ELEZIONI AMMINISTRATIVE 2024

Circolare del 29 maggio 2024

TECCE – Elezioni 8 e 9 giugno 2024: Silenzio elettorale dalla mezzanotte di venerdì 7 giugno | Ministero dell‘Interno

Care e cari compagne e compagni in indirizzo,

da più parti ci chiedono chiarimenti sull’ orario e la data di inizio del silenzio elettorale in relazione alla elezioni amministrative ed europee dell’ 8 e 9 giugno.
Il silenzio elettorale scatta alla mezzanotte di venerdì 7 giugno, visto che nella normativa approvata nel recente decreto elezioni, si precisa che convenzionalmente, ai fini delle varie scadenze, si considera che le elezioni si tengano il 9 giugno.
Spesso gli stessi comuni non sono ben informati.

Qui il link che porta alla apposita precisazione ministeriale

Vi ricordiamo i giorni e gli orari di votazione:

  • Sabato 8 giugno dalle 15:00 alle 23:00
  • Domenica 9 giugno dalle 7:00 alle 23:00

Gli elettori italiani avranno l’opportunità di eleggere 76 membri del Parlamento europeo.

Restiamo a disposizione per ogni eventuale chiarimento telefonandomi al numero 3346603135

Affettuosi saluti comunisti

Raffaele Tecce
Segreteria nazionale, Responsabile Enti Locali ed Ufficio Elettorale Prc-Se


Circolare del 23 maggio 2024

TECCE – URGENTE! – INFORMAZIONI SULLE MODALITA’ DI TRASMISSIONE DEI CURRICULA E DEL CASELLARI PER LA PUBBLICAZIONE SUL NOSTRO SITO; COME DA NORMATIVA Vigente. SCADENZA TRASMISSIONE AI COMUNI 26 MAGGIO

Care compagne e cari compagni in indirizzo,

Vi invio le modalità di trasmissione dei curricula e certificati penali per la pubblicazione sul nostro sito.
SEGNALO L’ URGENZA di questa trasmissione, visti i termini di legge.
È INFATTI NECESSARIO, per evitare l’affollamento di liste da inserire tutte, eventualmente, nell’ultimo giorno che oggi, o al massimo domani mattina arrivino le informazioni richieste nelle modalità sotto indicate:

E’ importante controllare la pagina già realizzata per le precedenti elezioni https://www.rifondazionecomunista.org/elezioni_trasparenti/index.html

Vanno trasmessi file singoli pdf nominati come la candidata o il candidato e l’elenco completo della lista; per l’ invio si può condividerli su drive (u.ilari@rifondazione.eu) e altro (icloud, wetransfer, onedrive ecc) o inviarli singolarmente o in un archivio (zip, rar ecc), mandando sempre una copia anche a me sulla mail raffaele.tecce@rifondazione.it

Per semplificare il vostro lavoro Vi invio, in allegato, la normativa vigente sulle elezioni trasparenti, estratta da una circolare del 9 maggio, rinvenibile sulla home page del sito www.rifondazione.it, icona AMMINISTRATIVE 2024.

Affettuosi saluti comunisti

Raffaele Tecce
Segreteria nazionale, responsabile Enti Locale ed Ufficio Elettorale Prc-Se


Circolare del 9 maggio 2024

TECCE – La presentazione del simbolo del PARTITO DELLA RIFONDAZIONE COMUNISTA SINISTRA EUROPEA alle elezioni comunali dell’8 e 9 giugno 2024 SI deve assolutamente fare CON LA SUBDELEGA DEI SEGRETARI REGIONALI e METROPOLITANI

Care e cari compagne/i in indirizzo,
negli ultimi giorni prima della scadenza della presentazione delle liste comunali (11 maggio ore 12) qualche segreteria/o comunale, sicuramente per disinformazione ed in buona fede, sta sostenendo che la nota 2 contenuta nell ‘ATTO PRINCIPALE, renderebbe non obbligatoria la subdelega.
Alla nota 2, infatti c’ è scritto che la subdelega riguarda solo quei partiti che HANNO AVUTO una presenza in Parlamento con il proprio simbolo, COME È STATO PER RIFONDAZIONE COMUNISTA fino al 2008.
Peraltro noi continuiamo ad essere iscritti all’apposito albo dei partiti, sottoponendo ogni anno il nostro bilancio al parere di una società di revisione esterna (con i relativi costi ed un grande impegno del tesoriere Vito Meloni e di tutto l’ufficio di tesoreria) e con uno statuto conforme, come si evince dalla pubblicazione in Gazzetta Ufficiale 180 del 3 agosto 2022.
Vi chiediamo pertanto di applicare questa indicazione sia perché è corretta da un punto di vista legislativo e sia perché è pienamente nel nostro interesse per il futuro del Prc-Se.

La definitiva vittoria al Tar di oggi pomeriggio, con la dovuta ammissione della lista per le elezioni europee Pace Terra Dignità anche nella circoscrizione Nord Ovest, permetterà di fare, contestualmente alle elezioni amministrative, una campagna di massa per la pace, la democrazia e pluralità, che molto probabilmente ci porterà a superare lo sbarramento del 4 per cento, e conseguentemente accedere nuovamente al due per mille.

Affettuosi saluti comunisti

Raffaele Tecce
Segreteria nazionale del PRC-SE, Responsabile Enti Locali ed Ufficio Elettorale

Alleghiamo copia Atto Principale con relativa nota


Circolare del 7 maggio 2024

TECCE – CIRCOLARE SINTETICA SUGLI ULTIMI ADEMPIMENTI PER LA PRESENTAZIONE ALLE ELEZIONI COMUNALI AMMINISTRATIVE

Care e cari compagne/i in indirizzo,
nell’allegarvi anche questo vademecum redatto dall’ ANCI, RIBADISCO ALCUNE INFORMAZIONI FONDAMENTALI:

TERMINI DI PRESENTAZIONE DELLE LISTE:

Presentazione delle candidature

Le candidature alla carica di Sindaco e di consigliere comunale devono essere presentate, a pena di esclusione dalla competizione elettorale, dalle ore 8 del 30º giorno alle ore 12 del 29º giorno antecedenti la data della votazione

Per le elezioni dell’anno 2024, le candidature devono essere presentate dalle ore 8 del 10 maggio alle ore 12 dell’11 maggio 2024.

ELEZIONI TRASPARENTI

Adempimenti in materia di trasparenza delle candidature

L’articolo 1, comma 14, della legge n. 3/2019, come modificato dall’articolo 38-bis del D.L. n. 77/2021 (c. 7), prescrive che entro il quattordicesimo giorno antecedente la data delle elezioni

(26 maggio 2024), amministrative, escluse quelle relative a comuni con popolazione fino a 15.000 abitanti, i partiti e i movimenti politici, hanno l’obbligo di pubblicare nel proprio sito internet:

 il curriculum vitae di ciascun candidato, fornito dal candidato medesimo;

 il relativo certificato del casellario giudiziale. Il certificato del casellario è quello previsto dall’articolo 24 del D.P.R. n. 313/2002, ed è rilasciato non oltre 90 giorni prima della data fissata per le elezioni. Sono previste in determinati casi riduzioni delle relative imposte e diritti.

L’obbligo vale anche per le liste nel sito internet del partito o del movimento politico sotto il cui contrassegno si sono presentate nella competizione elettorale, con pubblicazione sul sito internet del partito o movimento politico.

Non sussistono indicazioni in merito al formato del curriculum vitae che, dunque, può essere compilato liberamente.

Non è richiesto il consenso espresso degli interessati.

L’omessa pubblicazione del curriculum vitae e del certificato penale non comporta l’esclusione delle liste o dei singoli candidati da parte delle commissioni elettorali circondariali. Tuttavia, in caso di violazione di tali obblighi di pubblicazione da parte dei partiti o movimenti politici, la Commissione per la trasparenza e il controllo dei rendiconti dei partiti e dei movimenti politici, commina una sanzione pecuniaria amministrativa da euro 12.000 a euro 120.000, a termini dell’articolo 1, c. 23, della legge 9 gennaio 2019, n. 3.

La previsione di cui al citato comma 14 va evidentemente letta in combinato disposto con quanto previsto al successivo comma 15 del medesimo articolo 1. Quest’ultimo prevede che i Comuni con popolazione superiore ai 15.000 abitanti, secondo quanto stabilito dal comma 15, dovranno predisporre un’apposita sezione del proprio sito internet, denominata “Elezioni trasparenti”, in cui saranno pubblicati il curriculum vitae ed il certificato penale dei candidati.

La pubblicazione deve avvenire entro il settimo giorno precedente la consultazione elettorale (2 giugno 2024) e il certificato penale deve essere rilasciato dal casellario giudiziario entro novanta giorni dalla data fissata per la consultazione elettorale.

La norma specifica che il curriculum vitae ed il certificato penale sono quelli già pubblicati nel sito internet del partito, movimento politico, lista o candidato con essa collegato, previamente comunicati agli enti interessati dalla consultazione elettorale.

RIBADIAMO CHE, COME AVVIENE DA QUANDO QUESTA LEGGE E’ IN VIGORE, PUBBLICHEREMO NELLA HOME PAGE DEL NOSTRO SITO NAZIONALE www.rifondazione.it (ICONA ELEZIONI TRASPARENTI), tutti i curricula ed i casellari delle liste Prc-Se e/o da noi partecipate.
QUESTE INFORMAZIONI, INSIEME AL SIMBOLO DELLA LISTA, ANDRANNO INVIATE alla mail raffaele.tecce@rifondazione.it TASSATIVAMENTE ENTRO MARTEDI’ 21 MAGGIO , per permetterne la sicura pubblicazione.

Restiamo a Vostra disposizione per ogni chiarimento e/o integrazione scrivendo alla mail organizzazione.prc@rifondazione.it o telefonandomi al 3346603135.

Affettuosi saluti comunisti

Raffaele Tecce
Responsabile nazionale Enti Locali ed Ufficio Elettorale della segreteria nazionale del Prc-Se


Circolare del 24 aprile 2024

TECCE – CIRCOLARE URGENTISSIMA SULLA DEFINITIVA INDISPONIBILITA’ DEL SIMBOLO UNIONE POPOLARE PER LE AMMINISTRATIVE 2024

Care compagne e cari compagni,
come Vi è noto in alcuni Comuni era in corso un processo unitario con componenti civiche, sociali e politiche che prevedeva l’ utilizzo del simbolo di Unione Popolare per le prossime elezioni comunali 2024, processo quasi sempre guidato da Rifondazione Comunista.
Stamattina il nostro segretario Acerbo, sulla base dell’ incresciosa situazione che si èdeterminata, ha già inviato via whats app a tutte le realtà territoriali interessate il seguente messaggio:

“Care/i compagne/i, purtroppo a seguito di una diffida inviata da PAP agli altri soci dell’associazione titolare del simbolo di UP, non vi è più la disponibilità di Luigi de Magistris a firmare le deleghe alla presentazione e la stessa Manifesta ha espresso un orientamento simile. Dati i tempi ristretti è bene attrezzarsi per la presentazione con altro simbolo.
Maurizio Acerbo”

Evitando di commentare in questa sede la gravità del comportamento di PAP, riteniamo urgente che le realtà comunali interessate si attrezzino a predisporre un simbolo che pur richiamandosi, eventualmente, ai temi dell’unità popolare, non si configuri come simbolo confondibile con quello formale di Unione Popolare.

La presentazione del simbolo di UP senza delega potrebbe essere oggetto non solo di ricusazione ma anche – cosa più preoccupante – di iniziative legali di chi ha fatto di tutto per impedirne l’uso.

Resto a vostra disposizione per darvi consigli e consulenza per predisporre un altro simbolo, telefonandomi al 3346603135 o scrivendo alla mail raffaele.tecce@rifondazione.it

Affettuosi saluti comunisti

Raffaele Tecce
Responsabile Enti Locali ed Ufficio Elettorale della segreteria nazionale del Prc-Se


Con la tardiva pubblicazione delle istruzioni ministeriali per la presentazione e l’ammissione delle candidature alle elezioni comunali 2024, sono state inserite nuove cause di incandidabilità ostative alla candidatura che vanno sottoscritte.
Vista questa novità abbiamo chiesto al Ministero se tali dichiarazioni di non essere incandidabile anche rispetto alle nuove fattispecie potevano essere sottoscritte separatamente, salvando l’ iniziale accettazione già firmata da molt@ candidat@;
il Ministero, però, non ha voluto tenere conto della norma generale che tutti gli atti elettorali possono essere firmati 180 giorni prima della data delle elezioni.
Pubblichiamo quindi il nuovo modello di accettazione di candidatura a consigliere comunale in una lista con il simbolo del PRC SE ed invitiamo le compagne ed i compagni, nelle more della pubblicazione su questo sito anche degli altri atti aggiornati (es. atti separati, candidatura a Sindaco ecc.) di prelevare dalle istruzioni 2024 i modelli che di cui hanno bisogno.

Modello Accettazione_Candidatura_Amministrative 2024

Simbolo elettorale

Manuale allegato Elezioni Comunali 2024

Nel manuale allegato, viene ribadito – come da me già precedentemente evidenziato che, nonostante si voti sia sabato 8 che domenica 9 giugno, ai fini del calcolo del giorno ultimo di presentazione delle liste si calcola figurativamente sempre domenica 9 (dalle ore 8 del 30º giorno alle ore 12 del 29º giorno antecedenti la data della votazione) e cioè  concretamente liste e coalizioni vanno presentate dalle ore 8 del 9 maggio alle ore 12 del giorno 10 maggio.

Per quanto riguarda il POTERE DI AUTENTICAZIONE NAZIONALE DEGLI AVVOCATI e modulo comunicazione rispettivo Ordine territoriale (allegati normativa e modulo da inviare ai rispettivi Ordini Territoriali ), si può far riferimento a quanto scritto nel bottone ELEZIONI EUROPEE 2024.


Circolare del 30 gennaio 2024

TECCE – VERSO LE ELEZIONI COMUNALI 2024 ; RINNOVO RICHIESTA ALLE FEDERAZIONI DI RISPONDERE ALLA CIRCOLARE DEL 22 GENNAIO U.S.

Care e cari compagne e compagni in indirizzo,

con questa seconda circolare sulle elezioni comunali 2024, sollecito un’urgente risposta di tutte le federazioni che non lo hanno ancora fatto, che sono oltre la metà.

Vi prego di inviarmi tali risposte al massimo entro sabato 3 febbraio, per poter organizzare entro la prima decade di febbraio un ATTIVO NAZIONALE ON LINE di discussione e verifica politica con tutte/i le/i segretarie/i provinciali ed le/i responsabili Enti Locali.

Approfitto, inoltre, di questa circolare per inviarVi il MANUALE MINISTERIALE per la presentazione e l’ammissione delle candidature del 2023 (ancora valido perché non ci sono state variazioni normative) segnalandovi alcuni punti più importanti di cui tener conto.

- La normativa elettorale vigente NON PREVEDE PER NESSUNA LISTA O PARTITO L’ESENZIONE DALLA RACCOLTA FIRME per la presentazione della lista stessa VEDI ALLEGATO (a differenza di quanto previsto a normativa vigente per le europee, le politiche e le Regionali).

- Le firme da raccogliere per presentarsi nel comune superiore ai 15000 abitanti o capoluogo (abitanti risultanti dall’ultimo censimento 2023) sono evidenziati nella tabella 4 pag. 44 dell’allegata pubblicazione.

- Le firme dei sottoscrittori si possono raccogliere a partire da 180 giorni prima della data di convocazione delle elezioni (8/9 giugno election day insieme alle europee), ovviamente su moduli dove è stata già evidenziata la lista delle candidate e dei candidati ed il/la candidata/o sindaco. I sottoscrittori DEVONO essere elettori del Comune dove si svolgono le elezioni.

- Nel manuale allegato a pag. 37 e seguenti trovate il numero minimo e massimo di candidati (da 21 a 32) e l’equilibrio di genere da rispettare.

A pag. 70 trovate la scadenza di presentazione: “La presentazione delle candidature alla carica di sindaco e delle liste dei candidati alla carica di consigliere comunale, con i relativi allegati, deve essere effettuata dalle ore 8 del 30 o giorno alle ore 12 del 29 o giorno antecedenti la data della votazione (cioè dalle ore 8,00 del 9 maggio alle ore 14,00 del 10 maggio p.v., tenuto conto che si inizia a votare sabato 8 pomeriggio, per la prima volta, per l’ obbligo europeo di concludere le votazioni entro le 22,00 di domenica 9 sera)

(→ Articoli 28, ottavo comma, e 32, ottavo comma, del testo unico n. 570 /1960).

In allegato, riportiamo la circolare inviatavi il 22 gennaio u.s.

Resto a Vostra disposizione per ogni ulteriore chiarimento.

Affettuosi saluti comunisti

Raffaele Tecce
Segreteria nazionale, Responsabile Enti Locali ed Ufficio Elettorale PRC-SE

Riportiamo, di seguito il link della tabella dei comuni superiori (*) divisi per regione. Per l’elenco completo basta cliccare sulle singole regioni.

https://www.tuttitalia.it/elezioni-italiane/elezioni-comunali-2024/


Circolare del 22 gennaio 2024

TECCE – CIRCOLARE SULLE ELEZIONI COMUNALI del 2024 – RICHIESTA di URGENTI RISPOSTE PER AVERE UNA MAPPATURA NAZIONALE DELLA SITUAZIONE NEI VARI COMUNI

Care e cari compagne/i in indirizzo,

invio questa circolare urgente in vista delle elezioni comunali 2024, che si devono svolgere fra il 15 aprile ed il 15 giugno (e che molto probabilmente si terranno il 9 giugno insieme alle elezioni europee ), allo scopo di chiedere urgenti risposte sullo stato della discussione e della preparazione di liste e coalizioni nei vari Comuni.

Chiediamo, in particolare alle/ai segretarie/i provinciali di inviarci nei prossimi giorni – al massimo entro domenica 28 gennaio p.v. – una relazione dove si evidenziano i Comuni dove ci presenteremo, con quale lista e/o coalizione e con quale stato attuale dei rapporti unitari nella sinistra antiliberista alternativa al PD ed alla destra, inviando tale relazione alla mail raffaele.tecce@rifondazione.it .

Per ogni chiarimento potete telefonarmi al numero 3346603135.

Si terranno inoltre nel 2024, prima o dopo le elezioni europee, le elezioni in 5 Regioni – Sardegna (già fissate per il 25 febbraio p.v.), Abruzzo, Basilicata, Piemonte ed Umbria – sulle quali nei prossimi giorni invierò una circolare ad hoc.

Si tratterà di un appuntamento politico importante per Rifondazione Comunista e per tutta la sinistra antiliberista (anche per l’ampiezza della platea coinvolta di oltre un terzo del corpo elettorale; vedi i dati riportati sotto); sarà, infatti, la prima verifica di una possibile inversione di tendenza dopo la vittoria della destra nelle ultime elezioni politiche; sarà, in questo quadro, anche necessario aprire una riflessione al prossimo CPN sui danni che i governi locali di destra hanno causato alle/ai cittadine/i sul terreno dei diritti, della vivibilità e delle privatizzazioni di servizi essenziali, a partire dalla sanità, proprio perchè resi più forti dal governo centrale delle destre.

Un appuntamento che avrà un valore politico nazionale rispetto alla nostra capacità di dare risposte ai bisogni delle cittadine e dei cittadini sul terreno del lavoro, della lotta alla precarietà, di una nuova politica ambientalista che salvaguardi il clima, della lotta per la pace e la solidarietà con i migranti, ed infine per i diritti sociali e democratici di tutte e tutti, diritti messi ulteriormente in discussione dal governo di destra della Meloni.

Non a caso, a conclusione della Tesi 14 “ENTI LOCALI E LOTTA PER I DIRITTI DELLE CITTADINE E DEI CITTADINI” approvata all’ ultimo congresso di Chianciano dell’ottobre 2021, abbiamo scritto unitariamente: “La lotta per un rinnovato ruolo degli enti locali e un nuovo municipalismo è per noi strategica sul piano democratico, sociale e ambientale “.

TEMI PROGRAMMATICI DA METTERE AL CENTRO DELLE LISTE E DELLE COALIZIONI CHE PROMUOVIAMO COME PRC-SE

Nella Tesi 14 “ENTI LOCALI E LOTTA PER I DIRITTI DELLE CITTADINE E DEI CITTADINI”, approvata nell’ottobre scorso al Congresso di Chianciano, individuiamo i principali punti programmatici da porre al centro delle liste e coalizioni che promuoviamo come PRC SE:

La partecipazione e il controllo dei cittadini e dei lavoratori nella determinazione dei bilanci, nella pianificazione urbanistica e territoriale, nell’organizzazione dei servizi e nella gestione dei beni comuni sono insieme al ripristino della centralità delle assemblee elettive e di una legge elettorale proporzionale richieste imprescindibili per la democratizzazione degli enti locali e l’avvio di processi di socializzazione.

La trasparenza, come il coinvolgimento della cittadinanza e la tutela degli interessi collettivi, è sempre più limitata da pratiche e procedure di governance che sostituiscono i percorsi democratici. Il diritto alla città si afferma attraverso la partecipazione e il conflitto.
Bisogna porre al centro delle nostre piattaforme programmatiche forme di bilancio partecipativo, di partecipazione dei cittadini alle scelte urbanistiche e ambientali, di controllo sulla qualità delle opere pubbliche, di consultazione popolare.

In conclusione le nostre priorità strategiche per una politica di sinistra antiliberista negli Enti Locali si possono così riassumere:

    1. reinternalizzare, ripubblicizzare, trasformare le società partecipate da spa in aziende speciali pubbliche (l’esperienza di Napoli sull’acqua è esemplare in tal senso). Difendere la gestione pubblica, in particolare dei servizi e dei settori strategici come quelli dell’acqua pubblica, dell’energia, dei trasporti e della gestione dei rifiuti, preservandoli dalla logica della privatizzazione finalizzata al profitto, sostenuta dai governi centrali.
    2. Ripubblicizzare ove possibile, acquisendone in pieno la gestione, le attività nel settore dei servizi sociali, oggi in gran parte esternalizzate e svolte dagli operatori del privato sociale e comunque battersi per la qualità del lavoro e dei servizi. Realizzare forme di partecipazione e controllo sui servizi erogati.
    3. Attuare una svolta ambientalista e di valorizzazione urbanistica ecocompatibile del territorio nella riorganizzazione delle città a consumo di suolo zero, che intervenga per la riqualificazione dei quartieri e delle aree periferiche. Piano nazionale di finanziamenti per la riqualificazione degli aggregati urbani sperimentando programmi di partecipazione per l’individuazione di piccoli interventi di verde di prossimità con le “oasi del verde per l’incontro e la socialità”
    4. Creare localmente un ambiente economico e sociale che favorisca la realizzazione di posti di lavoro buono, nel welfare di prossimità e nei servizi, a partire da modelli gestionali che favoriscono l’occupazione rispetto agli investimenti in grandi impianti (esempio la raccolta porta a porta).
    5. Diritto alla casa significa garantire il passaggio da casa a casa con un piano straordinario di implementazione degli alloggi riconvertendo il patrimonio a qualunque titolo pubblico compatibile con la residenza; realizzare un piano di solidarietà nazionale con grandi enti pubblici e privati (banche, Inps) per la messa a disposizione dei Comuni di appartamenti in affitto a prezzi popolari -per fronteggiare l’emergenza abitativa e il dramma sfratti – e prevederne anche la requisizione per motivi di ordine sociale; avviare programmi di rigenerazione urbana prevedendo il riuso del patrimonio pubblico per il diritto alla casa e il diritto all’abitare che significa spazi per servizi sociali e attività di quartiere, e luoghi di aggregazione sociale e di comunità.
    6. Promuovere l’economia circolare ed affermando un modello di sviluppo di produzione ecologica, che valorizzi le risorse locali, tuteli l’ambiente e la salute dei cittadini-fruitori.
    7. Realizzare un nuovo modo di vivere e di organizzare la vita collettiva che parta dalla necessità di affermare la differenza di genere e dal contrasto di ogni discriminazione.
    8. Realizzare una città aperta a lavoratrici e lavoratori provenienti da altri contesti culturali e spesso ormai stabilmente presenti nel paese che sappia offrire politiche sociali inclusive, secondo il principio che ogni persona è migrante e ogni migrante è cittadino/a.

La lotta per un rinnovato ruolo degli enti locali e un nuovo municipalismo è per noi strategica sul piano democratico, sociale e ambientale.

Su questa impostazione programmatica e sulla base dell’importanza politica del voto amministrativo, già affermata, la nostra priorità deve essere, a mio avviso, quella di lavorare per costruire coalizioni o liste, almeno in tutti i capoluoghi, con tutte le forze della sinistra antiliberista, partendo da Sinistra Anticapitalista – dove è presente – ed anche da Sinistra Italiana .

Tali liste possono lavorare a costruire una coalizione con i 5 stelle, che ne aumenti la massa critica, allontanando lo spettro del voto utile, ovviamente solo a condizione che tale coalizione presenti una/un candidata/o sindaco credibile e di cultura antiliberista .

Vi ricordo nuovamente la richiesta di inviarci entro domenica 28 gennaio p.v. la relazione richiesta scrivendo alla mail raffaele.tecce@rifondazione.it o alla mail organizzazione.prc@rifondazione.it all’attenzione della compagna Maria Teresa Imbellone.

Siamo, ovviamente, disponibili come dipartimento Ento Locali a partecipare a riunioni provinciali e regionali.

Comuni al voto 2024

Complessivamente, considerando tutte le regioni, sono interessati gli elettori di 3.699 comuni, di cui 3.515 appartenenti a regioni a statuto ordinario e 184 a regioni a statuto speciale.

L’elenco dei comuni è ancora provvisorio perché a questi si aggiungeranno altri eventuali comuni i cui consigli comunali saranno sciolti con DPR entro il 24 febbraio 2024.

Alle urne ventisette comuni capoluogo di provincia (Ascoli Piceno, Avellino, Bari, Bergamo, Biella, Cagliari, Caltanissetta, Campobasso, Cremona, Ferrara, Firenze, Forlì, Lecce, Livorno, Modena, Pavia, Perugia, Pesaro, Pescara, Potenza, Prato, Reggio Emilia, Rovigo, Sassari, Verbania, Vercelli e Vibo Valentia), di cui sei sono anche capoluogo di regione (Bari, Cagliari, Campobasso, Firenze, Perugia e Potenza).

Superano i 100.000 abitanti le seguenti città: Bari, Bergamo, Cagliari, Ferrara, Firenze, Forlì, Livorno, Modena, Perugia, Pescara, Prato, Reggio Emilia e Sassari.

La tabella, di cui il link di seguito, riporta i comuni superiori(*) divisi per regione. Per l’elenco completo basta cliccare sulle singole regioni.

https://www.tuttitalia.it/elezioni-italiane/elezioni-comunali-2024/

Affettuosi saluti comunisti

Raffaele Tecce
Segreteria nazionale, Responsabile Enti Locali ed Ufficio Elettorale del PRC-SE

PRIVACY







o tramite bonifico sul cc intestato al PRC-SE al seguente IBAN: IT74E0501803200000011715208 presso Banca Etica.