Rifondazione Comunista solidarizza con la militante saharawi Sultana Khaya

RIFONDAZIONE COMUNISTA SOLIDARIZZA CON LA MILITANTE SAHARAWI SULTANA KHAYA, IMPRIGIONATA, VIOLENTATA E COSTANTEMENTE INTIMIDITA DALLE FORZE DI SICUREZZA MAROCCHINE

L’irrisolta questione dell’autodeterminazione del popolo Saharawi e del rispetto dei diritti umani dei suoi cittadini torna in questi giorni d’attualità anche a seguito di dispute diplomatiche con la vicina Algeria e dell’intervento dell’O.N.U.
Si tratta di una questione, quella legata al Sahara Occidentale e alle violenze perpetrate dalle forze di sicurezza marocchine contro i militanti Saharawi, che trova nella vicenda di Sultana Khaya una sorta di paradigma dei modelli violenti e autoritari messi in campo dal meccanismo repressivo dello Stato e del governo marocchino.
L’attivista Saharawi è diventata nel tempo, forse anche suo malgrado, il simbolo della lotta di un intero popolo.

Sultana Khaya è Presidentessa della Lega per la difesa dei diritti umani e contro il saccheggio delle risorse naturali a Boujdour, cittadina del nord del Sahara Occidentale.
Nel tempo ha perso prima un occhio a seguito di un’aggressione subita dalla polizia all’Università di Marrakech, poi diversi “assalti” sia a lei che ai suoi familiari e ciò solo perché chiedeva e chiede il rispetto dei diritti umani.

Sultana Khaya è agli arresti domiciliari dal novembre 2020, periodo durante il quale tra le altre cose, come riportano sia Amnesty International sia la relatrice speciale delle Nazioni Unite sulla situazione dei difensori dei diritti umani, ha subito parecchi, ripetuti soprusi.

Tra queste odiose angherie che riferisce Amnesty, dobbiamo annoverare anche che lei, le sue sorelle e la madre ultraottantenne sono state violentate dalle forze di sicurezza marocchine.

E’ qualcosa di inaccettabile e talmente odioso da spingere pure le paludate Nazioni Unite per mezzo di Mary Lawlor, la relatrice speciale delle Nazioni Unite, a minacciare sanzioni internazionali contro la monarchia marocchina.
Di fronte a tutto ciò, il Partito della Rifondazione Comunista ritiene necessario e prioritario l’intervento forte ed immediato sia del Governo centrale, per incalzare, a livello istituzionale ed internazionale, il governo e la monarchia marocchina affinché, come chiesto anche dalla rappresentate ONU, provvedano a rispettare l’obbligo di proteggere l’attivista saharawi, malata e vessata.

Il Partito della Rifondazione Comunista-Sinistra Europea nel ribadire la sua amicizia e vicinanza sia al popolo saharawi, che a quello marocchino invita i diversi Enti Locali ad approvare degli ordini del giorno di solidarietà nei confronti di Sultana Khaya e della sua lotta in favore del popolo del Sahara Occidentale.

SOSTENIAMO I DIRITTI DI SULTANA KHAYA  E DEL POPOLO SAHARAWI !

Roma, 2-1-2022

PRIVACY

Installa l'App Rifondazione


Sostieni
Rifondazione Comunista
con una
donazione





o tramite bonifico sul cc intestato al PRC-SE al seguente IBAN: IT74E0501803200000011715208 presso Banca Etica.