Italia-Cina, Prc: «Inaccettabili pressioni USA sul nostro paese»

Italia-Cina, Prc: «Inaccettabili pressioni USA sul nostro paese»

«Le pressioni dell’amministrazione Trump e della UE sul nostro Paese volte a ostacolare la cooperazione economica con la Cina sono inaccettabili – dichiarano Maurizio Acerbo e Marco Consolo, segretario nazionale e responsabile esteri di Rifondazione Comunista – Sinistra Europea – . È interesse dell’Italia e dell’Europa lo sviluppo di positivi rapporti con la Cina, con la Russia e con tutti i Paesi con cui si decide autonomamente di commerciare. Sembra di essere tornati ai tempi dell’attentato a Enrico Mattei. Ricordiamo che durante la cosiddetta “prima repubblica”, nonostante la guerra fredda, l’Italia seppe sviluppare una politica autonoma nei confronti dei Paesi arabi e verso l’Urss, non ebbe il timore di condannare i golpe statunitensi e di rompere relazioni col Cile di Pinochet.  Emerge anche in questa vicenda che la Nato è un’alleanza pericolosa, costosa e obsoleta di cui l’Italia e l’Europa dovrebbero liberarsi al più presto per promuovere una politica autonoma di pace, cooperazione e disarmo. È desolante anche in questa occasione il livello delle polemiche del Pd che ormai si identifica acriticamente con Nato e USA. Bisognerebbe discutere del documento e rifiutare in coro i toni minacciosi statunitensi. Gli italiani  viaggiano sulla via della seta dai tempi dei tempi. Consigliamo all’ambasciatore statunitense a Roma di leggersi una copia de “Il Milione” di Marco Polo».

13 marzo 2019

PRIVACY



Sostieni il Partito con una