Stragi di caporalato e di lavoro nero

Stragi di caporalato e di lavoro nero

I 12 lavoratori nell’agricoltura morti oggi, durante  un incidente stradale che ha dinamiche  simili a quello che ha visto morire altri 4 giovani sabato scorso, non hanno perso la vita per fatalità. Sono vittime del caporalato e dello sfruttamento che perdura, nella Capitanata come in gran parte del paese che odia i migranti ma poi li fa lavorare  per 12 ore al giorno a due euro l’ora. Questa è la realtà, non la “pacchia” descritta dal ministro degli interni Salvini nella sua continua campagna razzista. Il governo invece di bloccare le navi umanitarie combatta le condizioni con cui questi uomini e donne vengono sfruttati.  Mercoledì 8 agosto  Rifondazione  Comunista sarà al corteo, già previsto, che partirà la mattina alle 10 da S.Severo, nei  pressi dell’ex ghetto di Rignano e indetta dall’Usb e a quello organizzato per il pomeriggio con partenza da Foggia dai sindacati confederali e associazionismo. Rifondazione Comunista, si unisce al lutto delle famiglie e degli amici dell”ennesima strage e continua a restare al fianco di chi resiste.

PRIVACY



Sostieni il Partito con una


Campagna di autofinanziamento. Moduli RID