Solidarietà ai giornalisti di Repubblica

Solidarietà ai giornalisti di Repubblica

Stefania Brai°
Il Partito della Rifondazione comunista esprime tutta la propria solidarietà ai
giornalisti de la Repubblica che hanno convocato per oggi pomeriggio una
assemblea con all’ordine del giorno le dimissioni del Cdr a seguito della decisione
del direttore Molinari di rifiutare la pubblicazione di un comunicato sindacale.
Il cdr, a seguito dell’uscita sulla prima pagina di Repubblica di ieri di due articoli a
favore della richiesta della Fca di prestito di 6,3 miliardi garantito dallo Stato, ha
immediatamente protestato con un comunicato in cui sostiene che si tratta “di una
copertura dell’evento squilibrata a favore dell’azienda controllata dal principale
azionista del giornale, la Exor di John Elkann". Il nuovo direttore nega la
pubblicazione. Da qui la convocazione dell’assemblea dei giornalisti.
Già ieri c’erano state le dimissioni da Repubblica di Gad Lerner, seguite a quelle di
Enrico Deaglio e Pino Corrias.
Sono in gioco le elementari libertà sindacali, la libertà d’espressione, la libertà di
informazione e di essere informati.
Ed è in gioco il pluralismo dell’informazione. Nelle mani della finanziaria Exor
(famiglia Agnelli) sono: il gruppo editoriale Gedi, la società che possiede
l’Espresso e Repubblica, La Stampa e Il Secolo XIX, ma anche 13 quotidiani locali
(dal Piccolo di Trieste al Tirreno, dal Messaggero veneto alla Nuova Venezia, dalla
Gazzetta di Reggio a Il Piccolo, tanto per capirci), una serie di periodici tra cui
MicroMega, National Geographic e Limes, una rete di radio tra cui Dee Jai e Radio
Capital, una divisione “Digitale” (Tvzap, Dee Jai tv, Maymovies) e infine la
concessionaria di pubblicità A. Manzoni e &.
Serve subito una legge sul conflitto di interessi, una seria normativa antitrust
verticale e orizzontale, che impedisca da un lato la formazione di posizioni
dominanti (e non solo l’abuso di esse, come prevedono le attuali leggi) e dall’altro
la concentrazione nelle stesse mani della produzione e/o distribuzione di diversi
“mezzi di comunicazione”, una riforma di settore che garantisca l’intervento
pubblico a sostegno dell’editoria indipendente, di quella cooperativa, di quella di
partito, di quella culturale, a sostegno dei cosiddetti “punti vendita”, cioè le edicole.
Una riforma del settore che tuteli il lavoro e i lavoratori dell’informazione,
garantendo loro contratti stabili e l’accesso a tutti gli ammortizzatori sociali.
*responsabile nazionale cultura Partito della Rifondazione Comunista
Roma 18/05/2020

 

Sostieni il Partito con una




 
Appuntamenti

PRIVACY


Sostieni
Rifondazione Comunista
con una
donazione





o tramite bonifico sul cc intestato al PRC-SE al seguente IBAN: IT74E0501803200000011715208 presso Banca Etica.