Anche per Sea-Watch va indagato Salvini. Esposto dell’eurodeputata Forenza con associazioni

Anche per Sea-Watch va indagato Salvini. Esposto dell’eurodeputata Forenza con associazioni

Sea-Watch – Prc: «Anche per Sea-Watch va indagato Salvini. Esposto dell’eurodeputata Forenza con associazioni»
«Sono rimasti in mare – dichiara Maurizio Acerbo, segretario nazionale di Rifondazione Comunista-Sinistra Europea – per tanti giorni, al freddo, i 47 richiedenti asilo salvati dalla Sea Watch 3 e hanno dovuto attendere a lungo prima di poter approdare a Catania mentre si paventava il sequestro dell’imbarcazione dell’Ong che riceveva continuamente dal ministro dell’Interno solo insulti e minacce invece di soluzioni. I naufraghi saranno divisi in 8 paesi europei anche se in molti comuni della Sicilia era già emersa la volontà di accoglierli e di sostenerli. Solo ripartirli in giro per l’Europa costituirà l’ennesima inutile spesa, ai danni della collettività, per esibire lo scalpo del porto chiuso». «Non siamo rimasti però inerti – aggiunge Eleonora Forenza, eurodeputata GUE/NGL – . Insieme ad alcuni legali e attivisti, gli avvocati del Legal Team con la campagna LasciateCIEntrare, tra i quali Alessandra Ballerini, ho presentato un esposto alla Procura della Repubblica di Siracusa, scritto dall’avvocato Gianluca Vitale, in cui si contestano a Salvini reati gravi per cui dovrebbe essere giudicato e perseguito. Ci auguriamo che dopo tanta sofferenza escano segnali di giustizia almeno dai tribunali e che il parlamento prenda atto delle continue violazioni della legalità operate dal ministro degli Interni con la complicità dei suoi camerieri pentastellati».
31 gennaio 2019

PRIVACY



Aderisci al Partito della Rifondazione Comunista