Due avvisi per la sinistra emiliano-romagnola dal voto umbro

Due avvisi per la sinistra emiliano-romagnola dal voto umbro

Stefano Lugli*
L’esito del voto in Umbria manda due avvisi per la sinistra dell’Emilia-Romagna.
1) Non ha senso per la sinistra fare le ruote di scorta di un Pd che propone politiche liberiste e antipopolari: il risultato insufficiente della lista unitaria di sinistra alleata col Pd umbro sta lì a dimostrarlo.
2) Non ha senso moltiplicare liste a sinistra del Pd facendo la gara a chi è più comunista con il risultato di presentare agli elettori incomprensibili divisioni.In Umbria Rifondazione Comunista, prendendo atto della desolante situazione, non era presente alle elezioni regionali. In Emilia-Romagna Rifondazione Comunista partecipa da cinque anni all’esperienza de L’Altra Emilia-Romagna con cui siamo all’opposizione delle politiche con cui Bonaccini ha mercificato sanità, ambiente e territorio e si è messo all’inseguimento della Lega con un pericolosissimo progetto di autonomia regionale.

Lo abbiamo detto nei mesi e nelle settimane precedenti e lo ribadiamo oggi alla luce del voto umbro: in vista delle elezioni regionali del 26 gennaio 2020 invitiamo a un ripensamento sia chi, come Potere al Popolo, pensa ad una presentazione solitaria, sia chi come Sinistra Italiana e le forze della sinistra riunite attorno ad Elly Schlein pensano a liste ecologiste con un Pd che per l’Emilia-Romagna prevede progetti autostradali nemici dell’ambiente.

Rifondazione Comunista lavora alla ripresentazione de L’Altra Emilia-Romagna come casa della sinistra autonoma e alternativa agli altri poli politici, e invita nuovamente tutte le forze della sinistra ad aderirvi per presentare alle elezioni regionali una sola lista della sinistra.

*Segretario regionale PRC Emilia-Romagna

PRIVACY



Sostieni il Partito con una

o tramite bonifico sul cc intestato al PRC-SE al seguente IBAN: IT74E0501803200000011715208 presso Banca Etica.