziona.
        Senza premiare chi lavora di più e meglio, e penalizzare chi lavora male o affatto, la società si appiattisce verso il basso e la qualità della vita è al limite minimo della sopravvivenza.
        Premiando i migliori, gli audaci e gli intraprendenti invece si garantisce un tale quantitativo di ricchezza che prelevando dai più ricchi il giusto prelievo si garantisce anche agli ultimi un livello migliore di quello piatto generale comunista.
        E’ la socialdemocrazia, correttivo del capitalismo con regole e prelievi.
        Non è la perfezione ma ad oggi è il meglio che c’è

        • Ho capito, non sei tanto contento del 2 x 1000 al Prc.
          Perché altrimenti sprecheresti tante banalità sulla socialdemocrazia (che in pratica non esiste più), e (gulp!) sulla meritocrazia e sugli audaci?

          • la congiura degli eguali

            la socialdemocrazia eterna compromissione subalterna e servile con il capitalismo, ed infatti non ha mai goduto di lunga vita e là dove governa, l’insoddisfazione sociale è prassi quotidiana; non dimenticando che la socialdemocrazia si è sempre schierata per le guerre di aggressione di rapina ed imperialiste, dalla prima guerra mondiale ai conflitti attuali che insanguinano l’africa, e l’asia; in quanto ai migliori e capaci che fanno carriera, nel mondo progressivo italico ne fanno parte sicuramente gli arrestati ieri a firenze a proposito delle grandi opere delle quali la tav fiorentina è stata occasione di latrocinio sistemico; un sistema che è passato armi e bagagli nel territorio del pd che usufruisce poi di cordate elettorali molto cristalline; cristalline nel senso che si notano benissimo quanti criminali sostengono il pdpduista.

    • 40.000/50.000 Euro ed erogazioni liberali detraibili (forse alla fine dipiù)Vorreitanto che nel prc fossero molti di più quelli dei 1.200 euro (per ragioni politiche non tanto finanziarie), ma oggi non è così. C’è molto più ceto medio intellettuale che operai. E’ sempre una bella cifretta molto utile. Non trovi? Devi essere contento. O forse non sei contento?

      • Uno che guadagna 50.000 euro l’anno non può essere del PRC
        Finchè PRC dice di volere il comunismo può raccogliere solo i voti dei poveretti.
        Poveretti in tutti i sensi perchè pensano che il comunismo li farebbe stare meglio….illusi.
        Andassero a fare un viaggetto a cuba….poi vedreste…

        • la congiura degli eguali

          fatti un viaggetto nelle periferie di roma, napoli, milano, torino, palermo, catania e vedrai che goduria; in quei luoghi la felicità è alle stelle, c’è tanta ricchezza che sgorga come acqua di sorgente; i residenti vivono in assoluta sicurezza, niente di che preoccuparsi, la criminalità non esiste per nulla; c’è di tutto dai servizi sociali ai luoghi di incontro culturali; cinema e teatro sono in ogni quartiere, per non dire degli impianti sportivi; tutto funziona a meraviglia e quella ricchezza fa invidia ai potenti del nostro paese; tanti dei quali sono costretti a delinquere ai danni della collettività; oggi si è avuto un esempio di che pasta sono fatti tanti esponenti della classe dirigente del nostro paese,(“tav di firenze e grandi opere, quattro arresti per mazzette colossali”), classe ladrona che sostiene il sistema di potere del pdpduista.

        • Un viaggetto nei favolosi ospedali e nelle favolose scuole, per esempio, di Haiti o del Guatemala o delle periferie di Città del Messico o di Ciudad Juárez sarebbe ancora meglio, e poi vedrebbero, perbacco!

        • Ma tu ci sei stato a Cuba? Io si e ho visto anche parte del sudamerica. Ecco a Cuba tutti hanno un sussidio, non ho visto bambini per strada come negli altri paesi, non ho visto sparatorie, rapine, violenza, droga.
          Non ho visto nessuno vivere per strada. La sanità è gratuita e all’avanguardia. La scuola gratuita e obbligatoria. Tanti paesi hanno solo da imparare. Gira qualche periferia di città americane x vedere la povertà o il degrado totale A Cuba giri tranquillo, in Venezuela, Bolivia, Brasile, x farti alcuni nomi è un disastro, bambini abbandonati, violenza, sparatorie ovunque. Cuba poi è colpita da un embargo che dura da 50anni e non è facile far girare l’economia se quello che produci non puoi esportarlo o se le navi restano in porto. Eppure Cuba è un paese meraviglioso dove il socialismo ha reso la vita migliore di quello che avrebbe potuto essere se restava una “provincia” americana ai tempi di Batista piena di ricconi americani o gangster che facevano la bella vita impunitie il popolo moriva di fame. Marco prima di nominare Cuba fatti un giretto… vero che c’è molta prostituzione ma là hanno una cultura particolare e addirittura se una donna va con tanti uomini poi è ben vista e richiesta perchè pensano che abbia qualche qualità superiore. La prostituzione resta comunque illegale. Ecco racconto ciò che ho visto poi spero di non aver detto troppe inesattezze.

  5. Circolo Prc56041

    Per tenere in piedi un partito, anche piccolo, ci vogliono tanti soldi. Chi cerca scuse per non versarli vuol tenerli per sé.

    • per tenere in piedi un partito,anche piccolo,ci vuole sopratutto la volontà politica di farlo crescere,la sua crescita può esserci solo ripartendo dai circoli territoriali che oggi sono quasi tutti chiusi e i pochi che ancora lavorano per il partito,sono in gravi difficoltà economiche.
      Prima si deve ripartire da quì,non è il “non voler versare” ma il versare con convinzione che questo serva veramente allo scopo.

  6. dovreste chiarirmi se il contributo andrà al PRC Nazionale oppure alle federazioni Provinciali di appartenenza dei “donatori”.
    Sarebbe più giusta la seconda ipotesi,và finanziata la politica sui territori,dove tanti compagni lavorano gratis,
    NON finanzierò certamente chi,nei fatti,vuol distruggere il PRC.

  7. Molto bene! Se avessi ancora un lavoro sarei felice ed orgoglioso di poter dare il 2×1000 al Partito!

  8. Alcuni commenti alla notizia su riportata, evidenziano come siamo mal messi in questo paese e a quale declino siamo destinati. Gli utili idioti, servi sciocchi del sistema, si affannano a commentare con la bava alla bocca qualsiasi notizia, ogni elemento che possa evidenziare la loro miseria umana e culturale. Vi suggerisco di andare allo stadio, quello è il posto dove la vostra intelligenza può farvi sentire l’appartenenza alla razza sub umana.

  9. Certo che interessano i soldi ! Guadagnati e distribuiti onestamente !

  10. strano che a un comunista interessino i soldi …
    non era questo alle basi del comunismo!!!

    • antonio limonciello

      Mi sfuggiva che i comunisti non mangiano.

    • ai comunisti interessa stampare manifesti e pagare le bollette delle sedi, che non sono gratis

    • Ma che te sei fumato? Le teorie marxiste sono teorie macro-economiche, che propongono il sistema economico comunista, basato sulla condivisione delle risorse e del reddito prodotto, come alternativa al capitalismo, che e’ basato sulla competizione tra classi privilegiate che concorrono per accaparrarsi piu’ potere e ricchezza possibili. Sfruttando il lavoro delle masse che compongono le classi lavoratrici, che sono quelle che realmente producono la ricchezza (ad esempio i minatori dodicenni che estraggono il coltan in Congo, senza il quale i grandi geni della Silicon Valley andrebbero a coltivar patate), ma che della ricchezza prodotta vedono soltanto i debiti, le persone appartenenti alle classi sfruttatrici nuotano letteralmente nell’oro, alla faccia di tutti noi. Si, ai comunisti interessano i soldi, e molto.

    Registrati per ricevere gli aggiornamenti e la Newsletter

Commenta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


8 + = nove

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

PRIVACY



Sostieni il Partito con una

o tramite bonifico sul cc intestato al PRC-SE al seguente IBAN: IT74E0501803200000011715208 presso Banca Etica.