Elezioni comunali del 10 giugno: prime valutazioni

Elezioni comunali del 10 giugno: prime valutazioni

di Raffaele Tecce* -

PUR FRA MILLE DIFFICOLTA’ E PROBLEMI E’ POSSIBILE COSTRUIRE DAI CONFLITTI E DAI BISOGNI POPOLARI UNA RAPPRESENTANZA POLITICA LOCALE CIVICA E DELLA SINISTRA ALTERNATIVA.

 

Il quadro che emerge da una prima analisi dei risultati delle elezioni comunali tenutesi ieri, pur nella loro articolazione e contraddittorietà, è che la Lega avanza trainando in molti comuni la intera coalizione di destra, il M5S non riesce a confermare i risultati delle politiche, anche perché penalizzato dal proliferare di liste e candidati in appoggio della destra ed anche del PD, il PD tiene solo a Brescia ed in alcuni comuni del Centro Italia, ma sempre con coalizioni più di candidati che di impegno politico sui temi legati ai bisogni dei cittadini.

In questo quadro, certamente condizionato negativamente dall’ esito delle elezioni politiche del 4 marzo u.s., è importante valorizzare i risulati ottenuti da alcune liste e di sinistra alternative al PD in patricolare a Pisa, dove il candidato da noi sostenuto, Ciccio Auletta, con una coalizione di liste (Città in Comune, PRC SE, Possibile Pisa ) sfiora l’ 8 % eleggendo due consiglieri comunali e Ancona dove la civica di sinistra guidata da Francesco Rubini (Altra Idea di città ) raggiunge il 6,75 %.

A Grottammare (Ascoli Piceno) si conferma la tradizione della sinistra alternativa e del PRC SE, fondata su una trentennale pratica del bilancio partecipativo, eleggendo al primo turno a Sindaco il compagno Enrico Piergallini, con un importante affermazione del compagno Lorenzo Rossi primo eletto fra i consiglieri comunali.

A Bussi sul Tirino (Pescara ) viene rieletto sindaco il nostro compagno Salvatore Lagatta. A Montecorvino Rovella(SA) viene eletto Sindaco Onofrio Martino,  da noi sostenuto contro il sindaco uscente PD che viene sconfitto, per le sue battaglie ambientaliste con il nostro compagno Nello Di Pasquale.

Le liste di Potere al Popolo ottengono un risultato significativo a Campi Bisenzio (FI), con il nostro compagno Lorenzo Ballerini candidato Sindaco,  il 5,9 %, a Massa con Nicola Cavazzuti candidato Sindaco,  il 3,62% ; a Siena dove con il 2,16 % si contribuisce, in coalizione con Sinistra per Siena, a portare il candidato Sindaco Vigni al 3,9 % .

Ad Imperia Pap è al 2,33 % ed a Sestri Levante sfiora il 3 %.

Vanno, inoltre, ricordati i risultati di PAP ad Aprilia con l’ 1,70 %, a Terni, con l’ 1,57 %, a Vicenza con l’ 1,3 % ed a Brescia con lo 0,9 %, sicuramente condizionati da fattori locali di “ candidati “ di altre liste  che ci hanno danneggiati con un voto personale.

Una riflessione seria va aperta sul voto a Potere al Popolo nei due municipi di Roma, fortemente condizionato dal crollo dell’ affluenza al 27 % :

al terzo Municipio – secondo i dati del sito del Comune di Roma – si passa dai 3097 voti di lista alle Regionali del 4 marzo, pari al 1,80 %, dai 1920 voti alla Camera, pari al 2,02 %, a 1307 voti alle municipali del 10 giugno, pari al 2,99 %;

all’ ottavo Municipio si passa da 2369 voti di lista alla Regionali, pari al 2,07 %, ai 1971 voti alla Camera, pari al 2,84 %, a 504 voti alle municipali, pari all’ 1,62 %. Nei prossimi giorni pubblicheremo una valutazione politica articolata su questi dati della segretaria romana del PRC SE.

Va inoltre evidenziata positivamente la presenza di liste di Rifondazione Comunsta, sia da sola che con simbolo composito, che ci fanno ottenere il 2,75 a Chiaravalle (AN), il 2,3 % a Martellago (VE) , il 2,5 % a Corciano (PG), il 2 % ad Anzio, ad Iglesias con Sinistra Sarda il 2,2 %, ad Orbassano (TO) l’  1,7 % ed in alcuni altri Comuni ; come i risultati di altre civiche di sinistra da noi promosse ad Ivrea con il 2,22 (con il candidato di coalizione al 18 %), ad Imola (Sinistra Unita Imolese)  al 3,25 %, a Spoleto (PG) con Maura Coltorti  al 3,36 %, a Pietrasanta (LU ) al 2,94 %, a Viterbo con il 2,18 %.

 

A Quarto di Napoli il candidato sostenuto dal PRC e da Potere al Popolo con due civiche, Davide Secone, arriva al ballottaggio, nella città dove si era aperta la crisi dell’ ex Sindaca del M5S.

Rilevanti, infine, sono alcuni risultati in Sicilia dove la nostra compagna Alessia Piccione raggiunge il 22 % a Francofonte (SR), dove partì l’ esperienza di “arancia Metalmeccanica “, con una civica Mille Papaveri Rossi, a Partinico (PA) con una civica di sinistra al 10 % che molto probabilmente eleggerà Emiliano Puleo (il compagno arrestato ad Amburgo ) e Valentina Speciale ed anche a Sutera (CL) ed a Licata (AG).

Da questa prima ed incompleta disamina dei dati emergono a mio avviso, alcune considerazioni su cui converrà riflettere attentamente nei prossimi giorni :

1)  La negativa assenza di liste di sinistra alternative al PD in circa la metà dei Comuni. Su  109 comuni superiori ai 15000 abitanti il centro studi elettorale della Luiss ha certificato 70 candidati sindaco alternativi al PD , ma in molti casi con più candidature nella stesso Comune (es. PCI a Brescia, il Partito Comunista dei Lavoratori di Rizzo in altri Comuni. )

 

2)  Si affermano maggiormente quelle liste di sinistra e civiche che hanno saputo aprirsi a soggettività politiche e sociali locali, spesso frutto di un consolidato percorso di lotte e di iniziative di opposizione e con candidati credibili.Liste  costruite su programmi capaci di dare sbocco alle esigenze ed ai confitti territoriali più sentiti dalle cittadine e dai cittadini colpiti dalla crisi nell’ ottica di un quarto polo della sinistra alternativa e civica. Liste che hanno cercato di unificare dal basso tutta la sinistra alternativa al PD, valorizzando quei settori di Sinistra Italiana e di Possibile che hanno rotto strategicamente con la pratica e la cultura dell’ accordo con il PD.

 

3)  Liste , perciò, caratterizzate da una scelta netta di collocazione politica alternativa al PD, alla socialdemocrazia europea ed alle politiche liberiste, antidemocratiche ed antipopolari dei governi nazionali degli ultimi anni, da Berlusconi, a Renzi ed a Gentiloni.

Un caloroso ringraziamento va a tutte le compagne ed i compagni del PRC SE che si sono impegnati con generosità e con passione anche in questa scadenza elettorale, contribuendo in maniera determinante al raggiungimento di questi risultati.

 

*Responsabile Enti Locali della segreteria nazionale del PRC SE

 



Sostieni il Partito con una


Campagna di autofinanziamento. Moduli RID