Cannabis, Acerbo: “Salvini con le narcomafie, Pd e M5S votino legalizzazione”

Cannabis, Acerbo: “Salvini con le narcomafie, Pd e M5S votino legalizzazione”

COMUNICATO STAMPA

CANNABIS – ACERBO (PRC): “SALVINI CON LE NARCOMAFIE, PD E M5S VOTINO LEGALIZZAZIONE”

“La proposta di Salvini di abolizione della modica quantità è la sparata di uno che cerca di farsi pubblicità in ogni modo – dichiara Maurizio Acerbo, segretario nazionale di Rifondazione Comunista – Sinistra Europea -. Le posizioni del ministro degli Interni per la punibilità dei consumatori sono degne di paesi come l’Iran, l’Arabia Saudita o le Filippine del dittatore Duterte. E’ evidente che Salvini intende conquistare il voto delle narcomafie che fanno affari sul proibizionismo.
Cogliamo l’occasione per invitare il parlamento a legiferare finalmente nel senso della legalizzazione della cannabis seguendo l’esempio di diversi stati degli USA, del Canada, dell’Uruguay e di tanti altri paesi.
Se si vuole mettere in difficoltà il governo e fare una cosa buona e giusta, il PD potrebbe dichiararsi a favore della proposta di legge sulla cannabis del M5S o proporre una convergenza tra le varie proposte già depositate.
Il PD non è mai stato un partito di sinistra ma almeno dimostrasse di essere un partito liberale e riformatore! Se i democratici si schierassero per la legalizzazione in parlamento potrebbero mettere in minoranza Salvini e la destra e soprattutto il nostro paese farebbe un grande passo in avanti sul piano della civiltà e della libertà.
La legalizzazione della cannabis rappresenterebbe un brutto colpo per la criminalità organizzata e garantirebbe la salvaguardia della salute dei consumatori che oggi sono costretti ad acquistare sul mercato nero schifezze di provenienza incontrollabile. Inoltre legalizzare cannabis creerebbe tantissimi posti di lavoro nella coltivazione e commercializzazione, assai più della tav e senza costi per lo Stato che anzi vedrebbe aumentare le entrate fiscali.
L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha chiesto di togliere la cannabis dall’elenco delle sostanze pericolose. Zingaretti si dia una mossa”

5 marzo 2019

PRIVACY



Sostieni il Partito con una