dichiarazione di Alexis Tsipras su accordo all’Eurogruppo

dichiarazione di Alexis Tsipras su accordo all’Eurogruppo

Ieri la Grecia ha raggiunto un risultato importante e di successo nei nostri negoziati con l’Europa. La Grecia rimane in piedi, e con la sua dignità intatta. Abbiamo dimostrato che l’Europa lavora per i compromessi reciprocamente vantaggiosi – non per distribuire punizioni. E in questo senso, i risultati di ieri possono essere più importanti per l’Europa che per la Grecia stessa.

La Dichiarazione congiunta dell’Eurogruppo delinea l’accordo quadro che andrà in vigore nel periodo ponte tra il Memorandum e il nostro Piano per la crescita. Questo accordo crea il quadro istituzionale per la realizzazione delle tanto necessarie riforme progressiste in materia di lotta contro la corruzione e l’evasione fiscale e per la riforma dello Stato, oltre naturalmente al ridimensionamento della crisi umanitaria, che consideriamo la nostra responsabilità primaria.

Ieri abbiamo fatto un passo decisivo, lasciandoci alle spalle l’austerità, il memorandum e la Troika. Un passo decisivo che permetterà il cambiamento nell’Eurozona. Ieri non è stata la fine dei negoziati. Stiamo entrando in una nuova fase, più importante, dei negoziati per raggiungere un accordo definitivo per la transizione dalle politiche catastrofiche del Memorandum a politiche che si concentreranno sullo sviluppo, l’occupazione e la coesione sociale.

Sicuramente ci troveremo ad affrontare sfide. Ma il governo greco si impegna ad intraprendere i negoziati che avranno luogo tra oggi e la scadenza di giugno, con ancora maggiore convinzione e determinazione. Siamo impegnati a ripristinare la nostra sovranità nazionale e popolare. Insieme con il supporto di popolo greco, che sarà il giudice ultimo delle nostre azioni. Con il suo supporto e la partecipazione attiva, il popolo greco ci aiuterà nei nostri sforzi per portare avanti il cambio politico.

Yesterday Greece achieved an important and successful result in our negotiations with Europe. Greece remains standing—and with its dignity intact. We proved that Europe stands for mutually beneficial compromises–not for doling out punishments. And in this sense, yesterday’s results may be more important for Europe than for Greece itself.
The Eurogroup’s joint statement lays out the framework agreement that bridges the time between the Memorandum and our growth plan. This agreement creates the institutional framework for the implementation of much-needed, progressive reforms concerning the fight against corruption and tax evasion and for the reform of the State, in addtion to the lessening of the humanitarian crisis, which we consider our primary responsibility.

Yesterday, we took a decisive step, leaving austerity, the Memoranda and the Troika behind. A decisive step that will allow for changes in the Eurozone. Yesterday was not the end of the negotiations. We will be entering a new, more substantive stage in our negotiations until we reach a final agreement to transition from the catastrophic policies of the Memoranda, to policies that will focus on development, employment and social cohesion.

Certainly we will face challenges. But the Greek government is committed to approaching the negotiations that will be taking place between now and the June deadline, with even greater conviction and determination. We are committed to restoring our national and popular sovereignty. Together with the support of Greek people, who will be the ultimate judge of our actions. As supporters and active participants, the Greek people will aid us in our efforts to bring about political change and respect, once more, for the social contract.

We will continue with the important work needed to bring about these changes.

 


Sostieni il Partito con una



 
Appuntamenti

PRIVACY

Installa l'App Rifondazione






o tramite bonifico sul cc intestato al PRC-SE al seguente IBAN: IT74E0501803200000011715208 presso Banca Etica.